Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Petrolio, un crollo con vaste conseguenze

19/12/2018

Petrolio, un crollo con vaste conseguenze

Martedì 18 dicembre il contratto future sul petrolio Wti statunitense con scadenza gennaio, attualmente il mese frontale nella curva a termine di tale strumento, ha chiuso ai minimi dell'anno poco sopra 46 dollari al barile. Si tratta di un valore che pone fermamente in territorio negativo anche questa asset class nel corso di questo travagliato 2018.

Inoltre lo spread con il Brent è aumentato notevolmente negli ultimi mesi, praticamente raddoppiando da agosto sopra quota 9 dollari. Queste dinamiche sembrano indicare, come al solito, problemi di sovrapproduzione statunitense, a causa della flessibilità e della rapidità con cui la produzione di shale viene riattivata quando i corsi sono elevati. Infatti, se analizziamo i dati di produzione Usa, si scopre che l'output locale ha messo a segno un record dopo l'altro nel corso del 2018, superando ampiamente quota 11 milioni di barili al giorno. Tanto per dare un'idea della ripresa del comparto petrolifero statunitense, a metà del 2016, all'apice del crash dell'oro nero in generale e del comparto dello scisto in particolare, le cifre erano inferiori per 3 milioni di barili.

Al di là della specifica situazione americana, l'intero comparto appare in condizioni piuttosto scricchiolanti, elemento testimoniato anche dal fatto che da settembre a oggi, fra gli 11 settori dell’S&P 500, l'energia è quella che ha messo a segno le performance peggiori.

E anche il Brent, la qualità di riferimento dell’Europa, è in territorio negativo dall'inizio dell'anno. La questione della sovraofferta è infatti inestricabilmente legata a una domanda che oggi rappresenta una forte incognita. Quest'ultima negli scorsi anni è cresciuta a un ritmo tutto sommato discreto, anche se non particolarmente sostenuto. Ad esempio l'International Energy Agency prevede per quest'anno un aumento dei consumi di 1,3-1,4 milioni di barili al giorno. Se si considera il fatto che ormai la domanda complessiva giornaliera appare appena al di sotto della soglia di 100 milioni di barili, alcune conclusioni si possono trarre.

La prima è che, con il livello tecnologico attuale, che comporta che una sempre maggiore efficienza energetica si accompagna a una sempre più elevata produzione, ci vuole un mix di vari elementi per riuscire a generare prezzi appena discreti, ossia intorno a 70-80 dollari al barile. Questi elementi comprendono una disciplina di ferro da parte dei maggiori produttori mondiali (non solo quelli che fanno parte dell'Opec) nell'aderire ai propri obiettivi di produzione e un'economia in fase di solida espansione. Tutti questi fattori vanno a formare un delicato equilibrio dalle fragili interconnessioni, pronto a saltare non appena qualcosa va storto. Come si è visto dall'ultimo vertice Opec, diventa particolarmente complicato superare inimicizie storiche e difficoltà finanziarie contingenti quando l'economia è in rallentamento e la torta si restringe già di suo.

Di fronte a un conclamato e pesante rallentamento economico, dunque, non ci sarebbe da sorprendersi se i prezzi, come già avvenuto nel 2008 e del 2016, tornassero sotto quota 30. Ovviamente simili corsi sarebbero insostenibili per tutta la filiera, almeno sul medio termine. Il risultato sarebbe inoltre di aggiungere un ulteriore elemento di instabilità sui mercati finanziari. Il petrolio, infatti, sembra chiaramente costituire un elemento neutrale per la propensione al rischio solamente quando non quota né troppo alto, né troppo basso, anche se appare complicato determinare bande precise a questo riguardo.

Con prezzi troppo modesti rischia di aggravarsi la crisi di diverse nazioni emergenti, che dal petrolio derivano gran parte del proprio export, con effetti negativi ben superiori ai risparmi generati dagli importatori netti. E ciò peraltro non farebbe altro che incupire ulteriormente l'outlook generale per il 2019.

In pratica, anche se a volte gli investitori se ne dimenticano, il greggio è una risorsa ampiamente ciclica e vederlo crollare non farebbe altro che confermare la presenza di qualcosa che per il momento esiste solo nella testa degli investitori, ossia una nuova recessione.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: petrolio, wti, brent, recessione
Come valuti questa notizia?
Petrolio, un crollo con vaste conseguenze Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un piede sul freno per affrontare il 2019
Notizia successiva »
Tassi Usa ancora in rialzo
ARTICOLI CORRELATI
Timori di recessione, scatta la corsa ai Bund pubblicato il 8 febbraio 2019
Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta pubblicato il 15 gennaio 2019
Il petrolio chiude un mese in ascesa pubblicato il 1 febbraio 2019
Il greggio spinge le oil companies pubblicato il 4 marzo 2019
Mercati, i principali appuntamenti di primavera pubblicato il 14 marzo 2019