Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dati economici e tassi, un legame indissolubile

07/01/2019

Dati economici e tassi, un legame indissolubile

Le ultime dichiarazioni del governatore della Federal Reserve sono una conferma del legame indissolubile che c’è tra l’operato della Banca Centrale e l’andamento della crescita economica negli Stati Uniti.

A volte la vita dei mercati sembra essere questione di semantica. Nel corso della penultima conferenza stampa tenuta da Jerome Powell, governatore della Federal Reserve, lo scorso 8 novembre, il banchiere aveva annunciato che i tassi d’interesse statunitensi erano probabilmente ancora lontani dal tasso ‘neutrale’ (quello di equilibrio tra andamento dell’inflazione e stime per l’evoluzione potenziale della crescita economica domestica). 

Si trattò di una dichiarazione in linea con le tappe previste dal piano di normalizzazione della politica monetaria (che includevano ben tre ritocchi al rialzo del costo del denaro nel corso del 2019).

Successivamente lo stesso Powell ha dichiarato –durante una conferenza tenuta presso l’Economic Club di New York- che i tassi d’interesse si trovavano poco sotto il livello ‘neutrale’ e che gli effetti sull’economia derivanti dal processo di normalizzazione della politica monetaria sarebbero stati alquanto incerti. Dopo aver pronunciato queste feasi, i listini azionari Usa hanno rialzato la testa (a conferma che la politica monetaria accomodante è stato il carburante principale alla base della rivalutazione delle Borse negli ultimi anni).

Se si focalizza l’attenzione solo su queste due frasi, si potrebbe avere la sensazione che stia per arrivare un cambiamento netto nelle intenzioni della banca centrale Usa. Tuttavia, è molto più probabile che il messaggio di fondo non sia cambiato: per il 2019 tutto è possibile. La politica monetaria della Fed continuerà a essere legata all’evoluzione dei dati economici e i membri del Fomc sembrano improntati a ricorrere alla massima flessibilità.

Questa view ha trovato conferma nelle ultime minute pubblicate dal Fomc della Fed. Nelle minute emerge che l’impostazione generale è basata sulla ricerca di provvedimenti tali da garantire la continuità della crescita economica e l’allontanamento –per quanto possibile- dei tempi necessari al ciclo economico per generare la prossima frenata dell’economia Usa. In altri termini, la Fed è pronta in qualsiasi momento a rivedere il ritmo dei rialzi dei tassi per adeguarli alle esigenze dell’evoluzione della crescita.

La cosa certa è che buona parte del processo di normalizzazione è oramai alle nostre spalle. In tutti i casi, gli investitori faranno bene a ricordare che il percorso non è ancora giunto a conclusione e che la speranza di un’inversione di tendenza nell’impostazione restrittiva della Federal Reserve sembra ancora un fatto lontano.

In primo luogo, sarà necessario che i dati economici e l’andamento dei prezzi al consumo confermino il trend. Le ultime letture hanno fotografato un’inflazione sottostante (core Cpi) e un’inflazione dei prezzi medi al consumo della spesa dei nuclei familiari (core Pce) inferiori alle aspettative delineate in ottobre e in arretramento rispetto ai dati regsitrati a settembre.

L’altra variabile chiave per capire meglio quali potrebbero essere le intenzioni della Fed nel 2019 è l’andamento del mercato del lavoro. Se l’economia domestica continuerà a creare nuova occupazione, la Fed non potrà fare altro che confermare i rialzi dei tassi previsti per il 2019. In quest’ultimo caso, l’obiettivo sarà un lieve raffreddamento dell’economia tale da non far rialzare la testa all’inflazione. Un peso non irrilevante nelle scelte future di Powell rivestirà anche la riduzione del bilancio della banca centrale (dovuta alla fine del quantitative easing) e il conseguente calo della liquidità globale.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: tassi, fed, economia, powell
Come valuti questa notizia?
Dati economici e tassi, un legame indissolubile Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Non tutto è scontato
Notizia successiva »
Sei cigni neri per il 2019
ARTICOLI CORRELATI
Fed, tassi fermi fino all’anno prossimo pubblicato il 21 marzo 2019
Il vero peso del debito cinese pubblicato il 5 marzo 2019
L'enigma Regno Unito pubblicato il 13 febbraio 2019
I tassi zero non hanno risvegliato l’economia pubblicato il 20 febbraio 2019
Approccio wait and see per la Fed pubblicato il 31 gennaio 2019