Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Azioni value e America Latina per seguire gli Em

25/01/2018

Azioni value e America Latina per seguire gli Em

Le azioni value dei paesi emergenti tendono a sovraperformare quando la crescita reale supera quella dei paesi sviluppati. Il differenziale di performance tra azioni value e growth segue con costanza l’andamento del differenziale del tasso di crescita reale tra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati.

L’aumento nel differenziale del PIL nel 2017 non è stato ancora seguito e raggiunto dalla ripresa delle azioni value dei paesi emergenti. Due fattori potrebbero essere in gioco: da un lato la possibilità che gli investitori rimangano scettici sulle prospettive di crescita del PIL dei paesi emergenti, dall’altro la possibilità che la fiducia degli investitori nei titoli tecnologici stia ancora supportando le valutazioni dei titoli growth in questi paesi. Il team di Pictet pensa che questo stia per cambiare, dal momento che la crescita attesa del PIL dei paesi emergenti è forte e in miglioramento, come precedentemente discusso. Questo accade in un momento in cui le valutazioni delle azioni growth dei paesi emergenti sembrano più che mai eccessive.

Il 2018 potrebbe rivelarsi un'altra probabile buona annata per gli investimenti nei mercati emergenti. Secondo il team i fattori chiave che sosterranno la crescita nei mercati emergenti nel 2018 saranno: 1) il commercio mondiale, spinto da una ripresa del ciclo degli investimenti. Le economie più aperte dovrebbero beneficiarne.2)  Politica monetaria: accomodante in molti mercati emergenti. 3) I prezzi dell’energia: supportati da una ripresa globale sincronizzata. Dovrebbero beneficiarne i paesi esportatori di commodity.

Il trend più evidente sarà la ripresa dell’America Latina, che potrebbe mettere a segno il balzo più grande. In particolare, la sua più grande economia, il Brasile, esce da una severa recessione, e dovrebbe vedere il più grande miglioramento nel tasso di crescita (da 0,6% del 2017 al 2,6%). Anche Perù, Cile, Colombia, Messico e Argentina dovrebbero tutte registrare incrementi nella crescita del loro PIL reale.

La crescita appare meno forte nei mercati dell’est asiatico. Si stima un rallentamento della crescita reale è al 2,9% nel 2018 dal 3,4% del 2017, con la Turchia nella posizione di maggiore difficoltà. Le prospettive dell’Asia escluso Giappone sono a metà strada. La crescita dell’India dovrebbe salire da 6,3% a 7,5%, ma anche l’inflazione è in crescita. Gli altri mercati in quest’area vedranno verosimilmente profili di crescita bassa o piatta. In particolare, la crescita della Cina, è prevista in rallentamento da 6,8% a 6,6%.

L'altra faccia della medaglia è rappresentata dall'inflazione Nel complesso il tasso di inflazione arriverà al 3,5%, dal 3,3% del 2017. Questo livello è il risultato di differenze marcate tra i paesi produttori, dove è lecito attendersi l’insorgenza di pressioni inflazionistiche, e i paesi esportatori dove invece l’inflazione diminuirà, passando da 7,2% a 5,9%.

A livello di paese, è l’India l’economia dove il team di Pictet si aspetta che l’inflazione cresca di più (da 3,5% a 5,3%). Questo in qualche modo ottempera l’ottimismo circa le prospettive di crescita reali del paese . Al contrario, l’Argentina è il paese dove potrebbe trovare spazio la maggiore contrazione dell’inflazione, passando infatti dal livello molto alto del 24% nel 2017 al 18% del 2018.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: america latina, value, growth, emergenti
Come valuti questa notizia?
Azioni value e America Latina per seguire gli Em Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
L’Italia non teme l’incertezza elettorale
Notizia successiva »
Luci e ombre della riforma fiscale di Trump
ARTICOLI CORRELATI
Il variegato universo delle divise emergenti pubblicato il 1 agosto 2018
Il ritorno delle biotecnologie pubblicato il 13 luglio 2018
Caccia ai veicoli migliori per evitare le correzioni pubblicato il 26 luglio 2018
Usa nel deserto dei tartari pubblicato il 1 settembre 2018
Mercati emergenti, una difficile allocazione pubblicato il 18 luglio 2018