Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cina, resta sempre un must

13/02/2018

Cina, resta sempre un must

Nella generale caduta delle borse, peraltro per il momento apparentemente arginata, la Cina, che negli ultimi mesi del 2017 e nel primo del 2018 era stato un mercato molto brillante, ha preso una discreta batosta, anche se non peggiore di altre piazze finanziarie. Lo Shanghai composite, che il 26 gennaio aveva raggiunto il suo massimo a 3.558 punti, è oggi a 3.153, con una perdita dell’11,38%. Rispetto a un anno fa il calo è stato del 2,09%, mentre in confronto al minimo del 2017 del 10 maggio a 3.052 è ancora su del 3,30%.

Non molto diverso l’andamento dello Shenzhen composite, l’indice della seconda borsa cinese, che raccoglie soprattutto i titoli tecnologici.  Dai livelli più elevati di gennaio a 1.953 punti è sceso agli attuali 1.723, con una perdita dell’11,77% in circa due settimane.

A questo punto sono da considerare in pericolo gli investimenti sui in Cina? L’idea che il colosso asiatico rappresenti un mercato di grandissimo avvenire è da considerare almeno momentaneamente chiusa? La risposta è abbastanza complessa, ma si può già anticipare che una realtà così complessa non si fa certo fermare da un bear market la cui entità e la cui durata non sono state ancora definite.

Innanzitutto il mercato del Dragone è abbastanza frammentato: a fianco a vecchie imprese di stato spesso tecnologicamente indietro, indebitate e con livelli di governance molto mediocri, si trovano società It che sono in grado di rivaleggiare con i più importanti competitor Usa. Alla base c’è una ricerca scientifica di primissimo ordine, ma anche una grande propensione da parte del grande pubblico a utilizzare l’hi tech in maniera sempre più pervasiva.

Non a caso oggi la Repubblica Popolare sta acquisendo una vera e propria leadership nell’auto elettrica e nella fintech. Proprio in quest’ultimo comparto, dove i giganti Alibaba (e-commerce), Tencent (messaggistica) e Baidu (motore di ricerca) gestiscono grandi volumi di pagamenti digitali, la crescita si sta rivelando tumultuosa: la sola Alipay ha 400 milioni di clienti e l’innovazione finanziaria non è nemmeno paragonabile con quella che si vede presso le banche occidentali, dove i fattori culturali sono un ostacolo all'innovazione.

Anche in un settore chiave come l’hardware la presenza cinese a livello globale si sta facendo sempre più forte: Huawei ha chiuso il 2017 al terzo posto al mondo come quota di mercato nel mercato degli smartphone, con il 10%, dietro solo ad Apple e Samsung, mentre anche la quarta, la quinta e sesta posizione sono occupate da aziende cinesi.

Ma a dare buone opportunità di utili non c’è solo l’hi-tech: una tendenza interessante è la ricerca di qualità nel settore dei servizi e dei consumi, compresi i viaggi, i servizi finanziari (pianificazione finanziaria) e l'healthcare, dove emergono nuove opportunità man mano che sempre più aziende si posizionano su livelli più elevati, caratterizzati da maggiore valore e ingenti margini.

Il tutto in un contesto generale di crescita che rimane elevatissima, almeno sulla base degli standard occidentali: la crescita del Pil quest’anno dovrebbe collocarsi intorno al 6,3-6,5%, con un chiaro aumento delle esportazioni e una stabilizzazione dell’uscita di capitali dal paese. Anche il sistema bancario ombra, che stava rischiando di incrementare l’indebitamento complessivo su livelli non più accettabili, sembra sotto controllo.

In pratica oggi nessuno è in grado di dire se ciò che sta succedendo sui mercati di tutto il mondo rappresenta solo un momento di volatilità destinata a rientrare, ma, se nell’investimento in borsa c’è una logica, certamente i capitali parcheggiati a Shanghai e Shenzhen sono destinati almeno sul medio termine a dare buoni frutti. Difficilmente al mondo si possono trovare condizioni generali ancora così positive.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Cina, resta sempre un must Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Potenziale impatto dei tassi sulle azioni Usa
Notizia successiva »
Messaggi chiave per seguire i mercati
ARTICOLI CORRELATI
Diversificare con il Nasdaq pubblicato il 3 settembre 2018
Due potenziali scenari per la guerra commerciale pubblicato il 2 ottobre 2018
La Cina spinge in alto il debito planetario pubblicato il 25 maggio 2018
Il termometro lusso pubblicato il 6 luglio 2018
I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond pubblicato il 16 luglio 2018