Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il Giappone è già pronto per le sfide del 2018

18/12/2017

Il Giappone è già pronto per le sfide del 2018

Il Giappone ha registrato una crescita ragionevole nel terzo trimestre, con un forte incremento di esportazioni e di scorte. La crescita del Pil del 2017 sarà dell’1,5% (precedente: + 1,4%)

Le aziende beneficeranno dell’espansione economica globale. Gli investimenti delle imprese acquisteranno slancio grazie a un livello storico degli utili societari elevato. È un circolo virtuoso di esportazioni significative, profitti più alti e investimenti in conto capitale. Nel frattempo, il miglioramento della produttività resta un tema dominante per l’economia in cui si registra una diminuzione della forza lavoro attiva.

Il contesto macroeconomico è discreto, mentre la liquidità rimane abbondante. Per ora questo non ha portato a un’inflazione sostenuta, ma il livello di saturazione del mercato del lavoro dovrebbe presto o tardi spingere in alto l’inflazione. Quest’anno l’interesse estero è stato moderato, il mercato è stato guidato dagli investitori locali, inclusa la BoJ. Un eventuale ritorno degli investitori esteri porterebbe un’ulteriore spinta al mercato. Il Giappone è in testa alla regione in termini di crescita e revisioni degli utili e i risultati del primo semestre non hanno deluso. La schiacciante vittoria del primo ministro Abe nelle elezioni per la Camera Bassa ha assicurato continuità alle riforme politiche e conserviamo pertanto un outlook ottimistico per il mercato azionario giapponese.

Recentemente gli utili societari giapponesi sono saliti in misura superiore al Pil, favoriti dal deprezzamento dello yen. In considerazione del cash flow positivo generato dal settore societario, gli esperti rintegono che le aziende abbiano margine per incrementare le spese in conto capitale e le distribuzioni di dividendi. Al contempo, il mercato del lavoro giapponese ha registrato tensioni crescenti. Le maggiori tensioni delle condizioni di lavoro potrebbero contribuire a sostenere i redditi e a determinare un incremento di consumi.

La vittoria di Abe potrebbe portare ad altri quattro anni di politiche favorevoli alla crescita e alla possibilità di un secondo mandato per l’ultra-accomodante Governatore della Bank of Japan (BoJ), Haruhiko Kuroda.

Ciò detto, il Giappone ha fatto notevole affidamento su un massiccio allentamento monetario, sul bilancio della banca centrale e sugli acquisti di asset da parte di questa, nonché su una politica complessiva di inflazione dei prezzi degli asset. La BoJ detiene ora due quinti del debito sovrano del Paese e due terzi del mercato Etf interno.

Questi acquisti hanno rappresentato una colonna portante del supporto per le azioni giapponesi e mantenuto un tasso di cambio piuttosto favorevole ma aumentano i rischi di minore liquidità e di una maggiore volatilità nel prossimo futuro.

Guardando al 2018, gli analisti stimano che  i driver della crescita – molti dei quali presentano una natura strutturale – saranno ancora presenti. Infatti, l’Ocse ha rivisto al rialzo le stime sulla crescita economica reale del Giappone, nello specifico all’1,2% per il 2018, lo 0,2% in più rispetto alle precedenti previsioni di giugno.

Le aziende hanno gradualmente fatto investimenti per la sostituzione della manodopera. Il primo ministro Abe ha esortato le aziende a consentire una crescita dei salari del 3% l’anno prossimo, mentre Ldp, il partito al governo, sta prendendo in considerazione anche un programma di incentivi fiscali. La risposta delle aziende resta da vedere. Per quanto riguarda le politiche monetarie e fiscali, un aumento del deflatore del Pil trimestre su trimestre per la prima volta in sei trimestri darà un po’ di sollievo alla BoJ. È probabile che la Banca manterrà la propria politica accomodante, prevedendo che sia le aspettative di inflazione sia i prezzi al dettaglio (e, si spera, anche i salari) accelerino.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: abe, boj, yen, giappone
Come valuti questa notizia?
Il Giappone è già pronto per le sfide del 2018 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Cfd, soprattutto una scommessa
Notizia successiva »
Petrolio, il miraggio di quota 80
ARTICOLI CORRELATI
Abe consolida la sua leadership pubblicato il 21 settembre 2018
Giappone, occhi puntati sull'incognita Abe pubblicato il 17 luglio 2018
Una piccola lezione dal Giappone pubblicato il 6 giugno 2018
Sei anni di Abenomics pubblicato il 24 maggio 2018
Lunga vita al dollaro pubblicato il 14 settembre 2018