Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Italia, che surplus

24/10/2017

import-exportL’export si conferma la componente più dinamica della nostra economia. Dopo  aver registrato nel 2016 un avanzo commerciale record grazie a un forte incremento delle vendite verso Giappone e Cina e a un calo dell‘import dalla Russia, lo scorso anno l’Italia aveva registrato un surplus della bilancia commerciale di 51,566 miliardi di euro a fronte dell‘avanzo di 41,807 miliardi del 2015, il livello più alto dal 1991, anno di inizio della serie storica. Secondo Eurostat, nel 2016 il surplus commerciale dell‘Italia (che al netto dell‘energia sarebbe stato pari a 78 miliardi) è risultato il terzo più alto nell‘Ue, dietro a Germania (257,3 miliardi) e Paesi Bassi (59,9). Ultima della lista la Gran Bretagna, con un deficit di 204,5 miliardi di euro.

Nel 2016 l‘export italiano è cresciuto anno su anno dell‘1,1%, con un incremento particolarmente accentuato delle vendite verso Giappone (+9,6%), Cina (+6,5%), Repubblica Ceca (+6,4%), Spagna (+6,1%) e Germania (+3,8%). La flessione dell’import (-1,4%) è principalmente determinata dagli acquisti dalla Russia (-26,3%)”, spiega Istat. Nel dettaglio, il saldo della bilancia con i paesi dell’Ue nel 2016 è stato pari a 11,698 miliardi, a fronte dell‘avanzo di 8,585 miliardi registrato nel 2015.

Anche quest’anno, secondo i dati Istat, prosegue il trend positivo. A settembre 2017, rispetto al mese precedente, le esportazioni sono in aumento  del 2,0% mentre le importazioni registrano una flessione del 3,4%. L’incremento congiunturale delle vendite verso i paesi extra Ue è esteso a quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie. L'energia (+12,7%) e i beni strumentali (+5,6%) registrano incrementi particolarmente intensi. Sono in flessione, invece, i beni intermedi (-4,3%) e i beni di consumo durevoli (-3,2%). Dal lato dell'import, la flessione congiunturale è estesa a tutti i raggruppamenti principali di industrie, a eccezione dei beni di consumo non durevoli (+0,5%). I beni di consumo durevoli (-8,6%) e i beni strumentali (-6,3%) registrano un calo più marcato della media.

Nell’ultimo trimestre, la dinamica congiunturale dell'export verso i paesi extra Ue, risulta positiva (+1,2%) ed estesa a tutti i raggruppamenti principali di industrie. Nello stesso periodo, le importazioni sono invece in netto calo (-3,4%), un dato particolarmente ampio per i beni strumentali (-11,7%) e i beni di consumo durevoli (-6,8%). Contrastano la tendenza decrescente i beni intermedi (+2,1%) che registrano un aumento rispetto al trimestre precedente. A settembre 2017, le esportazioni sono in forte aumento su base annua (+8,1%, che passa a +10,0% eliminando l'effetto prodotto dal diverso numero di giorni lavorativi). La crescita è marcata per l'energia (+46,4%) e per i beni strumentali (+10,1%); di intensità minore per i beni di consumo non durevoli (+8,0%) e i beni di consumo durevoli (+5,3%).

Anche le importazioni sono in espansione (+4,7%), che aumenta a +6,5% eliminando l'effetto prodotto dal diverso numero di giorni lavorativi) coinvolgendo tutti i comparti a eccezione dei beni strumentali (-9,0%) e dei beni di consumo non durevoli (-0,2%). Il surplus commerciale (+3,540 miliardi) è in aumento rispetto a quello dello stesso mese del 2016 (+2,89 miliardi). Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici (+5,75 miliardi) è in forte crescita rispetto a settembre 2016 (+4,86 miliardi).

A settembre 2017, le esportazioni verso Russia (+21,8%), Cina (+18,7%), paesi Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela; +15,1%), Stati Uniti (+8,3%), Giappone (+7,3%) e paesi Asean (+5,9%) proseguono l’incremento, rallentando rispetto al tasso di crescita rilevato dall’inizio dell’anno. La Turchia (+21,3%) e la Svizzera (+5,0%) invece, proseguono l’incremento, aumentando la crescita rilevata dall’inizio dell’anno. Continua la flessione delle vendite verso i paesi Opec (-5,4%). A settembre 2017, le importazioni da India (+16,2%), paesi Opec (+13,3%), Russia (+7,4%), Stati Uniti (+4,0%) e Cina (+3,0%) proseguono l’incremento, rallentando la crescita rilevata dall’inizio dell’anno. Sono in flessione gli acquisti da Svizzera (-9,7%), paesi Asean (-8,7%), Giappone (-8,1%) e Turchia (-1,2%).

A cura di: Massimiliano D'Amico
Come valuti questa notizia?
Italia, che surplus Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La gestione passiva dei bond
Notizia successiva »
Bce al bivio
ARTICOLI CORRELATI
A gennaio produzione industriale e import ed export in flessione pubblicato il 20 marzo 2018
Italia, non solo good news pubblicato il 24 aprile 2018
Usa, attenti al 2019 pubblicato il 11 maggio 2018
Gli EM hanno meno paura degli shock pubblicato il 6 marzo 2018
L’Italia cresce, ma più lentamente pubblicato il 9 aprile 2018