Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Un’Europa che continua a deludere

16/11/2018

Un’Europa che continua a deludere

Finalmente un paio di giorni fa sono stati pubblicati i dati del Pil in Europa nel terzo trimestre. A livello congiunturale, cioè rispetto al secondo trimestre, la salita è stata +0,2% per le nazioni dell'Eurozona e +0,3% per l'intera Ue a 28. Se confrontiamo questi numeri con quelli del terzo trimestre del 2017, per quanto riguarda le economie della moneta unica l'aumento è stato dell’1,7%. Questo risultato è ovviamente molto parziale e inficiato da una particolare situazione nel comparto auto in Germania, che ha spinto il dato della prima economia del continente a un ribasso trimestre su trimestre dello 0,2%. Questo fatto non si verificava dal 2015 e all'epoca fu un evento isolato. In generale dunque è ancora presto per tirare conclusioni definitive, ma qualche spunto lo possiamo mettere a fuoco.

Innanzitutto nel suo complesso l'Europa viaggia rispetto al quasi boom di un anno fa a ritmi di crescita inferiori di un punto percentuale secco, ritornando così rapidamente a quello che è un livello più consono alla realtà del blocco dell'Ue. Nel frattempo, invece, su base annuale gli Usa hanno messo a segno un +3%. Quest'ultimo valore è ovviamente abbastanza drogato, in quanto siamo nel pieno dello stimolo fiscale voluto da Trump. Fra chiari di luna al Congresso e andamento naturale del ciclo è più probabile che l'anno prossimo si torni nel range +2,3-2,6%. A questo punto non si può fare a meno di notare un elemento: a differenza del 2016 e del 2017, quando l'America si trovava in uno stato di relativa calma piatta, mentre il Vecchio Continente stava finalmente vivendo una fase di accelerazione endogena, si è tornati allo scenario che vede comunque un sistematico scarto di crescita a favore degli Stati Uniti.

Specifichiamo che ciò dovrebbe avvenire anche con un ritorno alla normalità per la prima economia del mondo nel 2019. Ovviamente è possibile che in Europa scatti un nuovo periodo di forte attività, a livello di consumi e investimenti e che lo stimolo cinese, combinato con un euro relativamente debole e un petrolio in serio ribasso ma ancora a corsi decenti, favorisca un minimo le esportazioni. In verità però fenomenali driver di crescita non se ne vedono.

Se proprio vogliamo essere brutalmente onesti, i rischi paiono più concentrati verso l'avverarsi di nuove delusioni. Partiamo proprio dagli Usa: un bear market azionario, un deterioramento ulteriore dell'immobiliare, una forte crisi obbligazionaria con il downgrading di molti fallen angel e la crisi del colosso General Electric sono tutti scenari che, per quanto lungi dall'essere certi o anche maggioritariamente probabili, sono nell'alveo del molto possibile. Simili avvenimenti facilmente si ripercuoterebbero sull'Europa, in quanto la crisi americana che non è stata esportata al resto del mondo deve ancora vedersi.

Se poi contiamo i malanni endogeni dalle nostre parti, non è che ci sia tanto da stare tranquilli: l'Italia ormai è scesa a un tasso di crescita inferiore all'1% su base annuale. Il nostro andamento è rientrato nella tranquilla stagnazione che caratterizza il Belpaese quando le cose vanno discretamente a livello globale. In pratica sembra confermarsi che il +1,5% visto l'anno scorso è de facto il picco cui possiamo aspirare o poco meno. Neppure la Germania mostra comunque un trend entusiasmante: infatti dal quarto trimestre del 2017 l'incremento annuale è stato: +2,8%, +2%, +1,9%, +1,2%. Nel contempo anche la Francia ha mostrato dati simili: +2,5%, +2,1%, +1,7%,+1,5%.

La Spagna mostra ancora un dato decente (+2,5%) soprattutto se si considera che non vi è stato un fortissimo calo dal +3% di un anno fa. L'economia iberica è però troppo piccola per potere invertire il trend generale. In poche parole o Francia e Germania cavano fuori qualche coniglio dal cilindro, a prescindere dalle crepe che si vedono qua e là in Usa, a prescindere del caos politico in Asia, e a prescindere dalle derive italiane, o non si vede davvero che cosa potrebbe cambiare un'inerzia che è sempre più negativa.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: europa, pil, terzo trimestre, usa
Come valuti questa notizia?
Un’Europa che continua a deludere Valutazione: 3/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Una tappa intermedia per la Brexit
Notizia successiva »
Caccia a punti di ingresso negli Em
ARTICOLI CORRELATI
Investment grade bond, sotto osservazione pubblicato il 13 febbraio 2019
Gli appuntamenti chiave del primo trimestre 2019 pubblicato il 10 gennaio 2019
Crescita, in Europa si salva solo la Spagna pubblicato il 28 gennaio 2019
Sei cigni neri per il 2019 pubblicato il 8 gennaio 2019
Emerging Europe pubblicato il 17 dicembre 2018