Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Bce, aumento tassi rinviato a tempi migliori

25/01/2019

Bce, aumento tassi rinviato a tempi miglioriCome spesso accade con la Banca Centrale Europea, le chiavi per comprendere al meglio la riunione di ieri si possono incontrare più facilmente nelle parole pronunciate dal governatore Mario Draghi rispetto alle decisioni adottate dal board dell’istituto.

La Bce non si è mossa di un millimetro rispetto a quanto delineato nell’ultima riunione del 2018, quando ha confermato la conclusione degli acquisti netti di titoli e limitò la misura solo ai titoli in scadenza già presenti nel proprio bilancio. Le parole pronunciate ieri pomeriggio da Draghi hanno invece evidenziato come sia molto difficile che si registri un incremento del costo del denaro nel corso del 2019.

Si tratta di una decisione prevedibile e ortodossa in presenza di una congiuntura instabile, che include una decelerazione dell’economia europea superiore alle attese e una moltiplicazione dei dubbi di natura economica e geopolitica. In siffatto panorama, risulta ragionevole che il primo rialzo dei tassi venga rinviato al 2020 (in attesa di condizioni più favorevoli all’adozione di tale decisione).

Draghi ha ricordato che attualmente il sistema finanziario è molto più solido e sano rispetto al passato. Con queste parole, il governatore ha raffreddato le attese per una nuova iniezione di liquidità per il sistema bancario mediante gli strumenti di finanziamento a lungo termine (LTRO).

Draghi ha confermato l’arrivo di una fase di debolezza per l’economia dell’eurozona e i rischi per il sentiment economico ascrivibili al contesto geopolitico e alle incertezze sulla soluzione del confronto sui dazi tra Stati Uniti e Cina. In tutti i casi, la Bce è pronta a supportare l’economia dell’area euro con le misure di politica monetaria a sua disposizione nel caso in cui la crescita mondiale dovesse segnare battute d’arresto nel corso dell’anno. Il governatore si mostra fiducioso nel raggiungimento del target inflation al 2% per il tasso d’inflazione dell’eurozona: la dinamica salariale e il supporto delle politiche monetarie saranno in grado di garantire il raggiungimento dell’obiettivo.

Anche secondo la maggior parte dei money manager, la probabilità che la Bce incrementi i tassi quest’anno è molto bassa. Al contrario, molti esperti sostengono che la Bce abbia maggiori probabilità di fornire sostegno all’economia attraverso l’emissione di una terza ondata di TLTRO (targeted longer-term refinancing operation), ovvero un’altra operazione di rifinanziamento più a lungo termine. Tali operazioni sono state menzionate nel corso della riunione, ma la Bce non ha ancora preso una decisione, probabilmente in attesa della prossima tornata di previsioni nella riunione di marzo.

Durante la conferenza stampa di ieri, il governatore ha sottolineato che –nonostante l’ampia dotazione di strumenti a disposizione della Bnaca Centrale- l’istituto non possa fare tutto da solo. Draghi ha affermato per l’ennesima volta che sono i Governi alla guida dei paesi membri dell’eurozona a dover delineare le politiche economiche più adeguate a proteggere l’area dai venti contrari alla crescita e alla stabilità.

Oltre all’impatto di una prospettiva più debole sulla politica monetaria, è probabile che gli investitori si interroghino presto su chi sostituirà Mario Draghi come Presidente alla fine dell’anno.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: draghi, bce, tassi, recessione
Come valuti questa notizia?
Bce, aumento tassi rinviato a tempi migliori Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Casa, un mercato che cresce lentamente
Notizia successiva »
Le poche opportunità, che però esistono, nei bond
ARTICOLI CORRELATI
La prossima recessione non arriverà nel 2019 pubblicato il 18 aprile 2019
Timori di recessione, scatta la corsa ai Bund pubblicato il 8 febbraio 2019
Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta pubblicato il 15 gennaio 2019
Draghi rinvia i dettagli sulla prossima iniezione di liquidità pubblicato il 11 aprile 2019
L'enigma statunitense pubblicato il 27 marzo 2019