Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fed, verso un rialzo dei tassi scontato

14/06/2017

Gli operatori internazionali danno per scontato un incremento del costo del denaro che porterà il range di riferimento tra 1% e l’1,25%. La Yellen non dovrebbe ancora fornire indicazioni sul taglio del bilancio della Banca Centrale

Ancora una volta il Federal Open Market Committee (Fomc) ha saputo telegrafare al mercato le sue intenzioni di breve termine. E’ per questa ragione che gli operatori finanziari danno per scontato, digerito e metabolizzato un incremento del costo del denaro di un quarto di punto, il secondo dall’inizio dell’anno e la quarta da quando –nel dicembre del 2015- la Banca Centrale Usa ha annunciato l’avvio del processo di normalizzazione della politica monetaria.

Con il costo del denaro attualmente posizionato nel range 1-1,25%, se includiamo l’incremento previsto per oggi, sono molte le domande che dovrà affrontare la presidente Janet Yellen. Con il rialzo dei tassi e il cambiamento sulla politica adottata in materia di riduzione del bilancio della Fed –apparentemente già scontata dal mercato- la domanda chiave sarà se la Fed offrirà delle indicazioni più precise sulla dimensione e la data di avvio del processo di ridimensionamento del suo bilancio. Su questo punto, la maggior parte degli esperti ritiene che maggiori dettagli sui tagli al bilancio –che ammonta a 4.500 mld di usd- saranno ufficializzati solo nella riunione del 19-20 settembre.

I dati sulla riduzione del bilancio sono ritenuti di fondamentale importanza per capire se la Fed opterà per una frenata nel ritmo della stretta quando attuerà provvedimenti concreti in tale direzione.

La Fed rilascerà anche un aggiornamento dell’Indagine sulle Proiezioni Economiche, comprendente anche la revisione del “dot plot” che fornisce indicazioni sull’outlook della Fed relativo al percorso sui tassi di interesse. Diversi investitori sembrano scettici sulla quantificazione delle misure restrittive della Fed nell’attuale ciclo, considerato che negli anni passati su questo punto i membri del FOMC si sono trovati ampiamente in disaccordo. La revisione del dot plot dovrebbe però dare agli investitori indicazioni più precise.

Solo tre membri del Fomc si aspettavano meno di tre rialzi dei tassi da quando la Fed ha pubblicato –lo scorso 15 marzo- le sue ultime proiezioni sull’andamento dell’economia Usa. Da allora, a dispetto della debole crescita economica registrata nel primo trimestre, l’attività economica ha mostrato segni di miglioramento: l’indicatore GdpNow curato dalla Fed di Atlanta ha registrato un progresso del 3%. Questo dato probabilmente determinerà una stabilità delle previsioni sul Pil domestico. È difficile prevedere cosa possa innescare un rimbalzo significativo della crescita USA rispetto ai livelli attualmente modesti. Considerando l’alto grado di incertezza che circonda l’agenda di Trump in materia di politica interna, le prospettive di una riforma fiscale e di un aumento della spesa infrastrutturale si sono per il momento indebolite.

Al contrario, è probabile che la Fed opterà per una revisione al ribasso delle aspettative d’inflazione a causa della debolezza dei prezzi dell’energia. Il rallentamento dell’inflazione potrebbe determinare una divisione tra i membri del Fomc, ampliando le distanze tra chi resta favorevole alla normalizzazione dei tassi e chi propenderà per una pausa di riflessione.  E’ probabile che Janet Yellen ribadirà il fatto che la debolezza dell’inflazione è transitoria, ma anche che i dati sull’inflazione sono stati deludenti recentemente e quindi varrà la pena monitorarli da vicino. Di conseguenza, l’indice core PCE potrebbe essere rivisto al ribasso quest’anno e forse anche nel 2018.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: fed, yellen, tassi, scontato
Come valuti questa notizia?
Fed, verso un rialzo dei tassi scontato Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La lotta psicologica tra mattone e azioni
Notizia successiva »
It, per ora solo qualche scricchiolio
ARTICOLI CORRELATI
Una radiografia dell’economia Usa pubblicato il 17 gennaio 2018
La Fed chiuse l’anno con un aumento dei tassi pubblicato il 14 dicembre 2017
Passaggio di testimone alla guida della Fed pubblicato il 6 novembre 2017
Usa, la minaccia dei tassi pubblicato il 9 maggio 2018
Duration e tassi preoccupano gli investitori pubblicato il 18 maggio 2018