Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il petrolio chiude un mese in ascesa

01/02/2019

Il petrolio chiude un mese in ascesaIl petrolio ha archiviato il miglior mese di gennaio dal 1983. Anche se le quotazioni continuano a rimanere su livelli piuttosto bassi rispetto ai massimi raggiunti nel giugno del 2008 (140 dollari al barile), l’incremento percentuale accumulato nel corso del primo mese del 2019 è stato a due cifre.

Quest’ascesa conferma che i tagli alla produzione voluti dall’Opec e dai suoi alleati hanno cominciato a sortire l’effetto sperato. Contemporaneamente, la prudenza della Federal Reserve, che in settimana ha confermato la frenata in materia di strette del costo del costo del denaro per il 2019, ha migliorato il sentiment sui mercati finanziari. Un ulteriore effetto positivo sui prezzi del barile è pervenuto dal lieve miglioramento delle prospettive di crescita dell’economia globale e dalla frenata del trend ascendnete del dollaro statunitense.

Secondo gli esperti del settore commdities, l’accordo tra l’Opec e i suoi alleati per tagliare la produzione di petrolio di 1,2 milioni di barili giornalieri, la forte contrazione della produzione in Iran e Venezuela e l’instabilità che caratterizza la produzione in Libia e Nigeria, potrebbero essere da soli sufficienti a garantire una prossima stabilizzazione delle quotazioni in prossimità dei 70 usd al barile. L’Opec ha comunicato che la produzione a dicembre ha registrato 751.000 barili giornalieri rispetto al mese di novembre (attestandosi a 31.578 mln mensili), anticipando ‘de facto’ il nuovo taglio alla produzione (entrato in vigore il 1° gennaio da quanto si apprende dalla lettura del comunicato mensile pubblicato dai membri del cartello petrolifero).

La settimana scorsa, le importazioni statunitensi di petrolio saudita sono scese al livello più basso da ottobre del 2017. Il petrolio West Texas, quello di riferimento per il mercato Usa, ha recuperato parte del terreno perso nell’ultimo trimestre del 2018 (periodo in cui ha accusato un calo del 40%). La grave situazione economico- finanziaria in cui versano alcuni dei paesi membri del cartello, ha convinto l’Opec e i suoi alleati a impegnarsi sul versante dei tagli alla produzione per cercare di supportare i prezzi.

Ai tagli si somma la crisi del Venezuela, che minaccia di limitare in maniera ancora più marcata le somministrazioni di greggio. Le sanzioni statunitensi applicate al Venezuela rappresentano ‘un embrago petrolifero a tutti gli effetti’ e finiscono con l’offrire un supporto alle quotazioni.

Attualmente, la quotazione dle barile di West Texas è vicina ai 55 usd rispetto ai 45 della chiusura di dicembre. Ieri il rialzo è stato vicino al 2%. La quotazione del brent, greggio di riferimento per il mercato europeo, ha superato i 62 usd al barile rispetto ai 53,8 della chiusura di dicembre. Ieri il progresso giornalieri è statao di circa l’1,5%.

Molti esperti ritengono che il mercato petrolifero –domanda vs offerta- dovrebbe stabilizzarsi durante la prima metà del 2019. Nella seconda parte dell’anno i deficit domanda/offerta dovrebbero diventare marginali e si entrerà in una fase in cui qualsiasi piccola crisi di produzione sarà capace di erodere gli inventari e spingere i prezzi al rialzo.

Sembra che i tagli alla produzione voluti dall’Opec stanno riportando in equilibrio il mercato. Questo nuovo scenario di riferimento sta facendo guadagnare terreno alle posizioni long. A Wall Street si assite già a un incremento degli investimenti in futures che potrebbe alimentare  la domanda e i prezzi.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: brent, west texas, opec, barile
Come valuti questa notizia?
Il petrolio chiude un mese in ascesa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Immobili, guadagnare si può
Notizia successiva »
Quanto può salire Seoul
ARTICOLI CORRELATI
Il greggio spinge le oil companies pubblicato il 4 marzo 2019
Mercati, i principali appuntamenti di primavera pubblicato il 14 marzo 2019
Opec e quadratura del cerchio pubblicato il 11 dicembre 2018
La speculazione molla il barile pubblicato il 15 novembre 2018
Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta pubblicato il 15 gennaio 2019