Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Una visione contrarian sulla Cina

16/01/2019

Una visione contrarian sulla Cina

Dopo avere analizzato i pericoli di un forte rallentamento cinese e avere viso che tale evento costituirebbe la proverbiale goccia che fa traboccare il vaso dell'economia globale verso la recessione, potrebbe verificarsi lo scenario opposto: una Cina che nel 2019 sovraperformi a ogni livello, valutario, obbligazionario e azionario.

Se elementi di pessimismo ce ne sono in abbondanza, non si può dimenticare che vi sono anche fattori che potrebbero portare a scegliere il Dragone con un certo spirito contrarian. Innanzitutto la crescita economica rimane fra le più elevate al mondo: rispetto ad altre nazioni emergenti, la Repubblica Popolare ha mostrato finora una stabilità finanziaria, economica e sociale imparagonabile rispetto ad altre nazioni in via di sviluppo di grandi dimensioni. Se confrontiamo l'economia locale a quella di Brasile, Filippine, India, Indonesia, Messico e Russia (tanto per citare qualche esempio), i fondamentali cinesi appaiono di gran lunga migliori. Al tempo stesso il mercato azionario locale, nei suoi vari segmenti domestici e internazionali, è stato punito in una maniera decisamente dura. Allo stato attuale, infatti, il P/E forward del mercato del Dragone è intorno a quota 10, fra i valori più contenuti sul pianeta e pure in ambito emergente. Anche al netto della non cristallina governance di molte aziende (peraltro non un'esclusiva locale), è indubbio che Shanghai, Shenzhen, red share e altri pezzi dell'equity del gigante asiatico sono stati fra i precursori del clima di pessimismo ora generale.

Sentiment di pessimismo che nell’ultimo periodo non ha comunque visto un peggioramento relativo, tanto che negli ultimi terribili quattro mesi e mezzo, iniziati a fine agosto, lo Shanghai composite ha lasciato sul terreno meno del 6%, una performance largamente migliore rispetto alla maggior parte dei benchmark azionari rilevanti. In contemporanea pure lo yuan sembra che stia trovando maggiore stabilità. Notoriamente l'azionario della Repubblica Popolare mostra scarsa correlazione con il resto degli asset rischiosi, il che spesso si traduce in fiammate rialziste improvvise che possono avvenire anche in condizioni di relativa calma nel resto del mondo.

Stando così le cose, qualora si allentassero i timori sull'arrivo di una nuova fase di crisi e magari si arrivasse a un compromesso (anche sul breve periodo) con gli Usa, non risulterebbe inconcepibile assistere a un forte rimbalzo degli asset locali. Anche in condizioni di debolezza generalizzata, qualora i dati economici locali mostrino un livello appena migliore delle magre aspettative, si potrebbe assistere magari a un andamento simile a quello degli ultimi quattro mesi: scadente, ma non peggiore di tante altre piazze.

Non va dimenticato, infatti, un elemento: la Cina è attualmente l'unica grande economia del mondo che sta aumentando i propri stimoli fiscali e monetari, con una sforbiciata alle imposte di imprese e famiglie, programmi di investimenti e un abbassamento di 100 punti base del coefficiente di riserva obbligatoria delle banche. Quest'ultima misura, effettiva già questo gennaio, dovrebbe portare a un aumento dei prestiti bancari di 100 miliardi di euro.

Certamente i rischi esposti nella nostra precedente analisi sono destinati ad aleggiare sui mercati cinesi, tanto che obiettivamente una sovraesposizione all'equity locale può essere consigliata solo per quelle asset allocation particolarmente aggressive e prone al rischio, ma la possibilità di vedere una Cina meglio del cupo consensus attuale non costituisce uno scenario così estremo e fuori dalla realtà.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: cina, contrarian, performance
Come valuti questa notizia?
Una visione contrarian sulla Cina Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Brexit, massima incertezza
Notizia successiva »
I debiti delle società fanno paura
ARTICOLI CORRELATI
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno pubblicato il 1 luglio 2019
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
L'era della Grande moderazione pubblicato il 10 maggio 2019
Performance e gestori, binomio indissolubile pubblicato il 14 febbraio 2019
Un Far East poco diversificato pubblicato il 18 aprile 2019