Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Mercati azionari in balia della Fed

05/12/2018

Mercati azionari in balia della FedIl ribasso del mercato azionario in ottobre, che tanto clamore ha suscitato, non dovrebbe indurre gli investitori azionari a dimenticare che, sotto numerosi aspetti, gli eventi determinanti sono stati quelli che hanno interessato i mercati obbligazionari.

Recentemente, era lo scorso 3 ottobre, Powell aveva dichiarato che i tassi statunitensi erano lungi dall'essere neutrali, vale a dire il livello in cui non alimentano e neppure rallentano l'inflazione. Per molti versi, sono state queste parole a scatenare il sell-off del mercato azionario a ottobre. Mercoledì scorso, con gran sorpresa degli operatori di mercato, li ha descritti come appena sotto al livello neutrale.

Di fatto, alla luce di queste sole due frasi possiamo avere la sensazione che si stia delineando un cambiamento importante nella retorica della Fed. Eppure, nella sostanza, il messaggio non ha subito modifiche radicali: tutto è ancora possibile per il 2019. Continuerà la correlazione tra la politica monetaria della Fed e l'evoluzione dei dati economici allorché i membri del Fomc si dimostreranno flessibili nell'assumere le prossime decisioni. Lo confermano i verbali dell'ultima riunione della Fed pubblicati all'indomani dell'intervento di Powell. Le sue dichiarazioni sono, tutt'al più, una semplice conferma del fatto che la Fed, qualora la situazione di mercato lo richiedesse, è pronta a rallentare il ritmo della sua normalizzazione, cosa di cui alcuni investitori forse dubitavano.

Buona parte del percorso è sicuramente già stato fatto e Powell potrebbe aver voluto aggiungere alcune sfumature alle dichiarazioni rilasciate tra ottobre e novembre, percepite dai mercati come molto restrittive e come fattori di stress. È tuttavia probabilmente esagerato volervi leggere un importante cambiamento di rotta da parte della Fed.

Da un lato questo trend è confermato dai dati economici e, in particolare, da quelli relativi all'inflazione. Le ultime pubblicazioni vanno certamente in questa direzione, con un'inflazione sottostante (core Cpi) e un'inflazione dei prezzi al consumo misurata attraverso le spese delle famiglie (core Pce) che non solo sono inferiori alle attese per ottobre ma anche al mese di settembre. Andrà tuttavia studiato attentamente il rapporto sull'occupazione di venerdì in quanto un'accelerazione dell'inflazione salariale contrasterebbe con le intenzioni dovish di Powell. Dall'altro, anche se la Fed dovesse eventualmente diminuire il ritmo di risalita dei tassi è escluso che rallenti la riduzione della dimensione del suo bilancio. Il riflusso di liquidità mondiale, principale conseguenza della fine delle politiche accomodanti delle banche centrali, continua quindi a essere di grande attualità.

Secondo il team di La Financiere del L’Echiquier, tenuto conto dei dati recenti non c'è motivo perché la Fed adotti una posizione più restrittiva, ed è quanto ha probabilmente voluto comunicare Powell, anche se non c'è altrettanto motivo per cui finisca col mostrarsi molto più flessibile nell'immediato.

La Fed potrebbe scorgere all'orizzonte un peggioramento delle condizioni che sono invisibili al resto di noi. Di fatto, è più probabile che la Fed stia prendendo atto di un rallentamento che i mercati hanno già notato da tempo. Ciò significa che il rischio di una stretta troppo veloce da parte della Fed nel prossimo anno è minore, il che probabilmente sarebbe di buon auspicio per i mercati azionari.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: mercati, azioni, fed, powell
Come valuti questa notizia?
Mercati azionari in balia della Fed Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Tre megatrend che cambieranno il pianeta
Notizia successiva »
Wall Street ha paura anche della sua ombra
ARTICOLI CORRELATI
Un futuro difficile pubblicato il 3 dicembre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018
L’incertezza regna sovrana pubblicato il 27 novembre 2018
Prospettive positive intatte per azioni e bond degli Em pubblicato il 2 ottobre 2018