Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Usa, la minaccia dei tassi

09/05/2018

Usa, la minaccia dei tassi

In un precedente articolo avevamo visto che gli Usa e il loro mercato azionario non sembrano destinati a vedere tracolli a breve: l’economia infatti va bene, le aziende producono utili e aumentano i fatturati, l’amministrazione Trump ha abbassato le tasse alle imprese, i consumi crescono, anche grazie a un tasso di disoccupazione ai minimi storici, e l’inflazione è un po’ cresciuta, ma non tanto da dare preoccupazioni.

Questo il quadro attuale, ma andrà sempre così? Se il 2018 non fa intravedere grandi nubi, si può dire che lo scenario sarà altrettanto favorevole anche nel 2019? In realtà i timori per l’anno che verrà non sono da poco. Vediamo intanto il principale: il rialzo dei tassi.

La Federal Reserve ha intrapreso la via dell’incremento degli interessi dapprima in maniera molto timida, ma da alcuni mesi in modo molto più deciso. I Fed Funds, che costituiscono il tasso di riferimento per l’intero sistema, sono attualmente all’1,75%, dopo avere toccato il minimo allo 0,25% nel 2016. Sono attesi entro l’anno almeno altri due rialzi, ma c’è chi pensa che i ritocchi potranno essere addirittura tre, per arrivare quindi al 2,50%. Entro la fine del 2019 le previsioni sono per un tasso base di almeno il 3%.

Un cambiamento di questo genere certamente può avere ripercussioni pesanti su tutto il sistema. Innanzitutto le aziende dovranno pagare molti più dollari per indebitarsi e questo fatto certamente non farà molto bene agli investimenti e ai bilanci societari.

Ma a soffrire sarà tutto il sistema obbligazionario: con un tasso  di riferimento intorno al 3% il Treasury decennale dovrebbe salire fino al 4% circa e di conseguenza sono destinati a crescere anche gli interessi delle obbligazioni corporate. Gli high yield rischiano di dovere dare tre-quattro punti in più rispetto al bond governativo decennale e saggi a quei livelli potrebbero rendere insostenibili i conti delle aziende, specie le più fragili. Se teniamo poi presente che l’attuale ciclo economico sta durando da oltre un decennio e che inevitabilmente l’economia prima o poi dovrà riprendere fiato, l’arrivo di una politica di incremento dei tassi può  essere un colpo molto pesante per l’intero sistema industriale Usa. Non a caso le ultime due fasi di crescita dei saggi hanno portato crisi aziendali e ribassi a Wall Street.

Ma non solo. La crescita dei tassi dei Treasury rischia di spostare enormi capitali dall’azionario all’obbligazionario: nel momento in cui dal debito pubblico arrivano remunerazioni di quel tipo può essere meno interessante puntare soldi sull’equity. E la conseguenza immediata sarebbe la caduta dei corsi di Wall Street.

Infine un altro elemento negativo sarebbe costituito dai contraccolpi sui mercati emergenti: nel momento in cui la maggiore economia del mondo fornisce rendimenti alti, molti investimenti lascerebbero i porti meno sicuri degli emergenti per buttarsi sugli Stati Uniti. A quel punto i paesi in via di sviluppo dovrebbero costretti o a lasciare partire i capitali internazionali che hanno investito in quelle aree, o a dare interessi molto più alti di adesso, con le conseguenze negative facilmente immaginabili sui conti aziendali e degli stati. E nel momento in cui andassero in crisi alcune importanti economie emergenti, le conseguenze sarebbero negative per tutti, Stati Uniti compresi. Le interconnessioni tra le diverse economie sono oggi enormi ed è impensabile che dalle difficoltà di un gruppo di paesi qualcuno si possa avvantaggiare. Incidentalmente in problemi simili si troverebbe anche l’Italia, che già oggi fornisce rendimenti agli obbligazionisti inferiori rispetto agli Stati Uniti: una situazione semplicemente paradossale.

Ma le minacce a medio-lungo termine sugli States sono anche di altro genere: avremo modo di parlarne presto.

A cura di: Alessandro Secciani
Come valuti questa notizia?
Usa, la minaccia dei tassi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La bolla dei bond è una tesi da sfatare
Notizia successiva »
Strategie per scansare le correzioni
ARTICOLI CORRELATI
Oro: molto vicino a quota 2.000 dollari pubblicato il 5 agosto 2020
Schroders: la Bce amplia il QE, tassi fermi fino al 2024 pubblicato il 23 dicembre 2020
Borse: niente panico, siamo investitori sul lungo termine pubblicato il 26 febbraio 2020
Dollaro: la sua corsa sta per finire? pubblicato il 4 agosto 2020
Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023 pubblicato il 23 settembre 2020