Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

2017, sarà ancora un anno favorevole alle azioni?

17/01/2017

Il complesso2017, sarà ancora un anno favorevole alle azioni? delle indicazioni provenienti dall’analisi fondamentale- tecnica e del consesus indica, per il 2017, la necessità di sovrapesare la componente azionaria per ottenere buone performance

Se le cose dovessero andare in questa direzione, la totalità del consensus avrebbe ragione (non c’è nessuno, ma proprio nessuno, che pensi che le azioni possano andare male nel 2017). Tutto sembra indicare che i titoli di rischio faranno meglio dei titoli di debito. Questa è una buona indicazione per porsi due dubbi:1)le cose potrebbero non andare così; 2) la performance delle Borse sarà positiva ma soggetta a una forte volatilità e legata all’andamento molto favorevole di alcuni listini e a quello piatto o deludente di altri.

Il contesto di riferimento in cui si muovono i mercati sembra far propendere per questa seconda ipotesi. In altre parole, il consensus potrebbe sbagliare nel ‘come’ o ‘dove’ la performance positiva del mercato azionario si materializzerà. Il consensus sembra eccessivamente focalizzato su un movimento rialzista netto, ma la realtà potrebbe nascondere sobbalzi e volatilità che non tutti sono in grado di sopportare.

In primis, meglio non dimenticare che Trump non fa rima con stabilità. Le politiche annunciate dal neo presidente Usa possono essere adottate a patto di dover fare i conti con sobbalzi di non poco conto nell’economia reale e in quella finanziaria. Nell’ipotesi di rialzo dell’inflazione, non sarà facile capire quale delle due ‘economie’ trarrà vantaggio dalla situazione e quale invece sarà danneggiata dal cambio di rotta dei prezzi al consumo e dei tassi.

Un altro elemento di potenziale instabilità è legato ai risultati delle elezioni francesi. Il consensus scarta a priori una vittoria di Marine Le Pen, ma resta l’incertezza derivante dalle recenti politica migratorie imposte dal Governo in carica (che ha accettato un incremento del numero di rifugiati accolti nelle città francesi nonostante il 70% della popolazione abbia mostrato un atteggiamento sfavorevole a questa decisione). I sondaggi hanno recentemente mostrato tutti i loro limiti sia in occasione della Brexit che nel caso delle presidenziali Usa. Questi limiti –non c’è da augurarselo- potrebbero ripresentarsi anche in quest’occasione. E’ probabile che il rischio Le Pen sarà schivato, ma i mercati potrebbero soffrire non poco a ridosso dell’appuntamento elettorale.

L’instabilità e le conseguenze negative per le Borse potrebbero arrivare anche da un inasprimento della guerra commerciale tra la Cina e gli Usa e dagli effetti a catena su molti paesi emergenti. La situazione cinese va monitorata con attenzione perché, nonostante gli sforzi delle autorità locali, i deflussi di denaro dal paese stanno aumentando velocemente. I cinesi utilizzano mille modi –anche molto ingegnosi- per trasferire denaro al di fuori dei confini domestici.

In presenza di questi fattori di rischio, possiamo desumere che le probabilità che le azioni sovraperformino le altre asset class sono discrete ma a patto di mettere in debito conto i saliscendi tipici di uno scenario volatile. Il consensus potrebbe pertanto essere troppo ottimista in merito all’andamento e l’incidenza della volatilità. Quali misure possono essere adottate dall’investitore retail per ‘coprirsi’ dall’effetto montagne russe? In primis, non eccedere con l’esposizione in azioni (tener conto di quale livello di svalutazione del proprio portafoglio –seppure temporanea- si è disposti ad accettare; incrementare la propria esposizione ai listini azionari con estrema gradualità.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: azioni, bond, consensus, volatilità
Come valuti questa notizia?
2017, sarà ancora un anno favorevole alle azioni? Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il bilancio della Bce potrebbe superare quello della Fed
Notizia successiva »
Obbligazionario, attenti al 3%
ARTICOLI CORRELATI
Un futuro difficile pubblicato il 3 dicembre 2018
Investitori tra paura della volatilità e temi Esg pubblicato il 29 novembre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
2018, brutto anno, ma non terribile pubblicato il 30 novembre 2018
Portafogli anti volatilità pubblicato il 16 ottobre 2018