Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Le sfide future delll'Unione Europea

06/04/2017

Il futuro del Vecchio Continente è costellato di difficoltà, non solo economiche ma anche sociali e politiche. Dopo sessanta anni di prosperità, i prossimi decenni si prospettano piuttosto impegnativi

Sono trascorsi sessant'anni da quel fatidico 25 marzo 1957, quando i capi di governo di Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda e Lussemburgo apposero la firma sui Trattati di Roma che segnarono la nascita della Comunità Economica Europea e avviarono un lungo percorso di integrazione economica e politica che ha portato alla nascita dell'Unione Europea con la firma dei Trattati di Maastricht nel 1992.

Dal 1957 a oggi l'Ue è passata da 6 a 28 membri, conta una popolazione di oltre 500 milioni di persone e le economie dei paesi membri producono complessivamente una ricchezza di 15.000 miliardi di dollari. Numeri che rendono l'Unione Europea la seconda maggiore economia del mondo dietro gli Stati Uniti, con oltre un quinto del Pil prodotto a livello globale.

Negli anni la creazione di un mercato unico, che inizialmente aveva la funzione di consentire la libera circolazione dei beni, ha portato alla libera circolazione delle persone, dei capitali e dei servizi, e le condizioni di vita e di lavoro degli abitanti dell'Unione sono migliorate in un modo che i firmatari dei primi trattati non avrebbero mai immaginato.

In questi sei decenni l'Ue ha anche giocato un ruolo fondamentale nel garantire pace e stabilità tra i paesi del Vecchio continente, mettendo fine a secoli di guerre e conflitti, e ha contribuito al consolidamento di democrazie giovani in paesi come Grecia, Portogallo e Spagna, così come nelle dieci nazioni dell'Europa dell'Est che hanno aderito all'Unione nel 2004.

Nonostante questi straordinari risultati, il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma è un momento di riflessione e di preoccupazione, non solo di celebrazione, anche per i più ferventi sostenitori del progetto europeista. L'ultimo decennio infatti è stato un periodo particolarmente difficile e turbolento, di crescita economica molto debole, a partire da quando la crisi finanziaria globale ha scatenato la crisi del debito sovrano, e di fragilità politica, nel momento in cui sono state messe in dubbio la reputazione, le conquiste e la capacità di agire dell'Europa unita e sono emerse divergenze interne sempre più difficili da ricomporre. Il referendum del giugno 2016 che ha sancito l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione è la più evidente manifestazione dei dubbi che avvolgono il destino dell'Europa a 28.

Guardando al futuro, se vuole sopravvivere l'Europa dovrà affrontare e vincere le sfide poste da tre importanti forze che agiscono a livello globale, come evidenziato da una recente ricerca del McKinsey Global Institute. Innanzitutto, l'invecchiamento della popolazione creerà un gap nella crescita economica, causato dalla diminuzione della percentuale di persone in età da lavoro, ponendo un freno alla crescita futura della produttività, che peraltro è già in calo.

In secondo luogo, lo sviluppo, sempre più rapido, della digitalizzazione e dell'automazione, metteranno in difficoltà l'economia europea, la esporranno a un nuovo genere di competizione e se da una parte potranno aiutare a ridare slancio alla produttività compensando il gap creato dalle dinamiche demografiche, dall'altra solleveranno difficili interrogativi sul futuro del mondo del lavoro.

Terzo, l'Ue si trova oggi a fronteggiare la crescente competizione delle economie emergenti e delle multinazionali digitali, è sottoposta a pressioni legate all'aumento dei flussi migratori all'interno dei suoi confini, e a una crescente insofferenza e disagio dei cittadini europei nei confronti della globalizzazione e delle istituzioni, che in alcuni paesi sta sfociando in movimenti anti-europeisti.

A cura di: Paola Sacerdote
Parole chiave: Unione, europea, paesi, sfide
Come valuti questa notizia?
Le sfide future delll'Unione Europea Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Far East, una crescita che può continuare
Notizia successiva »
Beneficiare dell’inflazione in modo strategico
ARTICOLI CORRELATI
Mercati di frontiera e crescita secolare pubblicato il 24 luglio 2018
Messico e Argentina, due sfide latinoamericane pubblicato il 6 giugno 2018
La flessione europea pubblicato il 3 luglio 2018
Una storia europea di successo pubblicato il 3 maggio 2018
Emerging corporate bond, un’opportunità concreta pubblicato il 26 aprile 2018