Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Eurizon: mercati refrattari alle notizie sulla pandemia

14/08/2020

Eurizon: mercati refrattari alle notizie sulla pandemia

I mercati sembrano più refrattari alle notizie sulla pandemia, nonostante l’accelerazione che sta avendo il virus negli Stati Uniti e in America Latina. A renderli ‘immuni’ contribuisce il fatto che la diffusione del contagio non ha determinato per ora nuove chiusure delle attività economiche e quindi non ha causato nuove revisioni alle stime di crescita. Inoltre, la ricerca di un vaccino appare procedere in senso positivo, anche se non c’è ancora visibilità sui tempi della sperimentazione. Lo scenario trova conforto anche negli interventi di politica monetaria e negli stimoli fiscali adottati in quasi tutti i Paesi così come, per quanto riguarda l’Europa, nell’accordo sul Recovey Fund.

Fiducia imprese e risultati societari migliori di attese

In realtà, secondo il rapporto mensile di Eurizon, “il vero elemento di compensazione alle notizie sulla pandemia sono i dati economici”. La fiducia delle imprese, infatti, ha proseguito il recupero in luglio, confermando che aprile è stato il minimo per l’economia mondiale. Gli utili aziendali del secondo trimestre hanno sì accusato un forte calo, ma sono risultati migliori delle attese. “Da qui in avanti – secondo il rapporto - sarà più difficile battere un consenso che si sta aggiustando verso l’alto. L’attenzione è sull’effettiva ri-accelerazione dell’attività e questo dipende, in ultima analisi, dall’andamento del virus”. Insomma, la ripresa a V dipenderà dal rientro del contagio. 

Spread sempre interessanti, seppur in calo

La diffusione del virus più prolungata del previsto non sembra avere il potenziale di interrompere la ripresa economica, ma può ritardarla e ridurne l’intensità. Intanto, secondo la valutazione degli esperti di Eurizon, “le attività di rischio si sono portate piuttosto avanti nel prezzare il miglioramento macro”. I Bund tedeschi e i Treasury Usa scontano appieno la recessione e presentano un potenziale di protezione dalla volatilità delle attività di rischio limitato. Intanto gli spread, pur in calo dopo la crisi di marzo, risultano ancora interessanti. I governativi della periferia Eurozona offrono un flusso cedolare positivo interessante a fronte di tassi tedeschi negativi. 

Borse, risalita tirata dai minimi di marzo

Le valutazioni delle Borse – dopo avere recuperato ben due terzi delle perdite accusate in marzo - appaiono oggi tirate in termini assoluti, “ma rispetto a un flusso cedolare obbligazionario stabilmente vicino allo zero, la remunerazione offerta dalle azioni – secondo Eurizon - appare interessante in ottica di medio termine”. Le prospettive dei mercati azionari sul breve appaiono comunque tirate, poiché la loro performance rialzista è legata all’andamento della pandemia da coronavirus. Agosto, di solito, è comunque un mese caratterizzato da episodi di volatilità.

Euro sugli scudi, in difficoltà il dollaro

Euro in costante accelerazione e dollaro spinto in un angolo. È questo il quadro per il mercato valutario disegnato dagli esperti di Eurizon. La gestione efficiente del contagio della pandemia, il deciso sostegno da parte BCE e, infine, l’accordo tra i Governi sul Recovery Fund sono elementi che stanno facendo da propellente alla divisa unica europea. Il biglietto verde per contro, sconta l’onda lunga del contagio negli Stati Uniti e le crescenti incertezze sulle elezioni presidenziali Usa in calendario a novembre. Secondo l’analisi, comunque, sia lo yen sia i titoli governativi USA sono “le poche attività in grado di compensare la volatilità delle attività di rischio” che gli investitori mettono nel portafoglio.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Eurizon: mercati refrattari alle notizie sulla pandemia Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Ripresa: 42% italiani metterebbe a disposizione i risparmi
Notizia successiva »
Altroconsumo: il benessere degli italiani parte dagli affetti