Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

L’Italia non teme l’incertezza elettorale

24/01/2018

La ripresa del paese è diventata autosufficiente, in quanto sia la fiducia delle imprese (PMI Composite a 56.5 punti) che il sentiment dei consumatori (poco sotto il suo livello record) sono notevolmente migliorati dalla scorsa estate.

In un orizzonte di medio termine, la sostenibilità del debito è migliorata, grazie al fatto che il tasso di interesse medio pagato sul debito in essere sta diminuendo, il tasso di crescita nominale è cresciuto e il saldo primario dovrebbe rimanere invariato. Di conseguenza, il FMI stima che il rapporto debito/PIL italiano tocchi quota 120% nel 2022, in calo dal 133% registrato nel 2017.

Dal punto di osservazione dei mercati finanziari, la buona notizia è che il referendum sull’euro e qualche forma di ripudio del debito pubblico sono usciti dalle agende di alcune forze politiche. La cattiva è che è in atto una rincorsa a promettere decise marce indietro su alcune riforme e provvedimenti introdotti negli ultimi anni e l’introduzione di misure dal costo relativamente elevato e la cui copertura è nebulosa. Nonostante questo, uno sguardo al pricing degli assets domestici mostra che sinora le elezioni politiche non hanno innescato un meccanismo di costruzione di un significativo premio al rischio politico.

Lo spread Btp-Bund ha ritracciato l’allargamento di dicembre e, a attorno ai 135 punti base, non è distante da quello che viene considerato il suo valore di equilibrio (attorno a 120-130 punti base) basato su elementi fondamentali (essenzialmente ciclo e finanza pubblica)


Il FTSEMIB è su di circa il 8,5% da inizio anno e sta sovraperformando lo Euro Stoxx di circa il 4%, grazie alla buona performance delle banche (e al loro peso nel FTSEMIB relativamente maggiore rispetto all’Euro Stoxx).

La ragione principale di questa calma relativa è rinvenibile nei report sull’argomento che le banche d’investimento internazionali stanno sfornando quotidianamente. Facendo violenza ai dettagli delle analisi, e sintetizzando quelle che sono le aspettative sul punto di arrivo finale di questa tornata elettorale, emerge un chiaro consensus su uno scenario centrale che può essere sintetizzato così: a fronte delle caratteristiche della legge elettorale, gli attuali sondaggi rendono un risultato inconclusivo, in cui nessuno dei tre schieramenti ottiene la maggioranza dei seggi, lo scenario più probabile.

A quel punto seguirà uno scioglimento delle attuali coalizioni e una successiva ricomposizione, agevolando un governo di larghe intese. Un governo simile manterrebbe il paese su un sentiero di collaborazione con le istituzioni UE e di disciplina sui conti pubblici. In prospettiva, e con ancora sei settimane al voto, la variabile cruciale per confermare o meno questo scenario sarà l’evoluzione dei sondaggi.

Questo scenario spiega perché l’incertezza dovuta alla tornata elettorale non dovrebbe distogliere il Paese dal cammino intrapreso. Grazie alla nuova legge elettorale, Rosatellum, è molto improbabile che si formi un Governo formato da partiti anti-establishment. Ciò riduce quindi in modo significativo il rischio di coda che l’Italia lasci la zona euro, per ora. Lo scenario più probabile è che si crei un parlamento sospeso, ma ciò non rappresenterebbe di per sé una minaccia per la zona euro, in quanto una grande coalizione potrebbe gestire la situazione.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: spread, bpt, incertezza, elezioni
Come valuti questa notizia?
L’Italia non teme l’incertezza elettorale Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Socialmente responsabili e convenienti
Notizia successiva »
Azioni value e America Latina per seguire gli Em
ARTICOLI CORRELATI
Un futuro incerto per il Bel Paese pubblicato il 3 luglio 2018
Una enigma per il Messico pubblicato il 4 luglio 2018
Trump, un nuovo imprevedibile fattore di incertezza per l’It pubblicato il 25 giugno 2018
Italia, l’incertezza politica resta alta pubblicato il 18 maggio 2018
L’incertezza pesa sui portafogli pubblicato il 23 aprile 2018