SEI UN CONSULENTE FINANZIARIO AUTONOMO? 
Scopri i vantaggi del nostro servizio
Chiama gratis 800 92 92 95 CONTATTACI
x

Mercati: prospettive positive per gli Usa nonostante inflazione

La Borsa Usa ha margini per puntare ancora al rialzo. Il prossimo rally sarà guidato dai titoli ciclici, alla luce della robusta ripresa economica. Lo stimano gli esperti di T. Rowe Price, secondo i quali sono da monitorare le società vicine alla transizione energetica, farmaceutici e finanziari. 

04/08/2021
L'azionario statunitense ha margini per crescere ancora

L’azionario statunitense mantiene buone prospettive, nonostante oggi risulti più costoso rispetto al passato e rispetto ad altre aree geografiche, grazie anche agli abbondanti stimoli e ai progressi del programma vaccinale. Tuttavia, benché non si trovi in una fase di bolla, ci sono segnali tipici delle fasi di fine ciclo e speculazioni in settori come criptovalute, ‘Meme Stock’, SPAC e investimenti tematici (veicoli elettrici e idrogeno). Quest’ultimo è un tema secolare di lungo termine, con buone prospettive grazie anche al supporto pubblico, ma gli investitori, è il consiglio di Ritu Vohora, portfolio specialist capital markets di T. Rowe Price, devono prestare attenzione a valutazioni e aspettative, per questo è auspicabile un approccio attivo.

Il prossimo rally sarà guidato dai titoli ciclici

Da un lato gli utili delle società USA sono stati eccezionali, quindi la sovra-performance è giustificata, ma molte buone notizie sono ormai già prezzate nelle aspettative e, quindi, è probabile che i rendimenti futuri saranno inferiori. Parlando dei settori con più o meno potenziale, l’esperto di T. Rowe Price nota che alcuni segmenti del settore tech, compresi i titoli ‘stay at home’ e quelli tematici orientati alla transizione ‘green’ oggi sono scambiati su valutazioni elevate. Per contro, stima che la prossima fase del rally potrebbe essere guidata dai ciclici di alta qualità. La tendenza ciclica dei titoli ‘value’ dovrebbe trarre beneficio da una crescita economica positiva, così come dall’aumento dei tassi di interesse e da un’inflazione più alta. 

Seguire da vicino la transizione energetica

Rispetto alla fase storica che stiamo vivendo, è possibile trovare valore anche in altri segmenti del mercato che beneficiano del tema della transizione verde. Per esempio, secondo Vohora, le utility rappresentano un settore di crescita di lungo periodo, fondamentale per sostenere la transizione verso le energie rinnovabili, così come le case automobilistiche più tradizionali che si stanno spostando sui veicoli elettrici. Temi secolari come l’e-commerce possono supportare segmenti come quello della carta, degli imballaggi, della logistica mentre nel settore tecnologico, sono guardati con interesse i semiconduttori, fondamentali per il passaggio all’economia digitale da quella più tradizionale.

Nel paniere anche case farmaceutiche e finanziari

Sotto i riflettori di T. Rowe Price si sono anche le società farmaceutiche, che hanno valutazioni attraenti e offrono un rendimento discreto. Queste imprese inoltre potrebbero essere interessate da un potenziale sviluppo normativo e/o legislativo che porterebbe a un aumento di volumi e flussi di cassa. Sono visti bene anche i finanziari, che hanno valutazioni attraenti e beneficiano non solo di un contesto reflazionistico con rendimenti più elevati e curve più ripide, ma anche che le perdite sui prestiti si stanno rivelando più basse delle attese. Un’inflazione modesta, secondo Vohora, è generalmente positiva per l’azionario e, infatti, la strategia di T. Rowe Price punta sul tema della reflazione e della ripresa, favorendo ad esempio i titoli value, che beneficeranno dell’aumento dei tassi e dell’inflazione.

L’inflazione ha carattere provvisorio

Per quanto riguarda l’inflazione, secondo Vohora, è una delle variabili macro più difficili da prevedere con precisione. Nel breve periodo dovremmo aspettarci un’inflazione più elevata (l’indice dei prezzi al consumo negli Usa è già al 5% e nel Regno Unito al 2,1%), guidata da liquidità in eccesso, effetti di base, domanda repressa e colli di bottiglia, in particolare in settori come quello dei semiconduttori e quello dell’auto. L’inflazione, sostiene, dovrebbe essere transitoria poiché gli stimoli fiscali inizieranno ad attenuarsi a partire da settembre, l’offerta reagirà e nel tempo colmerà l’output gap, con la diminuzione delle scorte arretrate, di cui si iniziano già a vedere i primi segnali. 

Le forze contrarie che aiutano a controllare le tensioni

Per capire da dove arriveranno le tensioni inflative non bisogna trascurare piuttosto il mondo del lavoro, perché la crescita dei salari potrebbe essere un fenomeno più permanente che transitorio. Infatti, nei settori a basso reddito c’è carenza di manodopera, dato che gli assegni governativi rappresentano una fonte di reddito maggiore, che sta disincentivando il ritorno al lavoro. L’esperto però rileva che ci sono anche diverse forze contrarie di lungo periodo – globalizzazione, tecnologia, sviluppo demografico – che dovrebbero tenere sotto controllo l’inflazione. Stiamo raggiungendo il picco degli effetti di base, quindi le aspettative sull’inflazione dovrebbero iniziare a scendere.

A cura di: Fernando Mancini

Parole chiave:

rowe mercati usa inflazione
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.

Articoli correlati