Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Mercato del lusso: potenzialità immutate nonostante il Covid

24/06/2020

Mercato del lusso: potenzialità immutate nonostante il Covid

La pandemia da coronavirus, così come lo scenario politico instabile, i nuovi accordi commerciali che introducono politiche più protezionistiche e l’uso più pervasivo di tecnologie digitali avanzate non hanno scalfito il fascino che ricopre il mercato del lusso per gli investitori. Questo settore, pur obbligato a fare i conti con gli effetti del Covid-19, ha infatti interessanti spazi di crescita e possibilità di ripresa molto più rapida di altri comparti. È lo scenario che emerge dal report ‘Global Fashion & Luxury Private Equity and Investors Survey 2020’ condotto da Deloitte, che analizza trend e operazioni di M&A del segmento del lusso, basato su dati di mercato e interviste a top manager.

Il 70% degli investitori continuerà a puntare sul settore

Anche in quest’anno difficile, ha commentato Elio Milantoni, partner Deloitte, “l’industria del lusso continua ad essere un terreno fertile per gli investitori”. Infatti, spiega, “dopo il Covid-19, il 70% degli investitori continuerà ad investire nel mercato del lusso, che vedrà abbigliamento & accessori, cosmetica & profumi e il lusso digitale come i comparti più attraenti. In particolare, il ‘digital luxury’ è un settore su cui si concentreranno buone opportunità di investimento per il prossimo anno, mentre lo store classico evolverà da point of sales a point of touch, a riprova dell’importanza delle vendite online per il mondo del Private Equity.

+10% crescita stimata per il ‘fashion & luxury’ entro il 2025

La ricerca si concentra sulle stime sul potenziale di crescita del ‘fashion & luxury’ nei prossimi anni. Dopo il calo nel 2020 per l’emergenza sanitaria, le vendite dei beni di lusso personali dovrebbero crescere del 10% tra il 2019 e il 2025 (con una crescita annua dell’1,9%). Gli altri segmenti del lusso subiranno all’inizio un impatto della pandemia maggiore, ma le loro vendite registreranno entro il 2025 una ripresa più rapida e robusta (del 20%, +2,4% media annua). Nei beni di lusso personali, il mercato prevede che l’Europa e le Americhe subiranno una contrazione della domanda più forte, con un calo delle vendite atteso tra il 30 e il 40% e tempi di recupero previsti tra i 12 e i 18 mesi.

Hotel e crociere i più colpiti, cosmetica e jet più resistenti

Le proiezioni indicano che hotel di lusso, crociere, orologi & gioielleria e arredamento saranno i settori più colpiti dalla pandemia, mentre cosmetica & profumi e jet privati saranno meno impattati. In termini di velocità di recupero post Covid-19 hotel di lusso, abbigliamento & accessori e cosmetica & profumi saranno quelli che beneficeranno della riapertura delle frontiere e della maggiore attenzione alle vendite online. Gli hotel di lusso già nel 2019 sono stati al centro di una vivace stagione di aggregazione: settore che ha visto la finalizzazione di ben 271 operazioni di M&A (6 in più dal 2018). Tutte in calo invece le M&A negli altri segmenti: dall’abbigliamento & accessori (-26) agli orologi & gioielleria (-17), alla cosmetica & profumi (-10).

Al centro dell’attenzione il lusso digitale

Secondo il sondaggio, il 70% dei fondi sta valutando un investimento nel ‘fashion & luxury’ nel 2020, con un notevole interesse verso: abbigliamento & accessori (+28 pt), cosmetica & profumi (+15 pt), lusso digitale (+53 pt) e arredamento (-17 pt). Da rilevare che questo interesse è in aumento rispetto al 2019, in particolare per i beni di lusso digitali. Non di meno la ricerca segnala che nei prossimi tre anni, gli investitori prevedono un forte impatto del Covid su segmenti come auto, hotel, ristoranti, crociere e vendite al dettaglio. Le vendite nei comparti orologi & gioielleria, yacht e jet privati rimarranno stabili, mentre saranno in crescita per cosmetica & profumi e arredamento.

Le società del lusso a caccia di startup digitali

La pandemia accelererà l’adozione di tecnologie innovative. Big Data & Analytics, Intelligenza Artificiale (AI) e Internet of Things (IoT) consentono infatti alle aziende di stare al passo con la clientela virtuale. Le società di lusso sono già alla ricerca di startup/società digitali per sfruttare eventuali sinergie. La penetrazione digitale porterà anche a rivoluzioni fisiche: lo store classico evolverà inevitabilmente ‘da punto di vendita a punto di contatto’. Il 57% degli intervistati nel 2020 investirà in tecnologie ‘disruptive’. Quest’anno, secondo gli investitori, Internet of Things, Big Data & Analytics e Intelligenza Artificiale avranno il maggiore impatto sui loro portafogli.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Mercato del lusso: potenzialità immutate nonostante il Covid Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Covid19: tra riapertura e rischio di nuovi lockdown
Notizia successiva »
Confcommercio: ancora gelo dei consumi in maggio