Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Coronavirus: Swg, gli italiani più preoccupati

21/03/2020

Coronavirus: Swg, gli italiani più preoccupatiCome sta cambiando la nostra vita al tempo del Coronavirus? È il lite motive della più recente ricerca di mercato condotta dalla società specializzata Swg, condotta tra l’11 e il 13 marzo scorso. Il risultato non coglie di sorpresa: gli italiani sono molto più preoccupati, sia per quanto riguarda l’aspetto sanitario sia per l’aumentare delle incertezze sulla continuità dell’occupazione. Lo scenario è radicalmente cambiato rispetto alla fotografia scatta da un analogo sondaggio effettuato nella settimana precedente.

Abitudini modificate, le misure del Governo erano attese

La terza settimana della crisi da Coronavirus è stata segnata dalla decisione del Governo di estendere le restrizioni di movimento e le chiusure delle attività non di prima necessità. Così gli italiani, che hanno ridotto al minimo i contatti con le altre persone, ritengono che “le misure più restrittive prese dal Governo erano attese e auspicate dalla maggioranza”. Oggi, secondo Swg, “solo pochissime persone pensano che si stiano prendendo misure eccessive, mentre la maggior parte della popolazione sta facendo i conti con abitudini e ritmi di vita che sono cambiati” in modo rapido. Allo stesso modo gli italiani stanno scoprendo che il telelavoro “non è sempre così piacevole e agevole”.

Allargata la distanza tra le persone

Nel frattempo è mutato il modo di stare con gli altri (per il 91%), di divertirsi (per l’82%), di lavorare (per il 50%), la programmazione della spesa (per il 70%) e il modo d’informarsi (per il 64%). In sostanza, l’obbligo di tenere una distanza di sicurezza di almeno un metro rispetto alle altre persone sembra un concetto ben radicato nella popolazione, che spende più tempo sui nuovi mezzi per informarsi e divertirsi. È aumentata sensibilmente la tendenza a evitare il contatto diretto. In una sola settimana la scelta di tenere lontane le altre persone è diventata infatti maggioritaria: chi oggi cerca di tenersi a distanza rappresenta una quota del 68% (il 38 del 4-6 marzo), la quota di chi non stringe più la mano a nessuno è balzata al 58% (38%) e chi ha deciso di non frequentare luoghi affollati è salita al 69% (52%).

Più della metà degli italiani teme per il posto di lavoro

Per quanto riguarda la preoccupazione degli italiani rispetto alla pandemia è cresciuta in modo esponenziale, al pari della diffusione del Covd-19. Solo i provvedimenti del Governo (Dpcm dell’11 marzo) sembrano avere invertito leggermente la tendenza: la percentuale dei preoccupati era al 48% a fine febbraio, salita al 67% con la chiusura delle scuole nella settimana al 6 marzo, balzata al 91% nei giorni seguenti (con la Lombardia zona rossa) per poi assestarsi all’88% con l’annuncio dei provvedimenti del Governo. All’aumentare della preoccupazione è cresciuta anche l’esigenza degli interventi drastici: la quota di chi chiede misure più restrittive da parte delle autorità l’11 marzo era balzata al 53% (dal 39% del 6 marzo), per poi correggere al 50% dopo il Dpcm. Nello stesso tempo la percentuale di chi ritiene che le misure adottate siano eccessive è crollata al 3% dal 14% del 6 marzo (22% a fine febbraio). Intanto più della metà degli italiani (il 51% contro il 21% di fine febbraio) teme la perdita del lavoro a causa degli effetti generati dalla diffusione del coronavirus.

Il telelavoro non convince, pessimisti sulla durata della crisi

Un capitolo a parte è dedicato allo smart working, che per il 50% degli italiani rappresenta “un disagio, ma gestibile”. Percentuale che va ad aggiungersi al 6% che lo ritiene un “grave disagio”. La sperimentazione in prima persona delle difficoltà di lavorare da casa “con poco spazio, dotazioni limitate, l’assenza fisica dei colleghi e la presenza di bambini e familiari” si sta rivelando poco apprezzata. Sarà una novità per la realtà italiana, ma a questo punto bisogna prendere atto che solo per il 33% rappresenta un’opportunità e appena per il 9% “un sollievo”. Nel frattempo è peggiorato l’ottimismo sulla durata della crisi: nell’ultima ricerca Swg, per il 50% (44% a fine febbraio) ritiene che l’epidemia in Italia durerà ancora 2-3 mesi. Così come si sono sbriciolate le previsioni sui decessi. Se l’aspettativa prevalente è che il Coronavirus possa alla fine generare al massimo 5mila morti (33%), è aumentata la quota di chi non è in grado di elaborare una stima al riguardo (28%).

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: swg, coronavirus, governo, mercato
Come valuti questa notizia?
Coronavirus: Swg, gli italiani più preoccupati Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Cbre: impatto coronavirus sull’immobiliare sarà minimo
Notizia successiva »
Auto: coronavirus, per Acea nell’Ue in gioco 14 milioni di posti
ARTICOLI CORRELATI
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata pubblicato il 2 ottobre 2020
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid pubblicato il 6 ottobre 2020
Ocse: crollo Pil mondiale 2020 inferiore al previsto pubblicato il 24 settembre 2020
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020