Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond

16/07/2018

I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond

Secondo il team di Axa Im, un peggioramento del sentiment sul fronte degli scambi commerciali farebbe ampliare gli spread, così come le aspettative di un rialzo dell'inflazione negli Stati Uniti farebbero salire i tassi sottostanti

I timori di una guerra commerciale generano reazioni negative, così come un'eventuale accelerazione dei rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve. Eppure i dati in questo momento sono positivi e ogni eventuale passo indietro rispetto alle dichiarazioni protezionistiche sarebbe interpretato come un segnale rialzista. In questo momento è difficile prevedere cosa succederà sul fronte dei tassi e del credito.

Axa rileva che è incoraggiante che il segmento high yield abbia continuato a fare bene, soprattutto negli Stati Uniti, con un sovrarendimento dell'1% nel secondo trimestre. Nel complesso, i tassi sembrano più costosi in Europa, con la curva dei Bund che trae ancora vantaggio dal ridotto sovrappeso sull'Italia tra gli investitori europei. Il credito europeo è più conveniente, e lo stesso vale per il credito USA investment grade.

Non è facile fare previsioni sul fronte macroeconomico per il resto dell'anno. Tuttavia, nessuno strumento nel reddito fisso è particolarmente conveniente, pertanto la strategia deve continuare a puntare sulla conservazione del capitale mentre ricerca valutazioni migliori. Secondo Axa Im, c'è più valore nel debito dei mercati emergenti, ma una guerra commerciale non può far bene a questa asset class

Le controversie commerciali con gli Stati Uniti arrivano in un brutto momento per la Cina, che si trova nel bel mezzo di un processo di deleveraging interno.  Un settore industriale statale sovradimensionato abbinato a una governance insufficiente, alle speculazioni nel mercato immobiliare e a un settore bancario ombra scarsamente regolamentato hanno contribuito al forte aumento del debito nel Paese nel corso degli anni. Il governo sta cercando di contenere l'indebitamento attraverso un downgrade del settore pubblico e l'inasprimento delle condizioni di credito, nonché attraverso procedure fallimentari più trasparenti ed efficaci che consentirebbero alle imprese di gestire le insolvenze dei prestiti e delle obbligazioni.

È un compito immane che certamente comporta dei rischi. Per gli investitori più pessimisti persiste dunque il rischio di hard landing. I rischi per la crescita in Cina sembrano riflettersi nel livello di obbligazioni del Paese. Quest'anno le obbligazioni cinesi hanno fatto meglio di quelle USA con un rendimento rispetto al titolo di riferimento decennale in calo di 50 punti base negli ultimi otto mesi, mentre il rendimento dei Treasury saliva di 80 punti base.

Forse la direzione dei mercati riflette i rischi: i rendimenti Usa sono più alti per la necessità di continuare a finanziare il deficit delle partite correnti del Paese a fronte del deterioramento delle relazioni commerciali, mentre il calo dei rendimenti obbligazionari in Cina e l'indebolimento della valuta riflettono la minaccia alla crescita di un'economia che sta facendo fatica a ridurre la sua dipendenza da un modello basato sulle esportazioni industriali. Certo, oggi la crescita marginale della Cina dipende dalla nuova economia (tecnologia e servizi), ma le sue fondamenta economiche sono ancora radicate nel modello che ha funzionato per molti decenni. Secondo Chris Iggo di Axa Im, non è ancora il momento di cancellare tutto ciò.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: bond, cina, treasury, curva dei tassi
Come valuti questa notizia?
I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il ritorno delle biotecnologie
Notizia successiva »
Gli italiani e la pensione, pericoli in vista
ARTICOLI CORRELATI
Il recupero dei bond emergenti pubblicato il 11 febbraio 2019
Le poche opportunità, che però esistono, nei bond pubblicato il 28 gennaio 2019
I dividendi del Dow Jones competono con i Treasury pubblicato il 21 gennaio 2019
Usa-Cina, il primo marzo incombe pubblicato il 11 febbraio 2019
Il punto sui Btp pubblicato il 6 novembre 2018