Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Torna interessante il comparto dell'energia

27/04/2017

Torna interessante il comparto dell'energiaMentre nel mese di marzo i prezzi del petrolio sono scesi del 13% per poi recuperare l'8% riavvicinandosi ai livelli pre-correzione, è interessante notare che i titoli azionari del comparto petrolifero hanno mancato questo movimento di recupero, segnando nello stesso periodo un rialzo ridotto, di solo il 2% rispetto all'indice azionario globale.

Secondo gli analisti di Etf Securities il prezzo del petrolio non dovrebbe muoversi molto nel medio termine: da una parte le discussioni interne all'Opec riguardo al tagli alla produzione faranno da freno per un rialzo, mentre al contempo la produzione di shale oil statunitense eserciterà pressioni al ribasso.

Nondimeno, nel breve termine ci sono alcuni elementi che possono fornire un supporto all'oro nero.

Innanzitutto, le posizioni speculative nette in futures e opzioni sul petrolio sono ora più equilibrate. A partire da fine febbraio, quando si era registrato un eccesso di posizioni lunghe sull'oro nero, si è assistito a un ribilanciamento, che ha rimosso il rischio di ulteriori ribassi causati da vendite forzate.

In secondo luogo, stiamo entrando in un periodo dell'anno stagionalmente favorevole ai prezzi del petrolio: in media, negli ultimi dieci anni, l'oro nero è sempre salito tra marzo e aprile, favorito anche dalla chiusura delle raffinerie per gli interventi di manutenzione e dall'avvio della "driving season" negli Stati Uniti.

Terzo, la domanda globale di petrolio continua a mantenersi robusta, in grado quindi di compensare i rischi legati a un eventuale aumento dell'offerta da parte sia dei paesi Opec che dei produttori di shale oil.

Se si analizzano i numeri del settore, i titoli azionari del comparto energetico hanno già scontato uno scenario di prezzi del petrolio bassi sul lungo periodo. I dividendi attesi per il comparto (in media il 3,6%) sono i più alti non solo rispetto agli altri settori ciclici ma rispetto a tutto il mercato nel suo complesso (per il quale si prevede un 2,6%).

Le valutazioni, se comparate ad altri settori che beneficeranno di un contesto di reflazione, come quello dei materiali e gli industriali, sono vicine ai minimi di sempre: se si guarda al rapporto prezzo/ valore di libro, le aziende del settore Msci World Energy scambiano oggi a sconto del 20% rispetto a quelle dei materiali e del 40% rispetto agli industriali.

Il comparto è meno attraente per quanto riguarda il rapporto prezzo/utili, perchè le aziende sono ancora in fase di recupero della redditività. Tuttavia, su un orizzonte temporale di tre anni, per il settore energetico gli analisti prevedono la più robusta crescita degli utili rispetto a tutti gli altri settori.

Un altro elemento che vale la pena sottolineare è che il rischio di credito del comparto energetico è molto più basso rispetto a tre anni fa: il recente calo del petrolio non ha causato un'esplosione degli spread sui titoli high yeld energetici, perchè le compagnie petrolifere negli ultimi anni hanno avviato ristrutturazioni e politiche di taglio dei costi senza precedenti.

Ovviamente questo scenario positivo non è esente da rischi. Uno dei maggiori pericoli è rappresentato nel medio termine da un possibile deterioramento degli accordi tra i paesi membri dell'Opec. Al momento solo l'83% dei componenti del cartello si è impegnata a rispettare il taglio alla produzione di 1,2 milioni di barili deciso lo scorso anno.

Estendere l'accordo potrebbe essere difficoltoso, considerato la mancanza di collaborazione da parte dei paesi non-Opec. Per poter avere un quadro più chiaro non resta che attendere il prossimo meeting dell'Opec, che si terrà il 25 maggio.

A cura di: Paola Sacerdote
Come valuti questa notizia?
Torna interessante il comparto dell'energia Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Calcolare il rischio politico
Notizia successiva »
Tecnologiche europee, performanti nel lungo termine
ARTICOLI CORRELATI
Rame e petrolio, segnali poco incoraggianti pubblicato il 28 novembre 2018
La sfida del cambio climatico pubblicato il 13 novembre 2018
Presentazione di 8a+ Investimenti SGR pubblicato il 9 luglio 2018
Il rischio del rialzo dei tassi Usa pubblicato il 15 ottobre 2018
Inflazione e prezzi dell’energia si inseguono a vicenda pubblicato il 30 ottobre 2018