Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Gli appuntamenti chiave del primo trimestre 2019

10/01/2019

Gli appuntamenti chiave del primo trimestre 2019Sul piano della politica monetaria, l’anno avrà inizio con le riunioni dei board delle tre pincipali banche centrali del pianeta: Federal Reserve, Banca centrale Europea e Banca del Giappone. E poi dazi, Brexit, utili delle Faang.

Per quanto riguarda la Bce, giunta alla conclusione del suo programma di acquisti di titoli di stato e societari nel dicembre del 2018, il focus si sposterà sul futuro dei tassi d’interesse, sullo stock di attività finanziarie detenute all’interno del bilancio dell’istituto e sulle operazioni di reinvestimento titoli.

 Le dimensioni e la composizione del bilancio saranno i temi all’ordine del giorno della prima riunione del board presieduto da Mario Draghi. Le Tltro (Targeted Longer-Term Refinancing Operations) torneranno a occupazre un ruolo di primo piano nell’agenda del governatore. Le scadenze residuali delle Ltro esistenti è sceso sotto i dodici mesi e la loro regolamentazione è cambiata. Questi fattori potrebbero influenzare significativamente gli indici di liquidità delle banche dell’eurozona, in particolare degli istituti italiani e spagnoli (che rappresentano il 55% del totale).

A gennaio cominceranno le consultazioni tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti per formulare proposte tese al miglioramento della cooperazione in materia di norme che regolano l’attività di alcune industrie e alla riduzione delle barriere commerciali.

Alla fine di gennaio le grandi società tecnologiche Usa pubblicheranno i loro risultati relativi all’esercizio 2018: Apple lo farà il giorno 29, Facebook e Alphabet il 30 e Amazon il 31. Dalla bontà dei risultati dei colossi californiani dipenderà molto il verificarsi del primo tonfo delle Borse nel 2019 o dell’inizio di una prima fase di recupero delle quotazioni.

A gennaio l’attenzione degli investitori sarà rivolta anche a Londra. Il 15 gennaio, presso il Parlamento britannico, la Camera dei Comuni  sottoporrà a votazione l’accordo di uscita dall’Unione Europe.

A febbraio l’attenzione si sposterà sul report sull’industria dell’auto negli Usa. I dati contenuti in questo documento potrebbero far crescere le tensioni commerciali con l’Europa. La speranza è che il report non convinca il presidente Trump sulla pericolosità dell’importazione di auto e componenti del settore per le sorti dell’economia domestica. L’eventuale applicazione di dazi alle importazioni di automobili avrà ripercussioni sui produttori di Germania, Italia e Regno Unito, che destinano al mercato normaricano il 10% delle rispettive produzioni.

Il 1° marzo scade la tregua sottoscritta da Stati Uniti e Cina per trovare una soluzione alla gueraa dei dazi. Se le negoziazioni in corso non dovessero sfociare in una soluzione concordata, i dazi –attualmente fissati al 10%- su una buona fetta delle importazioni in arrivo dalla Cina si impennerebbero al 25%.

Il 19 marzo la Fed terrà la seconda riunione del 2019. Quella di marzo è una delle riunioni chiave per capire se Powell punterà su altri rialzi del costo del denario durante l’anno. Se l’ascesa dei tassi Usa dovesse continuare, è probabile che asisteremo a un altro anno di debolezza per le divise emergenti, schiacciate dall’appetibilità dei rendimenti dei bond in usd e dalla conseguente forza del dollaro.

Il 29 marzo è la data in cui il Regno Unito lascerà l’Europa a 27 stati. La legge comunitaria consente a Londra di revocare l’articolo 50 in maniera unilaterale in qualsiasi momento, tuttavia, Theresa May continua a rifiutare l’ipotesi ci un nuovo referendum sul tema.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: trimestre, dazi, bce, auto
Come valuti questa notizia?
Gli appuntamenti chiave del primo trimestre 2019 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Qe addio, ma la Bce resterà sul mercato dei bond
Notizia successiva »
Oro, riprende a salire
ARTICOLI CORRELATI
Pace temporanea sui dazi tra Usa e Cina pubblicato il 4 dicembre 2018
Due potenziali scenari per la guerra commerciale pubblicato il 2 ottobre 2018
Dietro i dazi si nasconde il problema debito pubblicato il 10 luglio 2018
I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond pubblicato il 16 luglio 2018
Un’Europa che continua a deludere pubblicato il 16 novembre 2018