Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banche meno sofferenti

28/03/2017

Banche meno sofferentiGiungono finalmente buone notizie dal sistema bancario italiano, che rappresenta ben il 13,2% della capitalizzazione del Ftse Mib. Secondo l’ultimo bollettino pubblicato dall’Abi, a fine gennaio scorso le sofferenze nette dell’intero sistema sono scese a 77,8 miliardi, la quota più bassa dal giugno del 2014.

Rispetto al 31 dicembre scorso, quando le sofferenze si erano attestate a 86,8 miliardi, si è, infatti, verificata una contrazione di ben 9 miliardi di euro. I dati pubblicati dall’Associazione bancaria italiana testimoniano il trend di discesa dei cosiddetti non performing loans che preoccupano tanto gli istituti di credito del Belpaese quanto le aziende che vorrebbero accedere ai finanziamenti.

Sempre dal bollettino Abi emerge che per la prima volta negli ultimi due anni anche il rapporto tra sofferenze nette, capitale e riserve delle banche italiane ha toccato il valore più basso: 17,62% rispetto al 18,62% di gennaio 2015 e del 19,75% del novembre 2015, quando i non performing loans avevano toccato il picco massimo di quasi 89 miliardi. Per effetto di queste dinamiche il rapporto tra sofferenze nette e impieghi totali si è ridotto al 4,45% rispetto al 4,89% del 31 dicembre 2016.

Al di là della riduzione significativa (pari a circa il 10% del totale) dei crediti deteriorati, uno studio della Cgia di Mestre ha analizzato nel dettaglio i dati e ha evidenziato a chi è riconducibile quest’enorme massa di crediti in sofferenza. Dal report emerge che l’81,1% delle sofferenze in capo ai nostri istituti bancari è stato generato dal primo 10% degli affidati che rappresentano, con buona approssimazione, la platea delle grandi imprese e dei gruppi societari. Ancor più nel dettaglio, secondo una rilevazione dell’Unione nazionale delle imprese (Unimpresa), più del 42% delle sofferenze bancarie è riconducibile alle società attive nell’edilizia.

Mentre le società di costruzioni si ritagliano il 27,57% delle sofferenze (con 43,5 miliardi di euro), le aziende del comparto delle attività immobiliari sono “responsabili” del restante 15,17% (23,9 miliardi), per un totale di crediti in sofferenza di 67 miliardi di euro. Non sono da meno le imprese manifatturiere, che presentano crediti in sofferenza pari a 33,6 miliardi di euro (il 21,3% del totale), mentre è meno significativa la quota che si riferisce alle imprese legate al settore del turismo, con il 5,91% e 9,3 miliardi di euro di crediti in sofferenza.

Intanto, sempre l’Abi ha comunicato che i dati del monitoraggio sull’iniziativa “Imprese in ripresa” confermano l’andamento positivo e l’impegno del settore bancario per la sospensione delle rate o l’allungamento dei finanziamenti per le imprese in difficoltà. Al 31 gennaio scorso sono state accolte 15.196 domande di sospensione del pagamento delle rate per un controvalore complessivo di debito residuo pari a 4,4 miliardi di euro e una maggior liquidità a disposizione delle imprese di 581 milioni di euro. Inoltre, sono state accolte 4.578 domande di allungamento del piano di ammortamento pari a 975 milioni di euro di debito residuo.

L’analisi riguardante l’iniziativa “Imprese in ripresa” evidenzia che le domande per sospendere la quota capitale delle rate di mutui e leasing, allungare il piano di ammortamento dei mutui e le scadenze del credito a breve termine, riguarda il 21,4% delle imprese del settore “commercio e alberghiero”, il 13,8% delle aziende del settore “industria” e il 16,8% delle società del campo “edilizia e opere pubbliche”. 

A cura di: Massimiliano D'Amico
Come valuti questa notizia?
Banche meno sofferenti Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bond, i rischi da monitorare
Notizia successiva »
Quotazioni adulterate
ARTICOLI CORRELATI
Un margine ristretto per il debito pubblico italiano pubblicato il 11 ottobre 2018
Immobiliare, la ripresa parte da Milano pubblicato il 12 ottobre 2018
Banche, scendono i crediti in sofferenza e i tassi sui prestiti alla clientela pubblicato il 17 aprile 2018
Banche e privati a supporto dei Btp? pubblicato il 10 settembre 2018
Immobiliare, quotazioni ancora ferme pubblicato il 15 settembre 2018