Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il Re nudo

19/05/2017

Lo scenario Usa sta cambiando dopo alcuni mesi in cui  i principali indici azionari hanno preferito muoversi in un quadro di riferimento basato sul mantenimento di una distanza considerevole dalla realtà

Con l’espressione ‘Il re è nudo’, gli analisti di Bloomberg hanno voluto rappresentare la situazione attuale vissuta dai mercati finanziari dinanzi alla disillusione scatenata dalla tempesta politica che si sta abbattendo sugli Stati Uniti. Dopo alcuni mesi di ammirazione delle politiche teoricamente pro-crescita comunicate dal neo presidente, gli investitori sembrano essersi resi conto che dietro l’enfasi c’è ben poco di concreto.

La volatilità s’impenna 

In soli due giorni di negoziazioni, l’indice che misura la paura sul mercato azionario del Vecchio Continente, il VStoxx, è salito del 40%. Negli Stati Uniti, il suo omologo, il VIX (che calcola la volatilità implicita dell’indice Standard and Poor’s 500) ha registrato un balzo del 50%. Stando ai dati in possesso di Bloomberg, questo indicatore ha archiviato la giornata di mercoledì scorso con l’incremento giornaliero più elevato della sua storia (46,5%).

Dopo la vittoria di Macron alle presidenziali francesi, le Borse erano rimaste senza punti di riferimento. La stagione degli utili trimestrali è quasi finita, i dati macroeconomici presentano novità tali da muovere i mercati e non sembrano esserci novità né in Cina né in altri paesi o aree geografiche. In siffatto scenario internazionale di riferimento, Donald Trump ha assunto il ruolo di unico elemento in grado di catalizzare l’attenzione dei listini negli ultimi mesi.

Le accuse mosse al neo presidente si sono abbattute sul sentiment degli investitori come una giara di acqua gelida in volto. Questo spiega il perché dal 1° marzo gli indici azionari statunitensi abbiano seguito un andamento quasi piatto e quelli europei abbiano continuato il trend ascendente. A partire da inizio marzo, lo Standard and Poor’s 500 ha lasciato sul terreno l’1,6% (escludendo il calo di ieri) e l’Euro Stoxx 600 si è rivalutato del 3,1%.

In un primo momento i dubbi si sono focalizzati sul timing delle politiche annunciate da Trump e sulle chance che l’economia statunitense ha di trarre beneficio dalle misure annunciate. Nel momento in cui Trump ha annunciato la volontà di annullare l’Obamacare, gli investitori si sono chiesti se il presidente sarebbe riuscito a ottenere l’appoggio sufficiente dal Parlamento. Gli stessi dubbi si sono successivamente estesi alla capacità di disporre dei numeri necessari per approvare la riforma fiscale. Attualmente sembra chiaro che non sarà affatto semplice disporre della maggioranza richiesta per centrare tali obiettivi.

Il dollaro si debilita

Il 2 marzo il rapporto di cambio euro/dollaro ha segnato l’inizio di una fase di rivalutazione della divisa europea, passata da quota 1,05 usd a 1,11. L’usd aveva ben cominciato la presidenza Trump, ma ha dovuto cedere posizioni a causa di uno scenario incerto negli Usa e meno incerto in Europa. Nel frattempo si assiste a un recupero delle quotazioni dei tradizionali asset rifugio. Il metallo giallo accumula sei sessioni consecutive al rialzo, non molte ma sufficienti a riportarne la quotazione sopra i 1.260 usd l’oncia. La rivalutazione complessiva in queste sei sessioni è stata del 3,6%. Da giovedì della scorsa settimana anche il franco svizzero, divisa rifugio per eccellenza, ha riconquistato alcune posizioni, passando da 0,99 contro l’usd a 1,023.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: politica, trump, dollaro, franco
Come valuti questa notizia?
Il Re nudo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Sterlina prossimo franco svizzero
Notizia successiva »
Trump, la delusione e l’incertezza
ARTICOLI CORRELATI
Italia, l’incertezza politica resta alta pubblicato il 18 maggio 2018
Greggio e dollaro su insieme, una pericolosa tenaglia pubblicato il 28 maggio 2018
Un’Italia con pochi margini pubblicato il 24 maggio 2018
Fattori che supportano la debolezza del dollaro pubblicato il 18 aprile 2018
Corea del Nord, Fed e Bce nell’agenda della settimana pubblicato il 11 giugno 2018