Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Meno disoccupati, più inflazione?

19/12/2017

Meno disoccupati, più inflazione?

L’Istat, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Inps, l’Inail e l’Anpal hanno pubblicano sui rispettivi siti web la quinta “Nota trimestrale congiunta sulle tendenze dell’occupazione relativa al terzo trimestre 2017”. Come sappiamo bene questa variabile incide profondamente sull’inflazione: in teoria più occupati ci sono, maggiore è la pressione sui salari, più alta è l’inflazione, che da anni rappresenta uno dei punti dolenti dello scenario macroeconomico. Va da sé che le banche centrali siano costantemente impegnate per alzarla, spesso con risultati molto modesti. La vera difficoltà è stata paradossalmente la deflazione, vale a dire la diminuzione del costo della vita, che è indice di economie che non si sviluppano, di consumi scarsi, di disoccupazione e di dinamiche salariali piatte. 

Nel terzo trimestre 2017 è proseguita la tendenza all’aumento dell’occupazione su base annua e in termini congiunturali. Le dinamiche del mercato del lavoro si sono sviluppate in un contesto di significativa e persistente crescita del prodotto interno lordo, che ha segnato nuovamente un aumento congiunturale dello 0,4% con un tasso di crescita tendenziale all’1,7%; l’input di lavoro misurato in termini di Ula (unità di lavoro equivalenti a tempo pieno) mostra una dinamica pressoché analoga a quella del Pil (+0,5% sotto il profilo congiunturale e +1,3% in termini tendenziali). Il tasso di occupazione destagionalizzato è risultato pari al 58,1%, in crescita di due decimi di punto rispetto al trimestre precedente. Considerando l’ultimo decennio (2008-2017), il tasso aumenta di oltre due punti percentuali rispetto al valore minimo (terzo trimestre 2013, 55,4%), proseguendo nella tendenza al recupero dei livelli massimi pre-crisi (58,8% nel secondo trimestre del 2008).

In questo contesto, l’insieme dei dati provenienti dalle diverse fonti mette in luce che la crescita tendenziale dell’occupazione è ancora interamente determinata dalla componente del lavoro dipendente in termini sia di occupati (+2,3%, Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro) sia di posizioni lavorative riferite specificamente ai settori dell’industria e dei servizi (+3,6%, Istat, Rilevazione Oros). Il lavoro indipendente, invece, continua a diminuire a livello sia tendenziale (-99 mila occupati, -1,8%), sia congiunturale (-22 mila occupati, -0,4%) sebbene con ritmi meno intensi in confronto allo scorso trimestre. Le posizioni lavorative dipendenti presentano, nei dati destagionalizzati, un incremento congiunturale concentrato nel settore dei servizi.

Nel terzo trimestre 2017 le attivazioni sono state 2 milioni 335 mila e le cessazioni 2 milioni 260 mila, determinando un saldo positivo di 75 mila posizioni di lavoro dipendente. Ciò è sintesi della crescita nei servizi (+77 mila posizioni) e, seppure ridotta, nell’industria in senso stretto (+12 mila), della stabilità nelle costruzioni, e della riduzione nell’agricoltura (-14 mila). Andamenti analoghi si riscontrano nelle posizioni lavorative dei dipendenti del settore privato extra-agricolo (Istat, Rilevazione Oros) dove la variazione congiunturale di 0,9% (+116 mila posizioni) è dovuta a un aumento consistente nei servizi (+1,2%, +97 mila posizioni) e meno marcato nell’industria in senso stretto (+0,5%, +18 mila) a fronte di una variazione sostanzialmente nulla nelle costruzioni. Con riferimento alla tipologia contrattuale, l’aumento congiunturale delle posizioni lavorative dipendenti è la sintesi di un incremento di 81 mila posizioni a tempo determinato e di un lieve calo a tempo indeterminato (-6 mila). 

A cura di: Massimiliano D'Amico
Parole chiave: occupazione, inflazione, pil
Come valuti questa notizia?
Meno disoccupati, più inflazione? Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Petrolio, il miraggio di quota 80
Notizia successiva »
Gli zombie dell’eurozona
ARTICOLI CORRELATI
Inflation linked bond, in caso d’inflazione pubblicato il 25 settembre 2018
Bund nel mirino degli operatori pubblicato il 9 ottobre 2018
Italia, qualche nube all'orizzonte pubblicato il 12 giugno 2018
Turchia e Argentina, una navigazione difficile pubblicato il 4 settembre 2018
Istat, manifatturiero ed esportazioni in flessione pubblicato il 8 maggio 2018