Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fase favorevole ai bond ad alto rendimento in euro

17/10/2017

Negli ultimi mesi sembra che tutto sia girato a favore di quest’asset class. Vediamo quali sono i fattori che ne hanno determinato le soddisfacenti performance ottenute negli ultimi trimestri

Il rendimento degli high yield bond è frutto della somma del rendimento dei titoli a rischio zero (tipicamente il ritorno dei governativi di pari scadenza e della stessa area geografica della società emittente) più un premio per il rischio legato alla possibilità di default dell’emittente. Quest’ultima è in termini generici funzione del ciclo economico: meglio l’economia va, più si riduce la possibilità che l’impresa fallisca. Questo spiega perché gli euro high yield hanno avuto un buon andamento recente: i tassi dei titoli governativi dopo la fiammata di inizio anno si sono assestati o sono addirittura leggermente scesi. Nel contempo i dati macroeconomici che segnalano lo stato di salute dell’economie continentali hanno mostrato progressivi miglioramenti allineandosi al trend delle principali aree economiche globali tant’è che il tasso di default continua a essere molto basso (intorno all’1,8%).

I fattori a supporto dell’asset class sono fondamentalmente riconducibili a due ordini di considerazioni; una di carattere fondamentale, legata al miglioramento del quadro macro (europeo soprattutto) e al sensibile rafforzamento delle banche, con conseguente possibilità di supportare l’aziende nell’accesso al credito. Il secondo ordine di considerazioni fa fondamentalmente riferimento alla ricerca di rendimento legata all’enorme livello di liquidità presente sul mercato, sulla scorta delle manovre di quantitative easing adottate dalle banche centrali dei Paesi sviluppati: questa ha indotto significativi afflussi, nel corso degli anni, su questo comparto del fixed income, inducendo anche un certo livello di compiacenza rispetto alla rischiosità di questa tipologia di strumenti.

Da inizio anno è girato tutto a favore degli high yield: gli spread medi del comparto e i rendimenti di partenza, di per sé già interessanti, hanno beneficiato di mercati azionari in rialzo e volatilità ai minimi storici, con cui sono molto correlati, per raggiungere valori ancor più contenuti. Gli spread al momento non sono distanti dai livelli raggiunti nel periodo pre-crisi finanziaria e i rendimenti sono ai minimi storici. i tassi sottostanti gli spread infatti sono saliti, ma con uno scostamento molto contenuto, vista la riluttanza della Bce ad annunciare un programma di riduzione delle iniezioni di liquidità nei mercati.

La propensione al rischio degli investitori, che in un contesto di tassi nulli o negativi si accaniscono alla ricerca di rendimento sia nel mondo Investment grade che in quello High yield, è stata agevolata da fondamentali societari stabili, con livelli di indebitamento mediamente sotto controllo e lontani dagli eccessi del passato, e copertura delle spese per interessi in continuo miglioramento: molte società infatti hanno approfittato del contesto di tassi bassi per rifinanziare le scadenze estendendo la vita media del debito e riducendone al contempo il costo. Tassi di fallimento inferiori a ogni più rosea aspettativa ed emissioni nette contenute completano un quadro di solidità e stabilità che potrebbe proseguire anche nei prossimi mesi.

Da un punto di vista tecnico il mercato è stato, ed è, ancora molto forte poiché l’offerta netta di carta rimane vicina a zero. I perduranti tassi bassi e le politiche di bilancio caute delle società hanno favorito politiche di rifinanziamento finalizzate a richiamare debito, sia per ridurre la leva sia per rifinanziarlo anche attraverso loan e non più solo attraverso bond. La scarsità di carta sul mercato è stata un fattore determinante nel ridurre anche la volatilità del mercato.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: high yield, bond, tassi, rendimenti
Come valuti questa notizia?
Fase favorevole ai bond ad alto rendimento in euro Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Azionario globale, affinità e divergenze fra il 2007 e oggi
Notizia successiva »
Italiani e investimenti, poche idee e confuse
ARTICOLI CORRELATI
Un anno incerto per gli high yield bond pubblicato il 6 aprile 2018
A caccia di high yield in usd pubblicato il 27 marzo 2018
Buone prospettive malgrado i deflussi per gli HY pubblicato il 7 marzo 2018
Cinque miti da sfatare per i bond pubblicato il 12 aprile 2018
Bond convertibili, un’opzione per il lungo termine pubblicato il 16 aprile 2018