Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Pro e contro gli Em

23/05/2019

Pro e contro gli EmPiù rendimento in cambio di un più elevato livello di rischio. Sembra essere questa la massima che guida l’investimento nei mercati emergenti. Questi listini continuano a occupare il top delle preferenze dei gestori per il prosieguo dell’anno. 

Partendo da questa premessa, una delle indicazioni più diffuse tra i money manager per affrontare il 2019 è la seguente: c’è un interesse crescente per le opportunità insite in alcuni mercati emergenti, a patto di essere consapevoli di dover affrontare periodi permeati da una volatilità elevata.

Il 2018 non proprio brillante vissuto dalle Borse di gran parte del mondo, ha finito per condizionare in negativo anche le performance realizzate dagli emergenti. L’indice Msci Emerging Markets ha accusato una perdita del 16%, la sua annata peggiore dal 2015. Ed è proprio la pesante correzione registrata l’anno scorso che fa propendere molti esperti per un overweight dei listini emergenti nel 2019. I sei ratio P/e (indicanti le volte che il prezzo dell’azione ingloba l’utile) più convenienti a livello planetario appartengono a listini azionari di paesi emergenti.

Nel caso dell’indice Rts della Borsa di Mosca, il ratio P/e è il più basso del mondo con un 5,4, seguito da quello del listino azionario turco con il 5,8, da quello di Buenos Aires a quota 9, da quello ungherese a 11 e da quelli di Corea del Sud e Hong Kong con, rispettivamente, 11,2 e 11,4. La media dei ratio P/e delle Borse dei mercati azionari dei principali paesi emergenti è prossima a 13,9, il 21% in meno rispetto alla media dei P/e delle Borse dei più importanti mercati industrializzati.

Al di là delle convenienza presentata dai livelli del ratio P/e, i mercati emergenti sembrano disporre di altre frecce al loro arco. La prima è rappresentata dal dollaro statunitense. Dall’inizio dell’anno, il biglietto verde si è indebolito nei confronti del rublo russo, del renminbi cinese, del peso messicano e di quello colombiano. La svalutazione del dollaro Usa ha storicamente rappresentato un fattore molto favorevole per l’evoluzione dei listini emergenti. In molti casi –e in particolare per quelle economie più correlate all’andamento del biglietto verde- questi paesi traggono enormi vantaggi perché quote consitenti dei loro debiti sono denominati in dollari. Per quato motivo, una svalutazione del dollaro consente di andare incontro a periodi in cui si riducono i costi di finanziamento sul mercato dei capitali. Allo stesso tempo, se il dollaro si svaluta sarà più facile approvvigionarsi di materie prima la cui quotazione è fissata proprio in dollari.

L’evoluzione del dollaro negli ultimi mesi ha molto a che vedere con le mosse della Federal Reserve, che ha cambiato il proprio outlook e annunciato che non applicherà altri incrementi del costo del denaro nel 2019. La minore crescita del Pil Usa viene solitamente accompagnata da una divisa domestica più debole. Questa è la seconda ragione in ordine d’importanza citata dagli esperti per supportare la loro view positiva per le Borse dei mercati emergenti nel 2019.

Tra i fattori che potrebbero mettere in discussione la bontà di quest previsioni c’è sicuramente l’instabilità politica che continua ad imperversare in molte aree del pianeta. L’instabilità politica ha più volte dimostrato di essere una variabile in grado di comprimere al ribasso la produzione manifatturiera dei mercati emergenti e di comprometterne il trend di crescita.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: emergenti, ratio, dollaro, politica
Come valuti questa notizia?
Pro e contro gli Em Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bond emergenti in valuta locale, opportunità con tante incognite
Notizia successiva »
I gestori restano fiduciosi sul progetto politico europeo