Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Capitalizzazione, un affare tecnologico

23/02/2017

Apple, Alphabet, Amazon, Facebook e Microsoft, tutti colossi statunitensi della new economy, hanno saputo conquistarsi un posto nella top ten mondiale stilata in base al livello di capitalizzazione di mercato

Attualmente, secondo i dati raccolti ed elaborati da Bloomberg, gli Usa rappresentano il 37,3% della capitalizzazione di Borsa a livello mondiale. Al secondo posto c’è la Cina con un peso del 9,6%. Giappone, Hong Kong e il Regno Unito hanno rispettivamente pesi del 7,6%, 6,1% e 4,6%.

La classifica non è altro che il riflesso dei mutati rapporti di forza nel panorama internazionale. Uno studio curato dal team di Credit Suisse ha recentemente analizzato i cambiamenti intervenuti nel lungo termine nel mercato azionario. Nel lontano 1899, le imprese britanniche assorbivano il 25% del totale, gli Stati Uniti il 15%, la Germania il 13%, la Francia l’11,5% e la Russia il 6,1%.

L’ultimo aggiornamento della classifica mostra come le prime undici posizioni sono occupate da società a stelle e strisce. Tra le più note agli investitori internazionali troviamo: Apple, Alphabet, Amazon, Facebook, Microsoft e JP Morgan. Una delle ragioni alla base di questo schiacciante dominio Usa risiede nella capacità del paese di calamitare costantemente flussi d’investimento dall’estero. Questo trend giustifica anche la capacità dei listini Usa di influenzare le Borse degli altri paesi. Da qui il detto: quando Wall Street ha la tosse, tutte le Borse mondiali vengono contagiate.

Il distacco tra la capitalizzazione delle aziende Usa e quelle europee è legato anche al tasso di rivalutazione registrato dalla Borsa Usa rispetto a quelle del Vecchio Continente. Nell’ultimo decennio, l’indice Standard and Poor’s 500 ha guadagnato più dell’80% rispetto al 13% dello Stoxx 600. Tra le cento imprese più grandi del pianeta, ben 62 hanno passaporto statunitense e soltanto 22 passaporto europeo.

Non sorprende nessuno sapere che la statunitense Apple, con una capitalizzazione superiore ai 600 mld di usd (equivalenti alla spesa Usa destinata al settore ‘difesa’), è l’impresa più grande pianeta. Risulta invece alquanto sorprendente che, per trovare la prima società europea per livello di capitalizzazione, bisogna scorrere la classifica fino al diciannovesimo posto, occupato dall’elvetica Nestlé. Ancora più sorprendente è constatare che la società più grande tra quelle appartenenti all’Unione Europea è AB InBev (che occupa la trentaquattresima posizione).

La storia ci dice che questa situazione è frutto dei cambiamenti intervenuti negli ultimi anni e non si è mai verificata in passato. Solo una decina di anni addietro, nella top ten delle società più grandi trovavano posto tre aziende britanniche: il colosso petrolifero Shell, la banca HSBC e l’altro gigante del greggio British Petroleum. In quel periodo, la classifica generale era guidata dalla petrolifera Usa Exxon Mobil (che attualmente è scivolata fino alla settima posizione).

Un’altra delle potenze che sta accelerando molto in termini di capitalizzazione di mercato delle proprie aziende è la Cina. Quattro società cinesi sono tra le prime venti: la tecnologica Tencent (230 mld di euro), il gigante delle vendite online Alibaba (228,3 mld, quotata anche negli Stati Uniti), la telecom company China Mobile (218,2 mld di euro) e l’istituto di credito ICBC (216 mld di euro).

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: apple, tecnologia, usa, cina
Come valuti questa notizia?
Capitalizzazione, un affare tecnologico Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Mercato toro sulle materie prime
Notizia successiva »
Fondi per seguire il cambiamento globale
ARTICOLI CORRELATI
Il punto sulla Cina pubblicato il 27 novembre 2017
Bond governativi per chi vuole un po’ rischiare pubblicato il 1 dicembre 2017
2018, l'anno dell'unificazione dei mercati cinesi pubblicato il 11 dicembre 2017
Le variabili chiave nel lungo termine pubblicato il 30 novembre 2017
Cresce la ricchezza mondiale pubblicato il 14 novembre 2017