Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Lisbona alla riscossa

28/06/2017

Lisbona alla riscossaL’ultima rilevazione trimestrale dell’andamento del Pil ha fatto segnare un +2% su base annua. Il tasso di disoccupazione si è portato al di sotto del 10% per la prima volta dal primo trimestre del 2009 e il deficit pubblico al 2,1% del Pil

In un’intervista rilasciata al’inizio di giugno al quotidiano tedesco Handelsblatt, Antonio Costa, primo ministro del paese, si vanta di aver centrato questi risultati senza dare molto peso alle raccomandazioni di Berlino in materia di austerità.

I mercati sono coscienti di questo miglioramento. Il titolo di stato decennale lusitano ha sperimentato un calo del rendimento offerto dal 4,2% -registrato all’inizio del 2017- al 3,044% registrato a inizio del mese. Il Wall Street Journal ha definito il decennale portoghese il miglior investimento obbligazionario degli ultimi mesi.

Il primo ministro Costa ha sottolineato che la disoccupazione ha intrapreso un chiaro trend discendente e il deficit –dopo anni ballerini- è ormai sotto controllo. Il ratio deficit/Pil è infatti ben al di sotto del 3% domandato dall’Unione Europea. Il dato del ratio è anche il migliore registrato da Lisbona negli ultimi quarantadue anni.

La parola chiave per l’uscita dal tunnel sembra essere ‘fiducia’. Gli investimenti privati sono cresciuti più del 7% nel corso dell’ultimo anno e il trend sta ancora accelerando. Un altro dato importante per spiegare la svolta portoghese è offerto dal buon andamento della domanda estera. Il turismo è uno dei settori che sta trainando la ripresa, con una crescita che lo ha portato a pesare per il 6,4% sul Pil (era al 4,6% nel 2011). L’incedere delle azioni terroristiche in alcuni paesi nord-africani, in Francia e in Turchia, hanno convinto molte persone a scegliere il Portogallo come meta ‘più tranquilla’ per i propri periodi di vacanza.

Un contributo importante al recupero di Lisbona è arrivato anche dal miglioramento del contesto finanziario e dalla crescita economica dell’eurozona (in particolare della vicina Spagna). L’economia lusitana è diventata più competitiva dopo la decisione di svalutare i salari domestici (decisa dal Governo guidato da Pedro Passos Coelho, primo ministro portoghese dal 2011 al 2015).

Lisbona ha tratto grandi vantaggi anche dalla politica monetaria della Banca Centrale Europea, il cui programma di acquisto titoli ha contribuito a ridimensionare la spesa per interessi. Allo stesso tempo, il calo delle quotazioni petrolifere si è rivelato una panacea per migliorare il dato della bilancia commerciale e ridare una parte del potere d’acquisto perso dai cittadini dopo la decisione di svalutare i salari. Il mix di questi fattori ha permesso di rianimare i consumi interni e ridurre il deficit con l’estero.

Il peso delle esportazioni è passato dal 30% del Pil del 2007 a oltre il 40% del 2017. Attualmente, il paese esporta più di quanto importa. Se si somma il risultato della bilancia delle partite correnti a quello della bilancia dei capitali (capacità di finanziarsi), si nota che Lisbona è passata da un deficit del 10,9% del suo Pil a un surplus dell’1,7%. In altre parole, il Portogallo si è trasformato in un creditore netto verso il resto del mondo.

Anche se una parte rilevante del merito è diretta conseguenza delle riforme del passato, l’attuale primo ministro ha approfittato del miglioramento graduale dell’economia per riportare le pensioni sui livelli antecedenti la crisi e ridare ai dipendenti della pubblica amministrazione la possibilità di uscire dal part time obbligato a cui erano stati costretti.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: lisbona, pil, crescita, occupazione
Come valuti questa notizia?
Lisbona alla riscossa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Cresce la fiducia dei consumatori
Notizia successiva »
Banche centrali, abbaiano ma non mordono
ARTICOLI CORRELATI
Ciò che i mercati vogliono dai politici pubblicato il 11 ottobre 2018
Le azioni Usa passeranno il testimone a quelle europee pubblicato il 15 ottobre 2018
Italia, qualche nube all'orizzonte pubblicato il 12 giugno 2018
Istat, manifatturiero ed esportazioni in flessione pubblicato il 8 maggio 2018
Messico e Argentina, due sfide latinoamericane pubblicato il 6 giugno 2018