Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Che affare la salute

14/07/2017

Abbiamo visto che sul lungo periodo le trasformazioni demografiche e tecnologiche in atto rischiano di spingere l'economia mondiale in una situazione di perenne stagnazione del Pil nominale a causa di diverse pressioni deflative tra le quali è molto importante la dinamica dei salari. Ovviamente ciò avrà conseguenze enormi sui mercati finanziari e vale quindi la pena cercare temi che potrebbero essere favoriti dai fenomeni in atto.

Notoriamente il mondo sta invecchiando: la speranza di vita è in aumento dappertutto e, a parte l'Africa e qualche altra realtà particolarmente arretrata, il tasso di nascite in tutto il pianeta varia da poco più della soglia di rimpiazzo (2,1-2,2 figli per donna) a livelli catastroficamente bassi. Notoriamente questo fatto pone stress non da poco sui sistemi pensionistici e su quelli sanitari: infatti lo scenario deflativo rende particolarmente difficile per gli amministratori pubblici continuare a fornire servizi e prodotti di qualità a livello di cura della salute. Sarà in pratica assolutamente necessario risparmiare. Il fenomeno è particolarmente urgente negli Usa, dove l'inflazione sanitaria negli ultimi decenni è fuori controllo, tanto che ormai l'healthcare rappresenta il 17,1% del primo Pil del mondo. In Italia siamo fermi al 9,1%, in Corea del Sud si arriva al 7,7% e in Cina al 5,5%. Altri emergenti come Malaysia e Turchia presentano percentuali molto più basse.

I colossi del Nord-Est dell'Asia non sono stati citati a caso: se quest'area del mondo da decenni sforna innovazioni importanti a livello di It e di industria in generale, nella sanità i cittadini sono sempre stati consumatori modesti, visto il non generoso welfare, e concentrati soprattutto su beni e servizi o importati dall'estero o replicati su licenza. Un modello per certi versi più simile a quello dell'India che a quello di nazioni sviluppate.

Le cose stanno ora cambiando: in particolar modo Cina e Corea stanno puntando enormi capitali sulle biotecnologie. La Corea in pochi anni è diventato il leader mondiale dei biosimilari, nonché della produzione in conto terzi di farmaci biotech. Il paese vanta alcune delle migliori università e la più alta concentrazione di strutture per clinical trial del mondo. Farmaci e in generale prodotti medici coreani innovativi stanno in questi ultimi anni spuntando come funghi, con specialità che vengono sovente date in licenza ai colossi mondiali del pharma, che sempre più stanno diventando colossali distributori e marketer.

Non è impensabile che nel giro di qualche anno aziende asiatiche costruiscano le infrastrutture necessarie per invadere direttamente i mercati sanitari di tutto il mondo. Ad esempio Samsung Electronics, attraverso la controllata Samsung Biologics, ormai il maggiore produttore in conto terzi di bio-medicine, vorrebbe muoversi verso questo modello di business. Invece di sviluppare i propri farmaci vorrebbe costruire le necessarie strutture di marketing per portare in tutto il pianeta le innovazioni realizzate da gruppi coreani di minori dimensioni.

Notoriamente poi quello che di solito fa la Corea su una scala relativamente ridotta viene ripetuto qualche anno dopo con un ordine di grandezza spaventoso dalla Cina. Se l'obiettivo del governo di Seul è avere tre gruppi farmaceutici fra i primi 50 del mondo nel giro di un decennio, non è certo così incredibile pensare che per quell'epoca il Dragone, dopo essere stato la fabbrica della Terra, ne sarà diventato anche il laboratorio farmaceutico. 

L'Asia, dunque, dopo avere portato disruption in ogni settore in cui è entrata, potrebbe alterare completamente gli equilibri anche nell'healthcare. In questo, come dicevamo, spinta da un mondo che ha un drammatico bisogno di contenere le spese sanitarie. E che quindi troverebbe ossigeno nelle future Taiwan Semiconductor, Huawei e Samsung Electronics del farmaco. Peraltro gruppi con queste ambizioni sono già abbondantemente quotati sui listini di Seul, Singapore, Shenzhen, Taipei e Shanghai.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: healthcare, biotech, cina, corea
Come valuti questa notizia?
Che affare la salute Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La matematica guida gli hedge fund
Notizia successiva »
Attenti alla demografia
ARTICOLI CORRELATI
Corea del Nord, Fed e Bce nell’agenda della settimana pubblicato il 11 giugno 2018
Il ritorno delle biotecnologie pubblicato il 13 luglio 2018
La vera minaccia di Pyongyang sull'Asia pubblicato il 25 ottobre 2017
Il termometro lusso pubblicato il 6 luglio 2018
I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond pubblicato il 16 luglio 2018