Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Azionario globale, affinità e divergenze fra il 2007 e oggi

16/10/2017

Azionario globale, affinità e divergenze fra il 2007 e oggi

Avevamo visto che l'azionario globale (in dollari) nei primi nove mesi dell'anno aveva evidenziato alcuni trend generali complessivamente molto positivi. A questo punto, però, diventa interessante anche mettere in rilievo somiglianze e divergenze con gli ultimi anni prima della grande crisi finanziaria, ormai di un decennio fa, l'ultima fase caratterizzata da una stretta monetaria da parte della Federal Reserve.

I punti di contatto con quell'epoca non sono secondari: oggi come allora siamo di fronte a una stretta monetaria, caratterizzata da una sfasatura fra un'America più avanti nel ciclo e un'Europa ancora in pieno stimolo espansivo. Inoltre in entrambi i casi veniamo da molti anni di crescita delle quotazioni azionarie, a seguito di un disastroso crollo. In ambedue le situazioni indubbiamente gli tsunami di denaro a basso costo hanno dato il loro bel contributo a uscire da crisi che altrimenti con ogni probabilità sarebbero state molto più gravi di quanto si sono poi rivelate.

Le similitudini, però, di fatto finiscono qui, mentre le differenze sono tante e profonde. Innanzitutto a livello macro oggi il mondo cresce molto meno e diverse volte abbiamo visto che sostanzialmente da fine 2007 a fine 2016 l'unica realtà a vedere un cambiamento tangibile e sostanziale è stata la Cina. Né la ripresa attuale sembra destinata a cambiare più di tanto la situazione.

Per quanto riguarda quest'ultimo aspetto va ricordato che l'Europa è stata a lungo negli ultimi anni completamente isolata dal pur fiacco ciclo di crescita globale, mentre nella prima fase dell'era euro l'andamento del Vecchio continente non aveva nulla da invidiare agli Usa. E poi ci sono gli emergenti, che vivono oggi in una situazione completamente diversa da quella di un decennio fa, quando erano all'apice di quello che è stato forse il loro momento migliore.

Tutto ciò si è riflesso anche nel diverso andamento delle quotazioni borsistiche: nel 2007 per l'unica volta da metà anni ‘90 il P/E forward degli emergenti risultò superiore a quello delle nazioni sviluppate, mentre oggi su quei mercati si sta scambiando con uno degli sconti maggiori. Nella prima parte del secolo inoltre pure l'Europa mostrò ottime performance relative rispetto a una Wall Street in fondo in tono minore. L'era post-crisi finanziaria invece ha visto il dominio assoluto dell'equity statunitense, caratterizzato pure da un lungo bull market del dollaro: anche in questo caso si tratta di un fenomeno opposto rispetto al 2005-2007.

In compenso sono ormai tre anni che le materie prime quotano a corsi piuttosto depressi con prevedibili conseguenze sull'inflazione, o meglio sulla sua assenza, e all'orizzonte non si vede certo un nuovo 2011, anno in cui per molte risorse naturali fu raggiunto il nuovo massimo storico.

Insomma viviamo in un mondo per certi versi completamente diverso per caratteristiche economiche e finanziarie se paragonato al recente passato, per tacere poi del differente peso assunto in questi ultimi anni da parte dell'economia digitale. Inoltre resta il fenomeno di una creazione di debito molto più rapida e pervasiva rispetto all'aumento del Pil planetario, nonché un livello di leva non indifferente nel sistema.

Quale dei due aspetti prevarrà? La possibilità di vedere un recupero in molte zone del mondo fuori dagli Usa o le difficoltà indotte da una stretta finanziaria forse troppo prematura? Per rispondere a questa domanda sarà necessario analizzare nel dettaglio alcune caratteristiche del quantitative easing americano.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: azionario, globale, 2007, confronti
Come valuti questa notizia?
Azionario globale, affinità e divergenze fra il 2007 e oggi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Quebec, un monito per la Catalogna
Notizia successiva »
Fase favorevole ai bond ad alto rendimento in euro
ARTICOLI CORRELATI
Il vantaggio indiano pubblicato il 25 agosto 2018
Le chance delle azioni europee nello scenario globale pubblicato il 8 maggio 2018
Mercati in caduta, la visione positiva pubblicato il 7 febbraio 2018
L'illusione di un boom che non c'è pubblicato il 19 febbraio 2018
Il dilemma del value europeo pubblicato il 18 aprile 2018