Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dollaro, un mediocre rally

18/01/2019

Dollaro, un mediocre rally

Se i prossimi mesi portassero una schiarita, sia economica, sia politica, scenario sul quale in questa prima parte di anno i mercati sembrano puntare, con un cambiamento di atteggiamento mentale nel giro di poche settimane davvero notevole, si aprirebbe una cornucopia di opportunità di vasto respiro.

Una di queste vedrebbe al centro un probabile processo di indebolimento del dollaro. In generale, infatti il biglietto verde tende a sottoperfomare nelle fasi di espansione globale e di propensione al rischio, anche se ci sono molte eccezioni.

Una delle più rilevanti fra queste eccezioni è stata l'andamento dell'ultimo decennio che ha visto un lungo bull market secolare del biglietto verde, invertendo quanto successo nei primi anni 2000. In tale periodo storico infatti la crisi dell'Europa e quella di diversi emergenti, con il rallentamento generale della crescita hanno portato a una rinnovata stagione di forza del biglietto verde. Oggi potremmo essere arrivati, se non a un punto di svolta, quanto meno a una fase congiunturale diversa. I prodromi sono tanti e numerosi: pensiamo all'andamento nei confronti dell'euro e dello yen ad esempio.

Nonostante una politica monetaria immensamente più restrittiva rispetto a Eurozona e Giappone, non è che l'azione della Fed abbia spinto al rialzo più di tanto la propria valuta. Se il ribasso del biglietto verde nella prima metà del 2018 poteva infatti essere spiegato con la convinzione diffusa all'epoca di stare vivendo una fase di boom generalizzato, che avrebbe  allentato il differenziale con gli Usa entro poco tempo, meno spiegabili appaiono i pattern della seconda metà dell'anno passato.

Con un'Europa sull'orlo della recessione, la crisi turca, segnali di precipitoso rallentamento provenienti dall'Asia e altro, il biglietto verde avrebbe dovuto volare, mostrando invece nei confronti dell'euro solo un modesto rafforzamento. Per quanto riguarda gli emergenti, poi, in diversi casi alcune delle valute più instabili hanno addirittura visto un rafforzamento durante gli ultimi terribili mesi autunnali.

Se andiamo a guardare un grafico sul medio-lungo termine del cross Eur-Usd vediamo che sostanzialmente il cambio si è mosso in un trading range, neppure incredibilmente ampio, nell'ultimo quadriennio. Ciò nonostante si sia trattato del periodo in cui la Bce ha iniziato il proprio quantitative easing, mentre la Fed lo terminava e iniziava (stentatamente) a provare di tornare alla normalità. Una fase in cui l'aggiustamento del complesso dei tassi dei paesi core europei si è mosso al rialzo solo in maniera minima, mentre in compenso sono crollati spread e premi al rischio delle obbligazioni meno solide del continente. Dall'altra parte dell'oceano in compenso affluivano copiosi capitali su tutto il complesso dei Treasury da parte di investitori (moltissimi asiatici) affamati di un minimo di rendimento a rischio contenuto. In particolare il processo è risultato evidente sulla parte a più lunga scadenza della curva, fatto che ha generato nel corso degli anni l'appiattimento attuale.

Anche se osserviamo l'evoluzione nella seconda parte del decennio da parte del cambio dollaro-yuan, si può evidenziare tutto sommato una certa modestia di movimenti. Infatti la divisa del Dragone ha toccato il proprio massimo storico, intorno a quota 6, nella primavera del 2013. Da allora è cominciata una costante, ma tutto sommato lenta, discesa che ha portato lo scorso novembre il biglietto verde ai massimi intorno a 6,96, per poi scendere intorno a 6,75-6,80 nelle ultime settimane. Nel corso di sei anni la valuta statunitense si è rivalutata fino a un massimo del 16%.

Certamente non si tratta di un movimento irrilevante, ma se si considera che nel frattempo la Cina è entrata nella fase di crescita economica più lenta della propria storia capitalistica moderna, ha sperimentato il primo fenomeno di fuga di capitali, che è costata un trilione di dollari in riserve valutarie, il mercato azionario locale è andato incontro a brutali bear market ed è scoppiata una sorta di nuova guerra fredda con l'occidente, si può senz'altro affermare che il movimento è stato modesto.

Alla base di quanto accaduto, o non accaduto, ci sono diverse ragioni. Nei prossimi articoli vedremo di capire quali sono e anche di tentare di prevedere un minimo il futuro, individuando le migliori occasioni da cogliere.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: dollaro, euro, yuan
Come valuti questa notizia?
Dollaro, un mediocre rally Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
I debiti delle società fanno paura
Notizia successiva »
Il peso dello shutdown su Wall Street
ARTICOLI CORRELATI
Lo yuan, una buona occasione se i mercati tengono pubblicato il 21 gennaio 2019
Torna il carry trade pubblicato il 11 marzo 2019
Una strategia valutaria fra Cina e Giappone pubblicato il 23 gennaio 2019
Il rifugio giapponese pubblicato il 12 febbraio 2019
I debiti delle società fanno paura pubblicato il 17 gennaio 2019