Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Giappone, la correlazione resta inversa tra valuta e Borsa

22/05/2017

Giappone, la correlazione resta inversa tra valuta e BorsaQuali settori del listino giapponese offrono le migliori opportunità e quanto potrebbe pesare il rischio valuta sulle chance di successo di un investimento in azioni giapponesi effettuato da un investitore europeo?

Storicamente, la performance del mercato azionario è inversamente correlata all’evoluzione dello yen. Quando lo yen cresce, il mercato azionario tende a perdere terreno e viceversa. Per un investitore europeo orientato alla prudenza, un investimento nell’azionario giapponese dovrebbe essere condotto con strumenti coperti dal rischio di cambio, per garantire performance positive.

Se osserviamo i fattori che hanno caratterizzato il trend della Borsa di Tokyo negli ultimi mesi, dovremmo trarne l’indicazione che i i settori connessi alla reflazione dovrebbero rimanere maggiormente sotto pressione per il momento (banche, immobiliare e settori connessi alle commodity). La competizione nei prestiti alle aziende e ai depositanti è spietata. Le società non hanno bisogno di chiedere prestiti e i consumatori non hanno la fiducia per farlo.

Le banche restano legate a normative imprevedibili e a un’economia fragile, fattori esterni al loro controllo. Al contrario. i settori connessi con la domanda interna (Food&Beverage e servizi di It) hanno buone probabilità di continuare a trarre beneficio da fondamentali sani. La debolezza dello yen è un fattore positivo per gli esportatori ma l’aumento del protezionismo su scala globale potrebbe gravare sulla domanda di merci. Al contempo, uno yen più debole potrebbe consentire all’inflazione importata di erodere la redditività delle società locali, soprattutto quelle che non hanno potere di determinare i prezzi.

Secondo Andreas Nigg, head of Equity & Commodity Strategy di Vontobel AM, piuttosto che focalizzare l’attenzione su una tradizionale allocazione settoriale, è opportuno adottare una strategia che privilegia le aziende che in Giappone hanno un potenziale superiore di miglioramento dei margini. In linea con questa visione, il gestore preferisce inoltre le aziende con bilanci solidi, con la prospettiva di aumentare o introdurre un programma di riacquisto delle proprie azioni. Benché il team si aspetti un ulteriore deprezzamento dello yen, come descritto sopra, non sottovaluta il fatto che lo yen si è già indebolito in modo sostenuto dal 2012 e, sulla base della parità del potere di acquisto (Ppp), non è più caro.

‘Prediligiamo i settori più tipicamente orientati all’export che dipendono fortemente dal forex come auto e macchinari. Riponiamo particolare attenzione sulle azioni dell’automotive anche per motivi strutturali, ma continuiamo a preferire anche i titoli delle aziende del settore machinery. Con riferimento alle industry non orientate alle esportazioni, preferiamo il settore costruzioni e servizi, grazie al miglioramento dell’economia domestica, alla maggiore fiducia dei consumatori e a un mercato del lavoro più attivo. Lo yen non è sopravvalutato e non ci aspettiamo un ulteriore forte deprezzamento.’. è invece la view formulata da Lilian Haag, portfolio manager di Deutsche AM 

Secondo Atsushi Horikawa, gestore del Japan Strategic Value portfolio di AB,  le società cicliche sono le più interessanti. Fino alla metà del 2016 il mercato è stato avverso al rischio, favorendo i titoli più difensivi e comprimendo le valutazioni delle aziende cicliche. Questo trend è stato sovvertito, ma i prezzi di questi titoli sono ancora in forte sconto. Guardando ai tassi di cambio, investire nell’equity giapponese è sempre un rischio, ma il gestore crede che il potenziale downside sia limitato. 

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: yen, borsa, settori, correlazione
Come valuti questa notizia?
Giappone, la correlazione resta inversa tra valuta e Borsa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Wall Street, il buono nonostante Trump
Notizia successiva »
Opec, il rinnovo dei tagli potrebbe non bastare
ARTICOLI CORRELATI
In Europa i dividendi più ricchi arrivano dalle Telecom pubblicato il 14 maggio 2018
Italia, l’incertezza politica resta alta pubblicato il 18 maggio 2018
Wall Street, un toro record pubblicato il 7 settembre 2018
Potenziale impatto dei tassi sulle azioni Usa pubblicato il 12 febbraio 2018
Un voto importante, anzi no pubblicato il 1 marzo 2018