Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Le chance dell’Asia

12/03/2018

La continua crescita globale, il miglioramento delle condizioni di business, le riforme in corso e le aspettative di consenso per un miglioramento degli utili societari sono tutti elementi che segnalano un outlook ottimistico per quest’anno

Le valutazioni azionarie sono ancora attraenti rispetto al resto dei principali mercati azionari globali, nonostante abbiano aggiornato i massimi nell’ultimo anno. Ahn Lu, porfolio manager, Asian ex-Japan equity strategy, T. Rowe Price, individua cinque temi chiave per il 2018

La Cina e le riforme


In Cina il Presidente Xi Jinping sembra avere la strada spianata per andare avanti con la sua ambiziosa agenda di riforme. I principali obiettivi includono ridurre l’elevato livello di indebitamento corporate e implementare le riforme sul lato dell’offerta. Sul primo punto, sono già stati fatti dei progressi. Ad esempio, sul fronte delle società di proprietà statale (SOE) sono stati chiusi i produttori inefficienti, sono state incentivate le operazioni di M&A e alcune società poco produttive sono state fatte fallire, piuttosto che alimentare ulteriormente il debito.

India, un altro mercato asiatico in piena fase riformista

La Cina non è l’unico Paese asiatico ad aver intrapreso riforme significative. Il Primo Ministro dell’India, Narendra Modi, ha già raggiunto diversi dei suoi obiettivi principali, incluso lo schema di demonetizzazione volto a ridurre la corruzione e l’introduzione di una tassa onnicomprensiva per beni e servizi. Il Governo ha anche intrapreso una ricapitalizzazione da $32 miliardi delle grandi banche di proprietà statale, molte delle quali sono appesantite da prestiti corporate non performanti.

La continua rilevanza dei consumatori asiatici

I consumatori asiatici continuano a rappresentare un forte tema di investimento. La popolazione è in continua crescita, con quasi la metà della popolazione mondiale situata in Cina ed India. Il benessere sta aumentando, così come l’indebitamento delle famiglie, specialmente in Cina. Ciò non implica solamente una maggiore penetrazione in uno spettro sempre più ampio di beni e servizi, ma anche un cambiamento nei trend di consumo.
Ad esempio, il livello di indebitamento medio delle famiglie cinesi è aumentato significativamente nell’ultimo decennio. La Cina è ora il più grande mercato retail a livello globale, ma c’è ancora molto margine di crescita. Lo shopping online e la crescita di società di e-commerce come Tencent e Alibaba indicano che i consumatori si stanno rivolgendo sempre più ad internet per acquistare un paniere sempre più ampio di beni e servizi.

Innovazione e progresso tecnologico

Un altro tema chiave in Asia è rappresentato dalla rapida crescita ed evoluzione delle nuove tecnologie che, secondo il gestore, proseguirà per molti anni. Un tempo il focus era su computer tradizionali, tablet e cellulari, mentre ora la nuova frontiera della tecnologia avanzata include aree come l’automazione, la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale. Nei nostri portafogli asiatici, puntiamo a catturare l’innovazione in vari modi.

La politica monetaria statunitense

Un’altra tematica centrale per l’Asia nel 2018 sarà l’impatto potenziale dell’aumento dei tassi negli Stati Uniti. Storicamente, l’inasprimento monetario è stato negativo per le economie asiatiche. Oggi, però, lo scenario in Asia è molto diverso. I tassi di interesse reali sono su livelli relativamente elevati rispetto a quelli statunitensi, i deficit delle partite correnti di molti Paesi sono in surplus e le valute sono generalmente stabili e offrono un cuscinetto solido contro il rialzo dei tassi. Di conseguenza, a differenza che in passato, le Banche Centrali asiatiche non dovranno necessariamente rispondere a loro volta con dei rialzi dei tassi che potrebbero minare la crescita.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: asia, cina, india, consumi
Come valuti questa notizia?
Le chance dell’Asia Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Previdenza, occorre avere strategie finanziarie
Notizia successiva »
I vantaggi della prudenza
ARTICOLI CORRELATI
India, la lunga strada delle riforme pubblicato il 11 maggio 2018
Al posto dei Btp pubblicato il 8 giugno 2018
L’India continua a crescere più della Cina pubblicato il 3 aprile 2018
La Cina spinge in alto il debito planetario pubblicato il 25 maggio 2018
Le azioni cinesi entrano nell’indice Msci Em pubblicato il 4 giugno 2018