Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dividendi, ecco le società più generose

19/02/2019

Dividendi, ecco le società più generosePer il terzo anno consecutivo, il colosso petrolifero olandese Shell è stata l’azienda più generosa con i suoi azionisti. Apple occupa il secondo posto e scalza Exxon Mobil che si sposta in terza posizione.

Fuori dal podio, ma a ridosso delle prime, restano le statunitensi Microsoft e AT&T. La prima società asiatica a trovare posto nella lista è la China Construction Bank, seguita da HSBC che ha sede a Hong Kong. La classifica delle prime dieci viene completata da Verizon, Johnson & Johson e China Mobile. Quest’ultima è passata, in soli dodici mesi, da ostentare il secondo posto della graduatoria a lasciare sul terreno ben otto posizioni. Le prime dieci società più generose in termini di dividendi hanno distribuito nel 2018 104.401 mln di usd, l’8,6% del monte complessivo a livello mondiale.

I dividendi hanno brillato di luce propria nel corso del 2018, riuscendo a svolgere un ruolo di ammortizzatore dei rendimenti dei portafogli rispetto ai saliscendi imputabili al ritorno della volatilità. Il quarto trimestre dell’anno si è rivelato un periodo molto attivo per quanto riguarda lo stacco di dividendi a favore degli azionisti: le aziende hanno premiato i possessori di azioni con 241.240 mln di euro e per l’intero 2018 il volume complessivo di dividendi erogato ha raggiunto quota 1,21 mld di euro, in crescita del 9,3% rispetto al 2017.

Janus Henderson, società che fotografa periodicamente l’andamento dei dividendi a livello globale, stima che nell’anno in corso il volume complessivo di cedole confermerà il record registrato nel 2018 e si attesterà a circa 1,25 mld di euro. Questo significa che l’incremento percentuasle atteso per il 2019 è di circa il 3,3% su scala planetaria.

Nel report messo a punto dal team di Janus Henderson si evidenzia che nel 2018 ben nove società su dieci hanno optato per un miglioramento della retribuzione agli azionisti o per un mantenimento dello stesso livello di utili distribuiti.

Osservando le singole macro- aree geografiche, i mercati emergenti (106.884 mln di usd), il Nordamerica (450,788 mln) e il Giappone (69.930 mld) sono state le aree che hanno sperimentato gli incrementi più tangibili con progressi massimi del 15,9%. Dopo un primo trimestre sottotono, i dividendi dei mercati emergenti si sono fortemente ripresi nel resto dell’anno, archiviando un’impennata del 15,9% su base sottostante per l’intero 2018. 

Il contributo migliore proviene dalla Russia, con payout ratio senza precedenti.  Il Vecchio Continente non si è agganciato a questo trend e le variazioni positive più elevate hanno raggiunto il 5,4% (i volumi complessivi hanno registrato i 226.405 mln di euro), nonostante il buon comportamento delle società quotate sui listini di Germania, Francia, Spagna e Italia.

Per quanto riguarda i settori, quello mining ha fatto registrare i maggiori incrementi in scia alle politiche di distribuzione dei dividendi adottate dalle società britanniche. Il settore finanziario continua ad essere quello che distribuisce i volumi più elevati di cedole (la crescita dei dividendi del comparto è stata in media del 13,6%). A guidare l’incremento dei dividendi tra i grandi settori c’è quello petrolifero con un salto del 15,4%. Un’evoluzione negativa ha, al contrario, segnato l’andamento dei dividendi distribuiti dal settore delle telecomunicazioni, che ha seguito un andamento piatto o addirittura negativo in circa la metà dei paesi presi in considerazione dal Janus Henderson Global Index.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Dividendi, ecco le società più generose Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Una Gran Bretagna sempre più europea
Notizia successiva »
Little England
ARTICOLI CORRELATI
Investire nel lusso in tempi di incertezza pubblicato il 26 marzo 2019
I dividendi del Dow Jones competono con i Treasury pubblicato il 21 gennaio 2019
I tecnologici non perderanno terreno pubblicato il 14 dicembre 2018
La scalata dei dividendi pubblicato il 20 novembre 2018
Il ritorno degli high yield bond pubblicato il 4 luglio 2018