Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Mercati: orizzonte positivo grazie a vaccini e stimoli fiscali

11/12/2020

Mercati: orizzonte positivo grazie a vaccini e stimoli fiscali

Orizzonte tinto di rosa per i mercati, rasserenati dall’annunciato arrivo dei vaccini anti coronavirus e dagli stimoli promessi dai Governi per fare fronte alla crisi economica, che rappresenta la più grave minaccia nel breve periodo. L’attenzione è rivolta ancora agli Stati Uniti che, dopo il risultato delle elezioni già apprezzato dai mercati, si apprestano a varare una manovra fiscale, più o meno corposa (dipende dalla composizione del Congresso), in grado di dare slancio alla principale economia mondiale. Gli investitori guardano comunque già più in là e stanno rapidamente componendo i loro portafogli con caratteristiche sempre più pro-cicliche.

Il rallentamento da ‘seconda ondata’ è temporaneo

In altre parole i risparmiatori credono di più in una ripresa dell’economia, mentre ritengono temporaneo il rallentamento subito dalla congiuntura a causa delle restrizioni decise prima in Europa e poi negli Usa, per contenere la seconda ondata del virus. In particolare, secondo la chiave di lettura degli esperti di Eurizon, nello scenario centrale, a inizio 2021, domina l’avvio della somministrazione dei vaccini, e questo permetterà alle economie di riaprirsi al loro interno e, più avanti, tra di loro. Danno dunque poco peso alle contestazioni di Donald Trump, che potrà ritardarne i tempi, ma non cambiare l’esito delle urne.

Politica di Biden meno unilaterale

Da Joe Biden ci si attende una politica estera meno unilaterale e un maggiore sostegno ai redditi medio-bassi rispetto alla politica del suo predecessore, centrata sui tagli alle tasse sulle società. Il ritorno di un’economia Usa più aperta, sposta l’attenzione verso i Paesi emergenti dell’Asia, Cina in primis, che sembrano oggi quelli con i fondamentali migliori: efficace contenimento del virus, stimoli alla domanda interna e, in prospettiva, potenziale beneficio dalla riaccelerazione globale. Anche per l’Europa le prospettive appaiono favorevoli, ma la lentezza con cui procede il Recovery Fund ritarda l’adozione di nuove misure di stimolo.

Borse interessanti nel medio termine

Le Borse sono tornate interessanti in un’ottica di medio termine, considerando la probabile ripresa degli utili nel 2021 a fronte di un flusso cedolare obbligazionario ridotto a zero. C’è però da tenere in considerazione, avvertono in Eurizon, che con orizzonte temporale più breve, il forte recupero dai minimi di marzo e un contesto di volatilità ancora piuttosto elevata, potrebbero rallentare il movimento verso l’alto. Il reddito fisso ha di riflesso perso appeal: il flusso cedolare negativo per Bund tedeschi e sotto l’inflazione per i Treasury Usa rendono poco interessanti questi titoli in una fase di ripresa globale.

In recupero i titoli penalizzati dal Covid-19

L’azionario nell’ultimo mese è stato caratterizzato da importanti rotazioni geografiche e settoriali, proprio nell’attesa di una ripresa economica. Le Borse europee, che avevano accumulato forte ritardo, hanno registrato l’andamento migliore. Tra i comparti è da segnalare un forte recupero di quelli che erano stati più penalizzati dalla pandemia quali energia, finanziari, industriali. Il settore tecnologico è risultato invariato. Il dollaro si conferma stabile, dopo il calo che durava da aprile. Un efficace contenimento del virus e l’atteso stimolo alla domanda interna possono invece essere di sostegno alle valute dei Paesi emergenti.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: orizzonte, coronavirus, mercati
Come valuti questa notizia?
Mercati: orizzonte positivo grazie a vaccini e stimoli fiscali Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Confcommercio: tredicesime più basse ma c’è voglia di reagire
Notizia successiva »
Assoreti: aumenta liquidità su conti correnti e depositi
ARTICOLI CORRELATI
Schroders: mercati emergenti, 2021 con vento a favore pubblicato il 14 gennaio 2021
Mercati: elezioni Usa e Pfizer portano il sereno pubblicato il 13 novembre 2020
Doxa: il Covid cambia l’approccio alla salute degli italiani pubblicato il 4 gennaio 2021
SWG: ancora dubbi degli italiani sul vaccino pubblicato il 11 gennaio 2021
T. Rowe Price: 2021 a tutta volatilità per i mercati pubblicato il 24 novembre 2020