Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fondi: record nel patrimonio gestito nel III trimestre

26/11/2020

Fondi: record nel patrimonio gestito nel III trimestre

Terzo trimestre sugli scudi per l’industria del risparmio gestito: la raccolta netta è risultata positiva per 15,1 miliardi di euro, in rialzo del 33,3% rispetto al secondo trimestre, e il patrimonio gestito ha aggiornato il suo nuovo massimo storico spostandolo a 2.336 miliardi (+3% rispetto alla fine di giugno). È quanto emerge dalla mappa trimestrale ‘disegnata’ da Assogestioni, che mette in luce un altro importante aspetto: il cambio di marcia registrato dal mercato rispetto ai primi tre mesi dell’anno, periodo segnato pesantemente dalla fase più acuta della pandemia da coronavirus, che si era tradotta in deflussi per 12 miliardi e masse gestiste scivolate fino a 2.140 miliardi di euro (-6,5% da fine dicembre).

Le gestioni collettive restano la locomotiva

Il bilancio consolidato da inizio anno è positivo: la raccolta netta dell’intero settore del risparmio gestito è infatti pari a +14,38 miliardi di euro. Tra luglio e settembre, periodo che ha tratto beneficio dal forte rimbalzo dell’economia e di un clima più sereno tra gli investitori (rispetto all’incertezza che avevano sperimentato durante il lockdown e nelle fasi successive), le gestioni collettive – secondo il rapporto dell’associazione di categoria - hanno segnato nuovamente un'evidente prevalenza di afflussi con un saldo di +10,38 miliardi (anche se sotto il livello di 16,2 miliardi registrato in aprile-giugno), che hanno portato il totale da inizio anno a +15,66 miliardi.

Il ritorno del denaro sulle gestioni di portafoglio

Nel terzo trimestre c’è stato anche il radicale cambio di direzione, in positivo, delle gestioni di portafoglio che hanno registrato una raccolta netta pari a +4,73 miliardi, in pratica hanno quasi annullato le uscite (-4,84 miliardi) dei tre mesi a giugno. Nonostante questo rimbalzo il saldo da inizio anno resta negativo: -1,3 miliardi. Nel comparto spiccano le gestioni di prodotti assicurativi, che hanno richiamato flussi netti per 2,96 miliardi (-7,4 miliardi a giugno), anche se il bilancio da gennaio resta negativo per -6,2 miliardi. Raccolta netta positiva sia per le gestioni di patrimoni previdenziali, con +659 milioni (+595 milioni), sia per le Gp retail, con +532 milioni (+685 milioni).

I fondi aperti perdono smalto ma restano attraenti

Tornando alle gestioni collettive, i fondi aperti tra luglio e settembre hanno consolidato una raccolta netta positiva per 9,66 miliardi, che si confronta con i +14,8 miliardi del secondo trimestre, per complessivi +12,37 miliardi di euro da inizio anno. Per quanto riguarda i fondi chiusi, questi hanno archiviato il periodo con una raccolta netta positiva pari a +723 milioni, quasi la metà rispetto ai +1,3 miliardi registrati nel secondo trimestre, per un totale maturato nei primi nove mesi di +3,29 miliardi di euro. Più nel dettaglio, la performance riflette la contrazione della raccolta netta riferita ai fondi immobiliari (scesa a +272 milioni dai 1,21 miliardi del secondo trimestre).

Più obbligazioni e meno azionari

Parlando di fondi aperti, le preferenze dei risparmiatori nel terzo trimestre – seppur più ottimisti - si sono orientate verso gli obbligazionari, comportamento che rivela una strategia all’insegna della prudenza. Una controprova, in questo senso, è anche la contemporanea parziale correzione registrata dall’appeal degli azionari. E così, tra luglio e settembre, la raccolta netta dei fondi obbligazionari è ammontata a 6,81 miliardi: più che raddoppiata rispetto ai +2,9 miliardi del secondo trimestre (per un bilancio dei primi nove mesi pasi a +2,25 miliardi). Per gli azionari la raccolta netta è stata pari a +5,95 miliardi (+8,51 miliardi nel secondo trimestre e +8,46 miliardi da gennaio).

Si aggrava ulteriormente l’emorragia dai flessibili

Nel trimestre è rimasta costante la raccolta netta dei bilanciati, con +1,12 miliardi dopo +1,10 miliardi (+2,98 mld da gennaio). Nel frattempo si è aggravata ulteriormente l’emorragia dai flessibili che perdono altri 4,67 miliardi (-1,75 mld nel secondo), portando i deflussi accumulati da gennaio a -13,94 miliardi. Brusca frenata anche per l’interesse riservato ai monetari, la cui raccolta netta rimane in positivo per appena 478 milioni, che si confrontano con i +4,23 miliardi del secondo trimestre (+12,93 mld da gennaio). I fondi di diritto italiano chiudono il trimestre con una raccolta netta di -2,4 miliardi (-436 mln nel secondo, a un totale da gennaio di -5,1 mld). I fondi esteri segnano +12 miliardi, dopo +15,29 miliardi, a complessivi +17,5 per i primi nove mesi.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Fondi: record nel patrimonio gestito nel III trimestre Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Idrogeno: mercato promettente con la transizione energetica
Notizia successiva »
BlueBay: i motivi per essere ottimisti per il 2021
ARTICOLI CORRELATI
Assoreti: raccolta novembre positiva per 3,2 miliardi pubblicato il 14 gennaio 2021
Fondi: patrimonio record in novembre, sfiora 2.400 miliardi pubblicato il 13 gennaio 2021
Assoreti: la raccolta sfonda il muro dei 30 miliardi pubblicato il 15 dicembre 2020
Fondi: ottobre ancora positivo per la raccolta pubblicato il 3 dicembre 2020
Etf: il successo dei prodotti passivi pubblicato il 19 novembre 2020