Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Prometeia: Italia fuori dalla crisi nel 2023

30/09/2020

Prometeia: Italia fuori dalla crisi nel 2023

La crisi da Covid-19 ha portato l’Italia ai livelli di ‘benessere economico’ degli anni ‘90. Il punto di minimo è stato superato tra aprile e maggio, e il rimbalzo sta assumendo una forma a ‘V’. La ripresa rimane in salita. È in sintesi la previsione di Prometeia, che, in particolare, stima che i fondi del Next Generation EU rappresentano sì un’opportunità storica ma verranno utilizzati dal nostro Paese solo al 70% del totale (145 miliardi), a causa delle sue storiche difficoltà a scegliere e portare a termine progetti di investimento con scadenze così stringenti. Fondi che comunque contribuiranno a una crescita aggiuntiva del Pil di 1,7 punti percentuali al termine dell’orizzonte di previsione nel 2023.

I dati confermano rimbalzo nel terzo trimestre

Il nostro Paese, anche per gli esperti di Prometeia, è entrato in fase di ripresa ma il suo Pil recupererà i livelli pre-pandemia non prima di tre anni. Dopo la caduta record nel primo semestre di quest’anno, i dati congiunturali confermano comunque un rimbalzo nel terzo trimestre grazie a tutte le componenti della domanda, dalla spesa delle famiglie alle esportazioni. Quest’anno, stimano, si chiuderà con una contrazione della crescita del 9,6%, con un impatto settoriale molto disomogeneo. Nel 2021 è atteso un rimbalzo del 6,2%, che rallenterà a +2,8% nell’anno successivo e con un recupero dei livelli pre-crisi solo nel 2023. 

Brillano farmaceutica e alimentare, male il turismo

Tra i settori più esposti i servizi - come alloggio, ristorazione, intrattenimento – che perderanno a fine anno tra il 30% e il 35% del valore aggiunto. Meno penalizzati, ma sempre in negativo, saranno telecomunicazioni, utility e l’intermediazione. Differenze anche nell’industria: l’automotive sarà tra i comparti che sconterà di più la pandemia, chiudendo il 2020 con una caduta del valore aggiunto nell’ordine del 35%, mentre saranno i settori che producono beni essenziali, come la farmaceutica e l’alimentare, a presentare la performance migliore. Nel 2021, secondo Prometeia, il valore aggiunto di tutti i macro-settori tornerà positivo. In particolare industria e costruzioni traineranno il Pil, che tuttavia rimarrà ancora distante dal valore pre-Covid dell’1,7%. 

Da fondi Ue forte impulso al Pil, ma solo con uso efficace

Dopo la prima risposta alla crisi da parte del Governo – con uno stimolo fiscale di 100 miliardi di euro – e della Bce, il focus ora è sull’utilizzo dei fondi europei, che per l’Italia ammontano a 207 miliardi di euro tra il 2021 e il 2027. Con un primo accesso ai fondi nella seconda parte dell’anno prossimo, e un probabile utilizzo al 70% delle risorse a disposizione, Prometeia stima che questi fondi daranno comunque un forte impulso agli investimenti pubblici e privati: dopo il -12,1% previsti per quest’anno, si attende un rimbalzo del 10,5% nel prossimo.

È opportuno accedere al Mes per mismatch temporale 

Alla luce della probabile discrepanza temporale tra impegni di spesa e disponibilità dei fondi del Next Generation EU solo all’inizio del prossimo anno, secondo Prometeia “è opportuno accedere anche al Mes, che permetterebbe di risparmiare in spesa per interessi”. Gli effetti sui conti pubblici implicherebbero un maggiore disavanzo di circa mezzo punto percentuale ogni anno, ma i bassi tassi di interesse e la maggiore crescita economica consentirebbero una riduzione del rapporto debito/Pil, dal 158% del 2020 al 152% nel 2023. Inoltre, quest’anno lo stimolo fiscale da 100 miliardi complessivi farà balzare il deficit/Pil al 10,9% (dall’1,6% del 2019). 

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: ue, prometeia, pil italia, fondi ue
Come valuti questa notizia?
Prometeia: Italia fuori dalla crisi nel 2023 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bce: il Covid principale incognita per economia mondiale
Notizia successiva »
Schroders: homebody economy, fenomeno in crescita
ARTICOLI CORRELATI
Fondi: raccolta netta positiva in luglio per 3,5 mld pubblicato il 18 settembre 2020
Fondi: in agosto accelera la raccolta netta pubblicato il 25 settembre 2020
Fondi: brillante raccolta del risparmio nel II trimestre pubblicato il 10 settembre 2020
Fondi: raccolta netta positiva per 5 miliardi in maggio pubblicato il 1 agosto 2020
Coronavirus: la produzione italiana torna ai livelli del 1978 pubblicato il 21 aprile 2020