Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Mercati di frontiera da rivalutare

06/07/2017

 Mercati di frontiera da rivalutareNel variegato universo dei mercati emergenti una nicchia che gli investitori dovrebbero tornare a considerare come un'opportunità interessante è quella dei mercati di frontiera, che rappresenta il sottogruppo meno sviluppato all'interno dell'asset class emergente.

Le ragioni che dovrebbero indurre gli investitori a rivalutare tali mercati sono molteplici e molto convincenti, come evidenzia Carlos Hardenberg, Senior Vice President & managing Director di Templeton Emerging Markets Group.

Innanzitutto, questi paesi hanno previsioni di crescita molto robusta. Il fatto che le dieci economie a crescita più rapida del mondo rientrino oggi tra i mercati emergenti certamente non sorprende, ma l’elemento probabilmente inatteso e` che, escludendo Cina e India, le otto economie a crescita più elevata siano in effetti mercati di frontiera. Di queste, cinque si trovano in Africa (Etiopia, Costa d'Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Tanzania e Rwanda), due in Asia (Birmania e Cambogia) e una nella Comunità degli stati indipendenti (Uzbekistan).

In secondo luogo, e in netto contrasto rispetto al mondo sviluppato, molti di questi paesi hanno avviato importanti programmi di riforme a sostegno dello sviluppo economico.  Mentre soprattutto in Europa e negli Stati Uniti stiamo assistendo a un ritorno a restrizioni commerciali e isolazionismo, nei mercati di frontiera e in alcuni emergenti sono evidenti i segnali che indicano l'attuazione di riforme pacate ma profonde.

Da questo punto di vista un ruolo importante è stato svolto dall'andamento dei prezzi delle materie prime. Tra il 2000 e il 2008, nei cosiddetti anni del boom, quando i prezzi delle materie prime continuavano a salire, la dinamica riformista era poco vivace, soprattutto nei paesi dipendenti dalle esportazioni di materie prime. Ma quando e` e scoppiata la crisi finanziaria e i prezzi delle commodity hanno subito una pesante correzione, molti di questi paesi hanno dovuto ripartire dai fondamentali e avviarsi lungo un sentiero di riforme mirate ad attirare capitali e finanziare lo sviluppo.

Un altro fattore che rende attraenti i mercati di frontiera è quello relativo alle valutazioni. Se si considera il rapporto prezzo/utili dell'indice Msci Frontier Markets, le azioni di questo segmento sono scambiate a multipli ancora molto bassi rispetto a quelle dei mercati sviluppati e dei mercati emergenti.

Infine, i mercati di frontiera hanno tradizionalmente evidenziato una bassissima correlazione con altri mercati emergenti quali Cina, Brasile o Indonesia, oppure con mercati sviluppati quali Stati Uniti, Giappone o Regno Unito, e questo li rende un'asset class interessante ai fini di una diversificazione di portafoglio.

Se quindi sono molti i fattori positivi che rendono interessanti questi mercati, va detto però che molti investitori continuano a non prenderli in considerazione a causa di varie "leggende metropolitane", che secondo Franklin Templeton vanno sfatate. Le più comuni e ricorrenti sono l'illiquidità percepita, la bassa capitalizzazione di mercato e standard di corporate governance inferiori rispetto ai mercati più sviluppati.

Come nel caso dei mercati emergenti in generale, non si possono considerare tutti i mercati di frontiera come una categoria omogenea. Le diversità tra un paese e l'altro sono notevoli, e in realtà i mercati di frontiera sono sotto svariati aspetti molto più diversi tra loro di quanto lo siano i mercati emergenti.

Nel complesso però il genere di riforme in atto in molti di questi paesi rappresenta una buona premessa per miglioramenti in termini di turnover e dimensioni e per maggiori opportunità future per gli investitori azionari.

A cura di: Paola Sacerdote
Parole chiave: emergenti, mercati, azionario, frontiera
Come valuti questa notizia?
Mercati di frontiera da rivalutare Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Affrontare la volatilità del mercato cinese
Notizia successiva »
Immobili, qualche pericolo dai rialzi dei tassi
ARTICOLI CORRELATI
Mercati di frontiera e crescita secolare pubblicato il 24 luglio 2018
Il variegato universo delle divise emergenti pubblicato il 1 agosto 2018
Mercati in caduta, la visione negativa pubblicato il 9 febbraio 2018
Usa nel deserto dei tartari pubblicato il 1 settembre 2018
Come evitare il panico sui mercati? pubblicato il 7 settembre 2018