Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Far East, una crescita che può continuare

05/04/2017

Abbiamo visto che attualmente le divise di alcuni dei paesi più moderni dell'Asia, specificatamente Corea del sud, Singapore e Taiwan, si stanno finalmente rafforzando, in sincronia con una ripresa dei mercati equity locali. Il processo attuale, in un ambiente per queste nazioni di crescita economica mediocre e tassi di interesse storicamente bassi, anche se non paragonabili a quelli di altre parti del mondo industrializzato, è il risultato di un riaggiustamento di una politica strettamente mercantilistica perseguita per oltre un decennio, a partire dalla crisi del 1997.

A questo punto non si può fare a meno di porsi un quesito: come mai proprio adesso, con economie in rallentamento strutturale a causa di minori esportazioni e un parco consumatori domestico piuttosto indebitato e in via di invecchiamento, le autorità monetarie locali non stanno perseguendo politiche aggressivamente espansioniste per continuare a deprimere a livelli ridicoli le monete locali?

La risposta contempla ragioni sia contingenti, sia strutturali. Per quanto riguarda il primo ambito non si può non dimenticare i venti di protezionismo che spirano dall'America e non solo. Sbattere in faccia all'amministrazione Trump un Qe a scopo di ulteriore abbattimento dei corsi del dollaro taiwanese o del won coreano non appare un'idea dal grandioso timing nel momento in cui sei già sotto accusa di essere un manipolatore valutario. Significherebbe una pura e semplice dichiarazione di guerra valutaria.

A livello strutturale non si può non notare che la base economica di queste nazioni è cambiata: oggi dispongono di marchi apprezzati internazionalmente, di solidi mercati immobiliari invasi dal capitale cinese e di basi produttive sparse in tutto il mondo che aumentano il cosiddetto trading indiretto. In pratica il rapporto costi/benefici che si avrebbe, se venissero continuate le politiche di 15 anni fa, non sarebbe più conveniente.

Un secondo quesito che può sorgere a questo punto, però, riguarda l'andamento delle borse: se le tigri asiatiche sono oggi relativamente stagnanti e per di più gravate da una rivalutazione valutaria, perché i listini locali si stanno comportando bene, per di più dopo anni magri? In fondo non sarebbe sorprendente assistere a uno sviluppo storico simile a quello del Giappone, con la sua ostinata correlazione inversa fra Nikkei e yen.

Anche in questo caso ci sono ragioni sia di breve, sia di lungo periodo. Nell'immediato va detto che, dopo anni magri, questi mercati presentavano quotazioni decisamente a sconto: a fine 2016 il P/E forward del Kospi coreano a malapena superava 9. Vista anche la natura ciclica di questi mercati e il boom dell'It in corso, non sorprende che gli investitori domestici ed esteri abbiano finalmente visto in questa parte del mondo il profilo di growth at reasonable value che tanto desiderano.

È sostenibile però tale movimento nel lungo periodo? Se non cambiano in maniera drammatica le circostanze economiche, probabilmente sì. Intendiamoci: ci riferiamo comunque alla possibilità di sovra-performance in un ambiente fatto complessivamente di minori rendimenti degli asset finanziari a livello globale, con la possibilità anche di assistere a un modesto de-rating dell'azionario mondiale, considerati i multipli non proprio da occasionissima.

In quest'ambito il P/E forward della Corea è intorno a 10, Taiwan è un po’ più costosa (a fronte però di un maggiore dividend yield) posizionandosi sopra 13, così pure Singapore. Per tutti e tre questo indicatore è al di sotto della media storica, mentre sta crescendo la disciplina aziendale in termini di capex, dividendi pagati e semplificazione della struttura societaria di controllo.

In pratica, in una fascia di andamento economico intermedio, in cui non si vada incontro né a una recessione, che indurrebbe alla fuga gli investitori internazionali e farebbe tornare le pulsioni mercantiliste, né a un mega-boom indotto dagli Usa, con il suo corollario di afflusso di capitali, dollaro dilagante e Fed in versione falco, il riequilibrio in atto potrebbe continuare.

La maggiore minaccia sul lungo (ma neanche più di tanto) periodo, è che la Cina vada a devastare i comparti che oggi fanno la fortuna di queste nazioni, rendendosi autonoma in ogni interstizio tecnologico e finanziario: a quel punto il Far East dovrà per l'ennesima volta reinventarsi. Per il momento si può ancora cogliere i frutti di qualche anno di crescita.    

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: Far East, Valute, Equity
Come valuti questa notizia?
Far East, una crescita che può continuare Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Il puzzle dei fondi Absolute Return
Notizia successiva »
Le sfide future delll'Unione Europea
ARTICOLI CORRELATI
Ragioni per essere ottimisti sul debito emergente pubblicato il 10 novembre 2017
Alternative per difendersi da un aumento dei tassi pubblicato il 22 novembre 2017
Cina e Russia minacciano le divise digitali pubblicato il 12 settembre 2017
Emergenti, tempo di una parziale rotazione pubblicato il 9 ottobre 2017
Banche fuori dalla crisi, ma il futuro si gioca sull’innovazione pubblicato il 31 ottobre 2017