Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Internet, una MySpace non ci sarà più

18/06/2018

Internet, una MySpace non ci sarà più

Nonostante il grande interesse per i temi value, fare soldi in tale ambito, per svariate ragioni, è tutt'altro che facile. Se infatti il problema fosse solo andare a prendere quelle nicchie di investimento con i multipli più allettanti, da un triennio il mercato azionario russo sarebbe l'asset class che meglio performa al mondo, cosa ben lontana dall'essere accaduta.

Perciò anche quest'anno il meglio sul pianeta sembra costituito dal comparto tecnologico, specificatamente quello statunitense. Performance meno brillanti si stanno vedendo in Asia, probabilmente a causa della maretta generale sugli emergenti e per via della corsa pazzesca del 2017, più intensa (e non di poco) rispetto all'It a stelle e strisce. Venerdì 15 giugno, infatti, l'indice S&P 500 It services era su di oltre il 14% in termini di total return. Questo comparto finora si trova in terza posizione fra gli 11 del principale indice azionario del mondo dietro l'energia (+ 17%), che però sembra avere messo a segno solo un rimbalzo di breve dopo anni terribili, e dopo i beni di consumo discrezionali, in aumento di oltre il 24%. All'interno di quest’ultimo insieme, però, si trova un colosso dell'e-commerce come Amazon.

È difficile pensare, in absentia di una situazione di crisi conclamata, che l'investimento nei colossi dell'It possa cominciare ad andare peggio di altri comparti: secondo diversi operatori sta emergendo un quadro assai interessante delle ragioni per cui oggi alcuni giganti It sono in una posizione invidiabile.

Essi infatti stanno ancora mettendo a segno tassi di crescita imponenti e inglobano interi settori economici prima non digitalizzati; al tempo stesso, però, ormai i protagonisti di internet difficilmente potranno essere buttati fuori dalla loro posizione. Prendiamo il caso del quasi duopolio nell'internet cinese, Tencent e Alibaba: fintanto che i due continueranno ad allineare i propri obiettivi con quelli del governo cinese sarà parecchio difficoltoso per eventuali concorrenti scalzarli da comparti come l'e-commerce, i videogiochi, l'intelligenza artificiale, la fintech e diversi altri.

Come si può vedere nell'insieme sono stati inclusi anche temi nuovissimi: è ragionevole pensare che le varie start-up particolarmente innovative che emergeranno finiranno per essere inglobate dalle Facebook, dalle Tencent, dalle Alphabet di questo mondo. È possibile che in futuro varie tecnologie fintech rivoluzioneranno per davvero il panorama dei servizi finanziari retail, ma è improbabile che questo processo farà sparire gruppi come Visa, UnionPay o Alibaba. Anzi probabilmente saranno questi colossi a guidare i cambiamenti.

Anche le stretta a livello di regolamenti alla fine potrebbe giocare a favore dell'establishment tecnologico: è vero che essa rappresenta un aggravio di costi per molti gruppi, ma proprio per questo è probabile che alla fine ciò andrà a favorire chi vanta già imponenti mezzi come Facebook. Difficilmente infatti un competitor potrà permettersi di assumere tonnellate di lobbisti, avvocati e consulenti per stare dietro ai desiderata della politica.

In pratica fenomeni come quello di MySpace, ossia la rapidissima ascesa e caduta di una società internet in grado di generare un traffico enorme per breve tempo per poi sparire uccisa da un qualche competitor con un modello più avanzato, probabilmente non avverranno più. Oggi l'It e i servizi consumer a esso collegati sono come una sorta di oligopolio simile a una utility, con però tassi di crescita pazzeschi. Non è facile trovare nel mondo una combinazione migliore di elementi per un investitore.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: It, fintech, usa, cina
Come valuti questa notizia?
Internet, una MySpace non ci sarà più Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La casa al posto dei Btp
Notizia successiva »
Proseguirà il rialzo del petrolio?
ARTICOLI CORRELATI
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno pubblicato il 1 luglio 2019
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
L’Europa tra l’incudine e il martello nella guerra dei dazi pubblicato il 14 giugno 2019
Lusso, appeso alla Cina pubblicato il 26 aprile 2019
I mercati nelle mani di Trump pubblicato il 8 maggio 2019