Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita

10/12/2018

Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescitaLe aspettative di crescita sincronizzata che hanno accompagnato l’inizio di quest’anno si sono infrante piuttosto rapidamente. Il 2018 è stato invece l’anno in cui la crescita globale è stata la più desincronizzata dal 1998.

L’economia Usa, potenziata dall’iniezione di stimoli a fine ciclo, si è rafforzata sempre di più; il resto del mondo, a causa delle tensioni commerciali e di molteplici rischi politici in diversi paesi, non ha fatto altro che indebolirsi. Questa divergenza ha portato ad una diffusa forza del dollaro, a tassi di interessi più alti negli Usa e ad un aumento dei premi per il rischio nei prodotti a spread al di fuori degli Usa, in particolare nei mercati emergenti.

Tutto ciò fino allo scorso ottobre, quando i timori di errori da parte della Fed, l’acuirsi delle tensioni commerciali e le preoccupazioni su Brexit e Italia hanno infine portato ad un indebolimento anche deiprodotti a spread Usa. La crescita globale si è affievolita, e questa serie di rischi ha raggiunto l’apice dell’intensità. È lecito allora chiedersi: di fronte a così tante difficoltà, cosa potrà mai andare per il verso giusto?

Secondo il team di Legg Mason - nonostante tutto - non solo molte cose potrebbero andare per il verso giusto, ma alcune lo stanno facendo già ora. Cominciamo dall’aspetto più importante: i fondamentali che sottostanno all’outlook economico. L’attenuazione dei livelli di crescita Usa e globali (comunque ancora solidi) implica uno scenario di inflazione estremamente favorevole. Il restringimento delle condizioni monetarie, combinato con lo scemare degli effetti del taglio fiscale negli Usa e con la reintroduzione di stimoli monetari e fiscali in Cina, promette bene per una possibile risincronizzazione della crescita globale.

Il restringimento della politica monetaria Usa è ormai in corso da due anni e lo stimolo fiscale sta svanendo. I dati dell’industria manifatturiera sono decisamente meno brillanti, la sfavillante industria del petrolio sembra in procinto di prendersi una pausa e l’edilizia è in declino, seppure moderato. Il team sostiene che, quando si troverà di fronte a prospettive di crescita e inflazione più chiaramente destinate al ribasso, la Fed segnalerà certamente una pausa nel ciclo di rialzi.

Tutto ciò dovrebbe essere positivo per i mercati del rischio globali. Ma tutte le incertezze di cui abbiamo parlato prima non potrebbero far precipitare la situazione? Di certo c’è bisogno di prudenza, ma da legg Masono credono che ci siano segnali incoraggianti.

In Europa, la leggera frenata della crescita è ulteriormente zavvorata dai problemi che riguardano l’Italia e la Brexit. Si tratta di rischi da non ignorare. Di fatto sono il motivo principale per cui la politica monetaria resta così straordinariamente accomodante in Gran Bretagna ed Europa.

Il team sostiene che ci siano motivi per essere ottimisti e per pensare che gli scenari peggiori prezzati attualmente dai mercati non si verificheranno. Di certo la disputa tra Italia e Ue continuerà ad occupare le prime pagine dei giornali, ma la distanza tra le due parti non è poi così grande. Per quanto riguarda la Brexit, il team pensa che un eventuale accordo simile a quello proposto attualmente oppure una sorta di rinvio ulteriore della questione siano comunque più probabili di una “hard Brexit”.

In tutto ciò, qual è la posizione dei mercati emergenti? Una recessione globale causata dai fattori appena elencati sarebbe di certo altamente deleteria. Ecco perché questa asset class ha sofferto così tanto. La rotta dei mercati emergenti attraverso questo mare di rischi potrebbe sembrare troppo complicata. Ma è proprio questa la ragione per cui si tratta, secondo il team, dell’asset class più sottovalutata.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Scricchiolii sinistri
Notizia successiva »
Crescita cinese a supporto dell’eurozona
ARTICOLI CORRELATI
Dagli Usa un contesto ancora favorevole pubblicato il 3 dicembre 2018
Bond emergenti, non solo buio pubblicato il 2 gennaio 2019
Corporate bond, i rischi che i mercati ancora non scontano pubblicato il 9 gennaio 2019
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Gli Em guardano alla solidità cinese pubblicato il 22 ottobre 2018