Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Una tappa intermedia per la Brexit

16/11/2018

Una tappa intermedia per la BrexitLe notizie sulla Brexit hanno mostrato una rapida evoluzione: è stata raggiunta un'intesa sulla bozza di testo dell'accordo di separazione. Un probabile accordo sulla Brexit ha implicazioni sia a breve che a lungo termine per i mercati.

Il team di Pimco prevede la presenza di volatilità con l'avanzare del processo di raggiungimento dell'accordo, insieme a un potenziale rialzo dei rendimenti dei titoli sovrani nel Regno Unito e al rafforzamento della sterlina. Quindi, anche se siamo in presenza di un gioco di politica del rischio calcolato, l'aspettativa di Pimco è che l'accordo di transizione venga firmato.

In questo scenario, la casa d’investimenti statunitense si aspetta che i rendimenti del Regno Unito aumentino e che i titoli di stato mostrino performance inferiori rispetto alle obbligazioni globali, data la riduzione dell'incertezza a breve termine. Con l'economia del Regno Unito a pieno regime e alcuni segnali di incremento dei salari, un accordo aumenta anche la probabilità che la Banca d'Inghilterra alzi i tassi di interesse rispetto a quelli attualmente scontati dai mercati (due aumenti nei prossimi due anni). Ciò, a sua volta sosterrebbe la sterlina. In ogni caso, non tutti i premi di rischio Brexit dovrebbero essere liquidati, ma ogni passo verso un futuro accordo commerciale stabile sicuramente rappresenta un elemento positivo. 

Per Natixis Im,è sempre stato chiaro che i negoziati per la Brexit non sarebbero stati facili e, quando un progetto di accordo tra il Regno Unito e l'Unione europea è stato finalmente raggiunto, sono emersi ulteriori problemi. Innanzitutto, nella bozza di accordo rimangono alcuni punti in sospeso, come ad esempio il confine irlandese, che rendono difficile per la May ottenere l'approvazione da parte del Parlamento. In secondo luogo, e in modo più critico, il giorno dopo che l'alto gabinetto di Teresa May ha votato a favore del progetto di accordo, due ministri chiave, tra cui il segretario di Brexit Dominic Raab, si sono dimessi, minando ulteriormente l'accordo e l'autorità del Primo Ministro. 

Il maggiore rischio al momento sembra essere la politica interna del Regno Unito, in quanto un voto di sfiducia o un no da parte del Parlamento potrebbe mettere a rischio le possibilità di May di raggiungere un accordo prima della scadenza di marzo 2019. Come accade dal 2016, la sterlina sta sopportando il peso dell'incertezza e ha subito un brusco calo a seguito delle ultime notizie. Rimangono ancora numerosi ostacoli, con una maggiore incertezza in merito alla capacità di May di rimanere al potere e di far passare questo accordo, quindi è probabile che nelle settimane vedremo un'ulteriore volatilità sugli asset del Regno Unito. Il team di Natixis crede che, alla fine, un accordo sarà raggiunto, in quanto una mancanza di accordo sulla Brexit viene percepito come un risultato peggiore, ma non prima di un ulteriore tira e molla nella politica inglese.

Questo accordo è certamente un successo e nessuno può illudersi di quanto sia stato difficile raggiungere questo risultato. Ma non siamo arrivati alla fine. Le insidie sono sulla spinosa questione del confine irlandese. Tutto dipende da questo e, in ultima analisi, se Theresa May riuscirà a far passare il tutto in Parlamento. C'è una spada di Damocle che sovrasta Theresa May e che è in mano ai suoi stessi deputati. Theresa May deve ancora convincere loro e il resto del Parlamento, e la conclusione non è scontata.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: brexit, may, sterlina, boe
Come valuti questa notizia?
Una tappa intermedia per la Brexit Valutazione: 3/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La speculazione molla il barile
Notizia successiva »
Un’Europa che continua a deludere
ARTICOLI CORRELATI
Corsa a ostacoli per Theresa May pubblicato il 23 novembre 2018
Effetto Brexit sulla sterlina e sui servizi pubblicato il 24 settembre 2018
Sfide in un mondo non più sincronizzato pubblicato il 28 novembre 2018
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018
Cfd, scommettere con giudizio sulle valute pubblicato il 2 gennaio 2018