Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Previsioni un po’ al limite per il 2018

27/11/2017

La fine dell'anno ormai è imminente ed è quindi il tempo di riprendere il gioco delle previsioni. Si parte da un 2017 assolutamente positivo per i mercati dei capitali. Per l'anno prossimo la vulgata comune prevede un quadro positivo, ma con rendimenti derivanti dai mercati finanziari inferiori a questo 2017 per certi versi eccezionale.

La previsione è in effetti ragionevole: dopotutto i prezzi sono cari su quasi tutti gli investimenti ed è in corso un notevole cambiamento nella politica monetaria di mezzo mondo. E se questo è lo scenario centrale, stavolta vale la pena proporre una serie di previsioni un po' estreme, ma non eccessivamente improbabili. Nel futuro prossimo verrà discussa ciascuna di esse, in particolar modo per capire come si rapporta con lo scenario centrale.

Fatta questa premessa, iniziamo subito la serie.

Per quanto riguarda l'azionario americano nel 2018 si potrebbe avere un'altra annata molto positiva, anche se magari un filo meno redditizia del 2017. Diciamo che un total return (includendo dunque i dividendi reinvestiti) di almeno il 12% è tranquillamente alla portata. Nell'ambito di Wall Street poi, invece di vedere un ribilanciamento fra growth e value, il primo gruppo continuerà a sovraperformare con una crescita particolarmente favorevole per l'information technology. Il dollaro, invece, potrebbe proseguire nella propria traiettoria generale di declino nei confronti dell'euro, che potrebbe arrivare a toccare quota 1,30.

Quanto al Giappone è possibile che continui il proprio percorso di aumento delle quotazioni azionarie e che risulti ancora una volta uno dei mercati sviluppati più brillanti. Il tutto accompagnato da uno yen in moderato rialzo.

A loro volta i vicini e concorrenti del Giappone, Corea e Taiwan, dovrebbero continuare a fare bene, con robuste performance del loro settore tecnologico, con, nel caso della Corea del sud, un'estensione ai titoli con caratteristiche più value del listino locale: tra questi gli industriali e certi gruppi finanziari. Le divise locali dovrebbero proseguire nel loro trend di rafforzamento.

Buone aspettative anche per la Cina, che potrebbe ugualmente evidenziare un'annata molto forte: è prevedibile che si rafforzi il trend di ripresa delle azioni A in generale, così come è da ritenere possibile il ritorno di fiamma delle banche locali. Con ogni probabilità i colossi internet locali rallenteranno la loro ascesa azionaria, però in compenso il boom si estenderà a titoli di dimensioni minori; in un contesto di questo tipo c'è da aspettarsi una pletora di Ipo.

Nell’Europa della moneta unica dovrebbero proseguire il rally bancario e quello dell'energia, mentre le small e le mid cap, nonostante le previsioni di un mercato dominato da temi value, dovrebbero continuare a mettere a segno performance in linea con quelle delle big cap. Anche in questo caso c’è da aspettarsi performance almeno nella fascia bassa della doppia cifra.

Il petrolio, sull'onda di una buon andamento della domanda e delle tensioni in Medio oriente, potrebbe registrare quotazioni ulteriormente in salita. È possibile che si possa vedere il Brent quotare fino a 80 dollari al barile, con uno spread in allargamento nei confronti del Wti, che potrebbe fermarsi a 70.

Come si può notare, questa ridda di “previsioni improbabili” non è altro che una prosecuzione per il 2018 dei trend visti quest'anno: sostanzialmente occorre solo che il treno globale, invece di rallentare o cambiare parzialmente direzione, continui sulla stessa linea.

Nelle prossime settimane analizzeremo ciascuna di queste voci per capire da dove nascono le convinzioni così positive.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: previsioni, Usa, Europa, Cina, petrolio
Come valuti questa notizia?
Previsioni un po’ al limite per il 2018 Valutazione: 2/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Rischi e opportunità dei dividendi
Notizia successiva »
Il punto sulla Cina
ARTICOLI CORRELATI
Petrolio, in pieno bull market pubblicato il 14 maggio 2018
Distorsioni da iperinflazione pubblicato il 4 maggio 2018
Russia, i fondamentali sembrano reggere l’urto delle sanzioni pubblicato il 16 maggio 2018
L’India continua a crescere più della Cina pubblicato il 3 aprile 2018
Cina, colpisci dove fa male, ma senza esagerare pubblicato il 9 aprile 2018