Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Caccia a punti di ingresso negli Em

19/11/2018

Caccia a punti di ingresso negli EmIl periodo di calo che sta interessando l'azionario emergente, pari a dieci mesi, è di una lunghezza anomala. Se si considerano i fondamentali, le valutazioni dei Mercati Emergenti sono più convenienti di quanto non lo fossero prima del rally del primo trimestre del 2016, cui è seguita una crescita, a fine gennaio 2018, pari al 100% del mercato.

I Mercati Emergenti contribuiscono attualmente per una quota pari al 55% alla crescita globale. La World Bank stima che questo dato potrebbe crescere fino al 66% entro il 2023. Questo suggerisce anche un peso superiore all'11% che attualmente ricoprono nell'indice Msci World. Inoltre, il peso della domanda interna rispetto agli indici dei Mercati Emergenti è cresciuto significativamente negli ultimi anni rispetto ai settori estrattivo/minerario e dell'energia, che oggi pesano per circa il 12% nell'indice Msci EM – il dato era pari al 48% cinque anni fa. La domanda domestica è supportata dai programmi di riforma che stanno interessando la Cina e l'India.

I Mercati Emergenti continuano ad essere molto interessanti dal punto di vista della crescita a un prezzo ragionevole. Allo stesso modo potrebero essere attraenti per gli investitori value, rispetto a mercati come quello statunitense, e restano un ambiente ricco di opportunità per individuare titoli dalle valutazioni interessanti.

Attualmente è importante concentrati sui fondamentali, sulle valutazioni e sulla logica di rischio/rendimento per investire nell'asset class. Otto dei primi dieci Mercati Emergenti sono investment grade – fanno eccezione Sud Africa e Brasile. Se si considerano le diverse flessioni importanti degli ultimi trent'anni, in questa fase del ciclo solitamente ci troveremmo di fronte al massimo a tre Paesi dei migliori dieci ancora classificati come IG. Non c'è stato quindi il crollo generalizzato che si temeva inizialmente, i mercati sono calati del 20% circa in dollari e sia le valutazioni che i fondamentali appaiono promettenti.

Secondo Nnip, nell’attuale scenario di riferimento non ha senso esporsi all'azionario dei Mercati Emergenti con una strategia difensiva che non permette di posizionarsi in maniera tale da beneficiare di un eventuale rimbalzo, come nel 2016/2017.  Il team crede sia necessario essere in grado di sovraperformare nei momenti positivi, non tramite il beta ma tramite l'alpha – acquistando titoli di alta qualità quando i prezzi scendono.

Anche la liquidità è un fattore chiave in un ambiente in cui una fase di risk-off è potenzialmente prossima, dato che è importante avere la possibilità di uscire rapidamente da una posizione in caso di necessità. Dal punto di vista dei Paesi, le preferenze del team di Nnip vanno a Brasile, Russia, i Varps (Vietnam, Argentina, Romania, Pakistan e Arabia Saudita), e Corea del Sud, oltre alla Turchia.

Le valutazioni brasiliane sono ancora assolutamente attraenti e la probabilità di una ripresa post-elezioni sia elevata, supportata da fattori demografici favorevoli come la giovane età della popolazione e la domanda non pienamente espressa. Anche i mercati di frontiera continuano a offrire opportunità, in particolare in Romania e Vietnam.

Gli attuali sottopesi includono Malesia, Sud Africa, Cile, Tailandia e Taiwan. Il posizionamento su Taiwan si è rivelato costoso, dato che il settore tecnologico non è calato prima di settembre 2018. Il settore tecnologico di Taiwan è stato uno di quelli a soffrire maggiormente tra i Mercati Emergenti ad ottobre 2018.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Caccia a punti di ingresso negli Em Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un’Europa che continua a deludere
Notizia successiva »
La sorpresa di Draghi
ARTICOLI CORRELATI
La speculazione molla il barile pubblicato il 15 novembre 2018
Immobiliare, quotazioni ancora ferme pubblicato il 15 settembre 2018
Una penalizzazione eccessiva per i frontier markets pubblicato il 3 settembre 2018
Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita pubblicato il 10 dicembre 2018
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018