Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Pro e contro le divise digitali

09/10/2017

Pro e contro le divise digitali

Una delle incertezze più sottolineate delle cripto divise risiede nell’assenza di una qualche forma di legittimazione da parte di qualche governo o istituzione monetaria. Ma non sempre questo è un fattore chiave.

Questo dato assume un’importanza significativa perché si traduce nell’assenza di un emittente di riferimento a livello internazionale, nella conseguente assenza di una quotazione ufficiale sui mercati regolamentati e, infine, nel totale isolamento da quelle che sono le dinamiche che regolano l’economia mondiale.

L’altra grande incertezza è quella mostrata dai grafici. Il comportamento del bitcoin – la moneta digitale più celebre e decantata- negli ultimi tre anni, periodo in cui ha accumulato una rivalutazione del 1.800%, anticipa di ben sette anni la formazione dell’enorme bolla speculativa che coinvolse le società del settore tecnologico. L’indice Nasdaq 100 ha impiegato dieci anni per accumulare una rivalutazione dai connotati simili prima di far tremare la totalità del mercato finanziario. In un lasso di tempo similare, né la bolla petrolifera, scoppiata nel 2008, né quella dell’argento, esplosa nel 2011, hanno raggiunto tali dimensioni. E neanche quella immobiliare, nonostante la grande corsa al rialzo pre-2008, ha percorso tanta strada prima di sgonfiarsi.

Dinanzi quest’ultima evidenza, esiste un’argomentazione che, pur non negando l’esistenza di una bolla speculativa, ritiene che tutte le asset class interessate da un fenomeno di questo tipo continuino ad esistere. Le società tecnologiche, per esempio, hanno conquistato una posizione privilegiata nell’economia mondiale. Il tanto discusso business della rete ha saputo creare colossi del calibro di Alphabet e Amazon, società che rivestono un ruolo cruciale nell’economia mondiale.

Il comportamento delle cripto divise riunisce tutti gli aspetti di una bolla classica. Se utilizziamo il linguaggio diffusosi nel corso della nuova rivoluzione digitale, che considera ‘minatori’ i generatori delle divise digitali, il tutto ci ricorda la febbre dell’oro. Attualmente il bitcoin ha raggiunto una quotazione pari a tre volte quella dell’oncia di metallo giallo.

Spostando l’attenzione sulle ragioni esposte a supporto delle cripto divise, molti argomentano che la radice digitale di queste valute non debba rappresentare un fattore di preoccupazione perché le divise attualmente presenti sui mercati sono già in parte supportate da bits e non da banconote e monete. Un altro fattore a supporto del bitcoin è che alcuni governi e alcune imprese, in particolare in Asia, hanno cominciato ad accettare il bitcoin come strumento di pagamento.

Secondo il senior research advisor Dan Davies, che fornisce una spiegazione coerente di come è stata creata la rete e anche un metodo di valutazione rigoroso, il Bitcoin ha potuto costruirsi una rete di utenti perché risponde a una chiara esigenza economica: finanziare transazioni per le quali, data la natura illecita, la moneta esistente comportava uno svantaggio. Questo non spiega interamente il motivo del successo nella creazione della rete: bisogna capire perché chi si dedica al traffico di droga abbia deciso di adottare il bitcoin. Il vantaggio iniziale sarà stata quell’arguzia da nerd, ma al di là delle dubbie origini, potrebbe essere davvero la moneta più intelligente di sempre. È probabile che i primi scopritori si siano detti: “è troppo ingegnosa per non usarla”. Il bitcoin rivela ciò che dovremmo già sapere della moneta, ma spesso non è chiaro, ossia che la moneta non ha “garanzie” e il suo valore risiede semplicemente in una massa critica di utenti esistenti.

Nonostante ciò, è arduo aspettarsi che nel breve termine venga risolto il problema principale di queste divise: la liquidità. Recentemente la Sec (Securities and Exchange Commission) ha negato la commercializzazione di veicoli d’investimento focalizzati sul bitcoin ed ha messo in discussione la creazione di nuove cripto divise. Nelle ultime settimane, anche le autorità cinesi hanno sottolineato la loro contrarietà alla diffusione del fenomeno.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: divise, bitcoin, bolla, futuro
Come valuti questa notizia?
Pro e contro le divise digitali Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Emergenti, la crescita matura
Notizia successiva »
Emergenti, tempo di una parziale rotazione
ARTICOLI CORRELATI
Dove il mattone è a rischio bolla pubblicato il 9 ottobre 2018
Il variegato universo delle divise emergenti pubblicato il 1 agosto 2018
La bolla dei bond è una tesi da sfatare pubblicato il 9 maggio 2018
Lunga vita al dollaro pubblicato il 14 settembre 2018
Riconoscere le bolle speculative pubblicato il 27 aprile 2018