Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Un 2017 da contrarian

08/02/2017

Quali sono le asset class che potrebbero fare bene nel 2017 dopo aver chiuso il 2016 in territorio negativo? A leggere i report delle principali case d’investimento, sembra che i candidati al ruolo siano almeno quattro: la sterlina, le azioni cinesi, le materie prime come il grano e il cacao, il metallo giallo.

La prima è la sterlina, la divisa con la peggiore performance annua tra quelle dei paesi industrializzati. Tutti gli osservatori sono preoccupati per quello che potrebbe accadere nel Regno Unito quando sarà avviato il processo di uscita dall’Unione Europea. Nonostante ciò, fino a questo momento il Regno Unito ha sorpreso positivamente tutti con un buon trend delle vendite al dettaglio e un tasso di crescita economica in linea con le attese.

Salvo accelerazioni protezioniste dovute alle scelte del Governo Trump, è probabile che il Regno Unito riesca a ben metabolizzare il distacco dall’Unione Europea. Un’altra spinta al recupero della sterlina potrebbe arrivare dalle incertezze legate alle elezioni in alcuni paesi dell’Eurozona core, all’avanzata dei movimenti populisti in Francia e Olanda e ai rischi connessi con i problemi del sistema bancario a causa delle difficoltà nella gestione dei non performing loan.

Il metallo giallo ha vissuto un 2016 piatto e continua a mantenersi sui minimi imposti da un mercato ribassista che dura da circa cinque anni. Molti investitori hanno erroneamente ipotizzato che le iniezioni di liquidità della Bce e l’adozione di tassi ufficiali prossimi allo zero rappresentassero uno scenario promettente per l’oro ma, paradossalmente, l’allentamento monetario ha portato, almeno in una prima fase, deflazione e non inflazione.

A partire dall’inizio dell’anno, i governi dell’eurozona sembrano più propensi all’espansione fiscale e la Bce manifesta qualche segnale di rallentamento del Qe (riduzione dell’importo mensile di titoli acquistati dall’istituto). L’oro potrebbe trarre beneficio da questo cambiamento di scenario. Se a questo aggiungiamo i propositi bellicosi di Trump in materia di commercio internazionale, il cocktail in via di creazione mostra segnali favorevoli alle quotazioni dell’oncia.

L’indice della Borsa di Shanghai ha chiuso il 2016 al quintultimo posto della classifica delle performance (stessa posizione delle Borse di Egitto e Nigeria). I timori per l’evoluzione dell’economia cinese spaziano dal rischio recessione all’eccessivo surriscaldamento del sistema bancario. A questi si è aggiunto quello derivante dalle politiche protezioniste che saranno implementate dall’esecutivo a guida Trump.

Come tutte le economie emergenti, anche quella cinese sarà chiamata a risolvere molti nodi sulla strada che porta al pieno sviluppo del paese, tuttavia, se lo scenario planetario dovesse diventare più tranquillo, l’indice azionario di Shanghai potrebbe cominciare a salire di nuovo con forza.

Gli ottimi raccolti del 2016 hanno provocato un calo dei prezzi delle principali commodities agricole. Il prezzo del cacao è sceso del 30%, quello del grano del 13%. Le quotazioni delle commodities seguono andamenti ciclici e risentono del clima, dei flussi commerciali e del costo del trasporto. La volatilità di questo segmento lo rende adatto a investitori dotati di un’elevata propensione al rischio, ma la storia insegna che annate molto deludenti possono essere seguite da periodi molto favorevoli.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: sterlina, oro, commodities, contrarian
Come valuti questa notizia?
Un 2017 da contrarian Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
L’Istat vede l’economia in ripresa
Notizia successiva »
Wall Street, l'economia conta
ARTICOLI CORRELATI
Prepararsi a un rialzo dei tassi pubblicato il 26 luglio 2017
UK, probabili effetti di un Parlamento impiccato su sterlina e azioni pubblicato il 12 giugno 2017
Sterlina prossimo franco svizzero pubblicato il 18 maggio 2017
Il mondo e i mercati hanno sete di acqua pubblicato il 4 aprile 2017
Duration bassa in Usd e sterline pubblicato il 8 marzo 2017