Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il ruolo dei fondi nel contesto finanziario globale

16/11/2016

Negli ultimIl ruolo dei fondi nel contesto finanziario globalei venti anni il peso dei grandi investitori istituzionali è aumentato di pari passo con l’incremento degli asset under management. La sfida è trovare il giusto mix tra limiti normativi e creazione di ricchezza.

Durante gli ultimi decenni, in particolare a partire dagli anni ottanta del secolo scorso, quando la liberalizzazione dei flussi internazionali di capitali si è estesa a tutti i paesi sviluppati, il volume transnazionale dei mercati finanziari ha subito un notevole ampliamento. Il suo ritmo di crescita è stato molto superiore a quello del Pil globale, delineando un’accentuata asimmetria tra l’attività finanziaria pura e quella d’investimento, per un verso, e l’attività produttiva reale alla quale si suppone che i fondi dovrebbero offrire copertura i mercati finanziari, per altro verso.

L’operatività dei flussi si è fatta sempre più complessa in scia all’offerta di nuovi strumenti e tecniche d’investimento. La specializzazione degli strumenti ha finito per imporsi. E con essa, la disponibilità di risparmiatori e investitori individuali a versare commissioni ad investitori e istituzioni altamente specializzate nella gestione collettiva degli investimenti.

Tra gli investitori istituzionali ai quali si trasferisce questa specie di delega per le decisioni d’investimento, i fondi comuni d’investimento rappresentano il veicolo più diffuso. Nelle loro diverse modalità e categorie, passando dai fondi pensione fino a quelli ad alto rischio o hedge funds, è possibile trovare traccia di buona parte delle transazioni effettuate nei mercati di ogni parte del pianeta: dai bond alle divise, alle azioni e, ai non meno rilevanti, strumenti derivati.

La professionalizzazione della delega ha concesso un potere singolare a questi investitori. Un potere che diventa sempre più esplicito con la tendenza alla concentrazione. I gestori di fondi, in particolare quelli dei fondi che si occupano di patrimoni ingenti, possono arrivare a influenzare con le loro decisioni la vita delle imprese e degli stati.

Questi grandi investitori istituzionali possono concretamente essere chiamati in causa quando si parla –ricorrendo ad un termine che per molti sembra indicare qualcosa di astratto- di ‘mercati’ e della loro capacità di influenzare alcune variabili. Sono infatti questi operatori ad avere il ‘peso’ necessario a muovere il segmento del debito pubblico o a condizionare la capacità, per un paese o le sue aziende, di finanziarsi con l’emissione di titoli di debito.

In alcune occasioni le decisioni di questi veicoli sono guidate da valutazioni razionali, in altre rispondono a emulazioni, panico o euforia. Ed è proprio in queste ultime occasioni che vengono messi in discussione i vantaggi riposti nel grado di specializzazione di queste istituzioni focalizzate sulla gestione collettiva del risparmio.

Per queste ragioni, la legislazione in materia deve guidare la creazione e il comportamento delle stesse. Disporre di investitori istituzionali guidati dal rigore tecnico e normativo è condizione necessaria per fare in modo che il ruolo dei mercati finanziari e l’ampliamento delle opportunità di canalizzazione efficiente del risparmio verso gli investimenti, fomentino la creazione di ricchezza e, si spera, l’estensione del benessere alla maggior parte della popolazione e non ad una parte ristretta di essa. Allo stesso tempo, l’intero processo non dovrebbe escludere in nessun modo lo sforzo per aumentare gli standard di alfabetizzazione economica e finanziaria dei risparmiatori.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: fondi, mercati, finanza, influenza
Come valuti questa notizia?
Il ruolo dei fondi nel contesto finanziario globale Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Canada ed effetto Trump
Notizia successiva »
Prove di Trumpeconomics
ARTICOLI CORRELATI
Mercati in caduta, la visione negativa pubblicato il 9 febbraio 2018
Come evitare il panico sui mercati? pubblicato il 7 settembre 2018
India, povera ma bella pubblicato il 12 agosto 2018
Gli ottimisti d’autunno pubblicato il 22 agosto 2018
Una penalizzazione eccessiva per i frontier markets pubblicato il 3 settembre 2018