Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Attenzione al reddito fisso

14/11/2016

Dopo la vittoria di Trump, le attese per un’accelerazione del processo di normalizzazione della politica monetaria ultraespansiva negli Usa hanno fatto impennare i rendimenti dei Treasury bond decennali al 2%

Quando un investitore decide di destinare ai mercati azionari una quota del proprio patrimonio, di norma punta a realizzare performance superiori a quelle offerte dal mercato monetario e da quello obbligazionario, ma è anche cosciente del rischio di poterne perdere una parte e ammette senza problemi che esiste una certa probabilità che questo evento spiacevole si verifichi. Non per nulla si parla di azioni come titoli di rischio.

Al contrario, quando l’investitore destina i propri risparmi al reddito fisso lo scenario mentale cambia quasi completamente. Il sottoscrittore è mentalmente pronto solo a guadagnare. Questa errata convinzione è in parte legata alla definizione ‘reddito fisso’, dove quel ‘fisso’ tende ad essere confuso con ‘sicuro’.

Trattasi di una percezione errata. Il reddito fisso non è esente da rischi. Né quello privato, che viene emesso da società e banche, né tantomeno quello pubblico, offerto dagli Stati o da enti. Detto in altro modo: anche coloro che decidono di sottoscrivere delle obbligazioni si assumono il rischio di perdere denaro. Il concetto riveste un’importanza fondamentale perché chi investe in titoli di debito solitamente non è pronto a sopportare perdite.

I motivi posti alla base delle possibili perdite nel mondo del reddito fisso sono due. Il primo è rappresentato dal rischio di credito, che consiste nella probabilità di default dell’emittente e nell’impossibilità – per il sottoscrittore- di rientrare in possesso del suo capitale. Il secondo –quello verificatosi nelle ultime due settimane- è il rischio prezzo. Allo stesso modo delle azioni, anche i bond vengono quotati sui listini.

Di conseguenza, il loro prezzo può subire oscillazioni al rialzo (che sono quelle che hanno permesso negli ultimi anni di realizzare laute performance) o al ribasso (quelle viste nelle ultime settimane, che hanno portato le quotazioni dei bond dell’eurozona a perdere in poche sedute il 5% e oltre). Le perdite si materializzeranno nei portafogli degli investitori che sono costretti a vendere i titoli o in quelli dei fondi comuni d’investimento o Exchange traded funds obbligazionari che sono costretti ad attualizzare il valore dei titoli ospitati nei propri portafogli.

Quest’ultimo impatto sulle quotazioni dei fondi d’investimento è particolarmente importante per i piccoli investitori, che credono che questi prodotti rappresentino un’alternativa ai conti deposito. Non è così. Si tratta di strumenti completamente differenti per potenzialità di guadagno e livello di rischio.

Quello che è accaduto nelle ultime due settimane rappresenta un avviso ai naviganti per tutti gli investitori che tendono a sottovalutare i rischi insiti nel segmento obbligazionario. Il rendimento del bund tedesco decennale si è impennato dallo 0,1% allo 0,37% in poche sessioni, innescando un aumento dei rendimenti anche per i titoli di Stato degli altri paesi dell’eurozona (il rendimento del Btp di pari scadenza è passato dall’1% al 2%).

La discesa delle quotazioni è stata ulteriormente accentuata dal calo della liquidità nel mercato obbligazionario, una variabile che andrebbe continuamente monitorata perché in grado di accrescere l’intensità delle cadute.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: bond, rendimento, prezzi, sicurezza
Come valuti questa notizia?
Attenzione al reddito fisso Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Borse, tre crolli in sedici anni
Notizia successiva »
Titoli di stato, meglio negli Usa
ARTICOLI CORRELATI
Il linguaggio dei bond pubblicato il 15 settembre 2017
Non c’è rendimento senza rischio pubblicato il 4 ottobre 2017
Bond emergenti, è vero boom pubblicato il 11 ottobre 2017
Fase favorevole ai bond ad alto rendimento in euro pubblicato il 17 ottobre 2017
High yield Usa, ottimi ritorni, ma tanta volatilità pubblicato il 15 settembre 2017